Letteratura
Adesso stai leggendo
Gestione delle dimensioni della posizione - Tom Basso [Recensione]
0

Gestione delle dimensioni della posizione - Tom Basso [Recensione]

creato Michał SielskiLuglio 28 2021

Quando leggi del fatto che il libro è leggendario Tom Basso si tratta solo ed esclusivamente di scegliere la dimensione della posizione che un trader può aprire sul mercato, inizialmente è difficile da credere. I più grandi investitori di solito usano ogni argomento per contrabbandare i loro pensieri d'oro più o meno significativi su ogni argomento. Questa volta, però, è diverso: Tom Basso ha scritto quasi 100 pagine in esclusiva sulla gestione delle dimensioni dell'articolo e non ti annoi mai durante la lettura.

Sì, l'intero libro riguarda la ricerca della giusta dimensione dell'articolo. E sebbene molti, in particolare i trader principianti, lo considerino un cliché, non è così ovvio. Come mai? Se non altro perché la posizione non può essere solo troppo grande. Se è troppo piccolo, è anche dannoso per il commerciante. 

“Quando le posizioni sono troppo grandi, una persona diventa sovreccitata, frustrata, eccitata e alla fine esausta osservando i cambiamenti dinamici dei prezzi. D'altra parte, un oggetto di dimensioni troppo piccole provoca mancanza di interesse, noia e sciatteria. Pertanto, entrambi i casi portano a una diminuzione dei tassi di rendimento attesi " - leggiamo nel libro di Tom Basso. 

Il rischio è buono, il fallimento no

L'autore scrive molto sul rischio in una transazione. Di solito si trova che la massima perdita presunta, ad es. Ordine Stop Loss non deve superare l'1% del capitale per operazione. Tom Basso va ancora oltre, ma sulla difensiva. Ai principianti viene offerto un rischio di solo lo 0,5% del loro capitale per posizione e aprono fino a 20 posizioni diverse (che a loro volta sono considerate molto rischiose). 

Infatti, in ogni capitolo troviamo un riferimento a uno dei principi più importanti per un trading di successo: la protezione del capitale. L'autore ammette che quando ha la possibilità di scegliere tra due investimenti simili, sceglie sempre quello più cauto, anche se ci sono molte indicazioni che guadagnerà di meno su di esso. La chiave, però, è trovare il giusto equilibrio.

“L'alto rischio aumenta la probabilità di fallimento, ma mette anche significativamente alla prova la disciplina e le capacità di coping. D'altra parte, un piccolo rischio si traduce in una maggiore stabilità, ma limita i tassi di rendimento e può causare noia" - scrive Tom Basso. 

Una vendita è un profitto? No, ridurre il rischio

Viene presentato un approccio interessante anche in relazione alla chiusura di posizioni redditizie. Secondo l'autore, la gestione delle posizioni non si esaurisce con la selezione ottimale di TP e SL per il capitale detenuto e il rischio assunto all'apertura. Deve essere controllato tutto il tempo - soprattutto se decidiamo, ad esempio, su una SL scorrevole

“Se hai una posizione aperta e il rischio e la volatilità aumentano, puoi ridurre le dimensioni della posizione per controllare la tua esposizione. Descriverei una situazione del genere come un processo di gestione della posizione, non come una presa di profitto in fasi. Forse questa è una piccola differenza, quasi meticolosa, ma ci tenevo a far notare ai nuovi trader la distinzione tra i due approcci”.

Tom Basso lavora 30 minuti al giorno

Puoi essere d'accordo o in disaccordo con l'autore, ma i numeri sono decisamente a suo favore. È in pensione da 15 anni, perché ha deciso che 30 minuti di lavoro al giorno gli bastano.

“Guardo i mercati 30 minuti dopo la chiusura della seduta. Poi aggiorno le posizioni e apporto eventuali modifiche al portafoglio”. - ammette Tom Basso. Il resto del tempo, come ammette lui stesso, è dedicato ad attività più interessanti: balla, gioca a golf, fa ginnastica, ama cucinare e viaggiare. 

Ha iniziato a investire all'età di 12 anni, quando ha investito i soldi guadagnati dalla consegna dei giornali in quote di un fondo di investimento. 

Era uno degli eroi del libro di Jack Schwager "I maghi del mercato", guadagnando un soprannome "Signor Pacifici"perché non si è mai entusiasmato per le fluttuazioni del mercato grazie alla sua fiducia nella sua strategia. È stato il fondatore della società di investimento Trendstat Capital Management. È l'autore di libri "Investimento a prova di panico" e "L'investitore frustrato", ex membro del consiglio di amministrazione della National Futures Association.

Cosa ne pensi?
Io
50%
interessante
50%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
vuoto
Michał Sielski
Un giornalista professionista per oltre 20 anni. Ha lavorato, tra gli altri a Gazeta Wyborcza, recentemente associata al più grande portale regionale - Trojmiasto.pl. Sul mercato finanziario, che è presente da 18 da anni, è iniziato sul WSE quando le azioni di PKN Orlen, TP SA hanno colpito il mercato. Di recente gli investimenti si sono concentrati esclusivamente sul mercato Forex. In privato, paracadutista e amante delle montagne polacche.

Lascia una risposta