principiante
Adesso stai leggendo
La Grande Depressione del XNUMX° secolo: una lezione dolorosa e conseguenze economiche
0

La Grande Depressione del XNUMX° secolo: una lezione dolorosa e conseguenze economiche

creato Forex ClubSettembre 23 2022

Di solito Grande Depressione con cui ci associamo il periodo 1929 - 1933, che ha determinato lo sviluppo dell'interventismo statale e un nuovo sguardo all'economia (keynesismo). Tuttavia, fino alla fine degli anni '20 del XX secolo il termine Grande Depressione era riservato agli eventi degli anni 1873-1879 o 1873-1896 (a seconda dei criteri adottati). Nel testo di oggi presenteremo brevemente la storia di questo periodo nello sviluppo dell'economia dell'Europa e degli Stati Uniti. Vi invitiamo a leggere!

Ambiente pre-crisi

001 proclamazione dell'Impero tedesco

Proclamazione dell'Impero tedesco a Versailles. Fonte: wikipedia.org

Gli anni precedenti la Grande Depressione furono pieni di eventi che cambiarono il corso della storia mondiale. Nel 1865 terminò la guerra civileche portò all'abolizione della schiavitù in tutti gli Stati Uniti e alla sottomissione degli Stati del Sud alla volontà politica delle élite (economiche e politiche) del Nord. Non molto tempo dopo, l'egemone europeo - la Francia - fu sconfitto nella guerra con la Prussia. Come risultato della vittoria prussiana nella guerra, l'istituzione dell'Impero tedesco fu annunciata a Versailles sotto la guida della dinastia degli Hohenzollern. Al centro dell'Europa è stata creata un'area economica unificata, che nel tempo ha perso i guanti della più grande potenza dell'epoca: la Gran Bretagna. La rivalità tra l'Impero tedesco e la Gran Bretagna si concluse con la tragedia della prima guerra mondiale, che segnò l'inizio della fine del dominio dell'Europa nel mondo (ma questa è un'altra storia). 

Espansione economica in Europa centrale

La vittoria della Prussia con la Francia significava che la Francia fu costretta a pagare un enorme contributo di guerra. Questo, combinato con la più profonda integrazione economica della Germania, ha portato all'emergere di un boom economico nella parte centrale dell'Europa. Ha irradiato da Tedesco in tutta l'Europa centrale. L'invenzione del convertitore Bessemer ha consentito la produzione di acciaio di migliore qualità. Questo, a sua volta, ha portato a una più rapida espansione delle linee ferroviarie. Il mercato immobiliare si è sviluppato in modo dinamico e sempre più capitali sono stati investiti nell'industria pesante e nelle compagnie ferroviarie. I principali centri di espansione economica furono l'Impero tedesco e l'Austria-Ungheria.

Germania e Austria-Ungheria

La grande vittoria sulla Francia provocò euforia in Germania. L'entusiasmo per la riunificazione della Germania, unito alla ricezione di enormi contributi dalla Francia, provocò una vera e propria febbre degli investimenti nell'impero tedesco. Sono stati effettuati investimenti in linee ferroviarie, acciaierie, nuove miniere e cantieri navali. Ovviamente, i grandi investimenti richiedevano enormi spese in conto capitale. Di conseguenza, iniziò l'espansione del credito sia delle banche tedesche che di altre grandi banche europee. Le banche britanniche e austriache hanno svolto un ruolo speciale. Sull'onda dell'euforia nell'impero tedesco, si decise di introdurre un gold standard. Il momento clou è stato il 9 luglio 1873, quando il marchio d'oro è stato introdotto per sostituire le vecchie valute locali. Pertanto, il passaggio al gold standard è stato quasi simultaneo su entrambe le sponde dell'Atlantico (Germania e Stati Uniti). 

L'afflusso di capitali speculativi a breve termine ha innescato un forte boom nei mercati azionari tedeschi e austriaci. Nuove aziende che avevano bisogno di capitali per lo sviluppo sono emerse come funghi dopo la pioggia. Naturalmente, c'erano molti truffatori finanziari che avevano investitori con una visione di profitti superiori alla media, ma poco dopo aver raccolto il capitale, le società si sono imbattute in "Difficoltà impreviste". Dopo la crisi, alcune borse hanno provveduto a sigillare e professionalizzare il mercato dei capitali. Tra loro c'erano, tra gli altri Borsa di Vienna.

001 Bethel Henry Strousberg

Bethel Henry Strousberg. Fonte: Wikipedia.org

Contestualmente si è intensificata la tendenza al consolidamento delle industrie. Il miglior esempio è stato l'impero Betel di Henry Strousbergche, grazie ai buoni contatti con il governo prussiano e all'ottenimento di finanziamenti a basso costo dalle banche britanniche, divenne rapidamente un consolidatore del mercato ferroviario in Germania. Ha incluso i.a. Linee ferroviarie di Tylża (ora sovietico) - Insterburg, Berlino - Gorlitz czy Hannover - Altenbeken. La difficile situazione di questo magnate dell'industria e delle ferrovie arrivò intorno al 1873, quando ebbe problemi con il finanziamento di numerosi progetti di investimento, tra cui un progetto in Romania. Fu il flop finanziario e organizzativo in Romania a innescare gli enormi problemi finanziari di Strousberg che durarono fino alla sua morte nel 1884. Nel 1873 erano un segnale che c'era una carenza di capitale per finanziare investimenti a lungo termine a buon mercato. Lo scoppio della bolla speculativa ha portato a una forte svendita di azioni e numerosi fallimenti di aziende e banche.

Espansione negli Stati Uniti

A sua volta, la riunione degli Stati Uniti ha provocato un'altra ondata di espansione territoriale ed economica. È iniziato il periodo di un'altra ondata di "Espansione verso l'Occidente". Furono costruite ferrovie e furono fondate più città nell'area degli Stati occidentali. L'Homestead Act ha giocato un ruolo enorme in questoche dopo la Guerra Civile non fu più bloccato dai senatori del "Sud". In base a questa legge, i cittadini potevano ottenere terra libera (di solito 160 acri). Ovviamente l'espansione dei coloni provocò un notevole deterioramento del tenore di vita degli indiani, che stavano perdendo le loro riserve di caccia e furono relegati in zone meno favorevoli. 

L'arrivo dei coloni e lo sviluppo delle linee ferroviarie furono un impulso per l'espansione economica. Allo stesso tempo, la fine delle guerre ha incoraggiato le banche di molti paesi ad espandere i loro prestiti. L'afflusso di capitali ha permesso di finanziare investimenti con fondazioni dubbie. Tuttavia, mentre il capitale era prontamente disponibile, molti trader e speculatori avevano una maggiore propensione al rischio. Tra il 1868 e il 1873 negli Stati Uniti furono costruiti circa 53 chilometri di ferrovie. Tale espansione economica è stata finanziata sia con l'aiuto del governo che con una massiccia espansione del credito. Il problema era che i prestiti venivano presi per investimenti a lungo termine. Nel caso del finanziamento di progetti a lungo termine con prestiti a breve termine, esisteva il rischio di un gap di liquidità. 

Coinage Act del 1873 e i problemi di Jay Cooke & Company

L'espansione economica è stata interrotta da problemi temporanei che, tuttavia, non hanno contribuito a un forte rallentamento dell'economia. Era così in caso di Venerdì nero 1869, l'incendio di Chicago del 1871o l'incendio di Boston del 1872. Questo fu anche il caso nel 1873, quando fu introdotta una legge che demonetizzava l'argento dal sistema monetario statunitense. L'atto di cui sopra è il Coinage Act. Ciò ha avuto un effetto negativo sull'intera industria mineraria dell'argento americana. Molti proprietari di miniere d'argento chiamarono la legge "Il crimine del 73esimo". Secondo la legge, è stato introdotto un gold standard de facto perché argento ha cessato di essere acquistato allo scopo di emettere dollari. Secondo la legge precedente, c'era il bimetallismo, in cui qualsiasi proprietario di argento poteva portare il minerale in una zecca speciale e ricevere in cambio un "dollaro d'argento". Il più delle volte, l'argento veniva fornito da piccole miniere, ma con l'apertura dell'enorme miniera d'argento a Comstock Lode, c'è stato un aumento dell'offerta di argento, che si è riflesso nell'espansione monetaria (un aumento dell'offerta di " argento" soldi "). Durante il bimetallismo, sia l'argento che l'oro avevano corso legale. 

Tuttavia, dalla metà del diciannovesimo secolo in poi, sempre più finanzieri alzarono la voce per introdurre un gold standard che doveva essere molto più stabile del sistema dell'argento e dell'oro. L'Atto del 1873 mise sotto pressione il calo dei prezzi dell'argento. Questo fu il secondo colpo al settore minerario dell'argento degli Stati Uniti, poiché il conio di talleri d'argento fu interrotto in Germania nel 1871. Di conseguenza, la domanda di argento americano è diminuita. Questi fattori causarono un forte calo del prezzo dell'argento e un rallentamento del ritmo dell'espansione monetaria nel 1873. Di conseguenza, c'è stato un aumento dei tassi di interesse di mercato. Questo, a sua volta, ha colpito gli agricoltori che hanno finanziato l'ammodernamento delle loro aziende agricole con prestiti. Inoltre, l'aumento dei tassi di interesse ha influito anche sui costi di finanziamento di grandi progetti di investimento. 

002 Jay Cooke

Jay Cooke creatore di Jay Cooke & Company. Fonte: Wikipedia.org

Uno dei sintomi più importanti dei problemi nel mercato finanziario statunitense è stato il problema Jay Cooke & Company. Nel settembre 1873, la compagnia ha lottato per trovare finanziamenti per la Northern Pacific Railway. L'azienda non è riuscita a trovare persone disposte ad acquistare obbligazioni del valore di diversi milioni di dollari. Jay Cooke & Company era nei guai perché era l'azionista di maggioranza della società. Ha assicurato le sue passività con azioni della Northern Pacific Railway. A causa dei problemi sui mercati finanziari europei, la società non aveva nessuno a cui vendere le sue azioni o trovare qualcuno disposto a continuare a finanziare la compagnia ferroviaria. Di conseguenza, il 18 settembre 1873, Jay Cooke & Company dichiarò insolvenza. Tra il 1873 e il 1879, 18 aziende negli Stati Uniti fallirono, comprese 000 compagnie ferroviarie.

La prima crisi "mondiale".

Il panico del 1873 fu la prima crisi che si estese molto rapidamente ad altri paesi e persino continenti. Il motivo era la crescente integrazione del capitale internazionale e del sistema bancario. Due anni dopo il panico, nel 1875, il barone Carl Meyer von Rotshild scrisse a Gerson von Bleichroeder che "il mondo intero è diventato un centro di borsa". In arbitrato reciproco dei prezzi delle azioni  ha aiutato flussi di capitale relativamente facili e nuove invenzioni come telegrafo.

Il 9 maggio 1873 scoppiò il panico alla Borsa di Vienna. Di conseguenza, molte banche con capitale inferiore sono crollate, causando problemi di liquidità in molte imprese indebitate. Il panico a Vienna si è diffuso molto rapidamente in Italia, Paesi Bassi e Belgio. Poi ha colpito la Gran Bretagna e ha colpito il mercato dei capitali americano con un leggero ritardo. Il motivo per cui gli Stati Uniti sono stati "contagiati dalla crisi" è stato, tra l'altro, il fatto che il capitale tedesco a breve termine abbia investito in compagnie ferroviarie e investito in appezzamenti americani (principalmente negli stati americani "occidentali"). I problemi in Germania hanno prosciugato la fonte di finanziamento a basso costo per le compagnie ferroviarie. Questo a sua volta ha causato i problemi di solvibilità di Jay Cooke & Company. Di conseguenza, ha portato al crollo di diverse banche americane. I problemi del settore finanziario americano si sono tradotti in problemi delle istituzioni finanziarie europee. Improvvisamente, i prestiti, le obbligazioni e le azioni di molte società americane erano diventati inutili. La seconda ondata di panico finanziario ha colpito nuovamente Vienna all'inizio di novembre. Il panico raggiunse anche Londra, Parigi e l'impero russo. 


LEGGI: Borsa austriaca: come investire in società austriache?


I problemi dell'agricoltura europea e l'ascesa del protezionismo

La crisi del 1873 fu seguita da una depressione dell'agricoltura europea. Il fattore responsabile di ciò era la riduzione dei costi di produzione negli Stati Uniti e in Canada. La ragione dei costi di produzione inferiori era che molte fattorie in Nord America sono state modernizzate. Di conseguenza, la produttività dell'azienda negli Stati Uniti era spesso superiore a quella dei concorrenti europei. Un altro fattore è stato il minor costo del trasporto (sia terrestre che marittimo). Di conseguenza, il costo del trasporto di una tonnellata di grano da Chicago a Liverpool è sceso da £ 37 nel 1873 a £ 21 nel 1880. Quattro anni dopo erano solo £ 14. I minori costi di produzione e il calo dei prezzi di trasporto hanno reso più conveniente importare grano e altri prodotti agricoli dall'estero rispetto all'acquisto di beni dai produttori locali. 

Tra gli anni '70 e la fine del XNUMX° secolo, le importazioni americane grano e la farina in Gran Bretagna è aumentata del 90%, mentre le importazioni di carne sono aumentate del 300%. A sua volta, l'importazione di burro e formaggio è aumentata contemporaneamente del 110%. L'aumento delle importazioni ha comportato un calo dei prezzi dei prodotti agricoli. Nel 1895, i prezzi delle materie prime agricole sono scesi al livello più basso degli ultimi 150 anni. La diminuzione della redditività della produzione agricola fece sì che dal 1873 al 1898 la superficie arabile in Gran Bretagna diminuisse del 22%. Il calo dei prezzi ha peggiorato le condizioni delle famiglie britanniche. Ciò ha portato le persone a migrare dalle campagne alle città. Di conseguenza, l'industria ha ricevuto un afflusso di manodopera a basso costo, che ha allentato la pressione salariale. Lo dimostrano i dati sulla popolazione. Tra il 1871 e il 1901 la popolazione di Inghilterra e Galles è aumentata del 43%, mentre la popolazione rurale è diminuita di un terzo durante questo periodo. 

Un altro effetto della crisi del 1873 fu l'aumento del protezionismo, poiché il calo dei prezzi dei prodotti agricoli peggiorò la condizione dei contadini autoctoni. Nel 1879 nell'impero tedesco furono introdotti dazi di protezione dai prodotti agricoli a basso costo. I dazi Meline furono introdotti in Francia nel 1892. Naturalmente, non tutti i paesi sono entrati nel percorso protezionistico. Gran Bretagna e Paesi Bassi erano tra i paesi che cercavano di lottare per una maggiore libertà di commercio.

Le conseguenze del panico 1873

Il panico del 1873, unito alla crisi finanziaria, influenzò le condizioni di molte imprese. I fallimenti hanno contribuito all'aumento del tasso di disoccupazione. Alcuni paesi hanno subito una forte recessione economica. Un esempio potrebbe essere la Gran Bretagna, per la quale il periodo dal 1873  - Il 1896 è chiamato la "Lunga Crisi". A quel tempo, molte industrie britanniche stavano stagnando. I periodi di sviluppo economico interruppero i periodi di recessione economica, soprattutto negli anni 1873, 1886 e 1893. Vale la pena notare, tuttavia, che fu un periodo di aumento della produttività e di deflazione dei prezzi.

La crisi del mercato dell'argento ha causato un forte calo del rapporto argento/oro. Ciò ha comportato la svalutazione della rupia (la valuta era basata sull'argento). Di conseguenza, c'è stato un aumento del costo delle merci importate. Questo evento è noto come la "caduta della rupia". Questo è un altro esempio delle conseguenze internazionali della crisi del 1873.

La crisi ha colpito i problemi economici anche dei paesi periferici. Uno di questi era - "Sick Man of Europe" - la Turchia. Il livello degli scambi è diminuito. Allo stesso tempo, il calo dei prezzi dei cereali e di altri prodotti agricoli ha comportato un deterioramento della situazione economica per una parte significativa degli agricoltori. Inoltre, il deterioramento della situazione sul mercato globale dei capitali ha fatto sì che molte entità turche abbiano avuto problemi con il rifinanziamento del proprio debito estero.

Dopo la crisi del 1873, il nuovo standard monetario fu confermato. Dal 1873, la maggior parte delle principali economie aveva una valuta basata su oro (il cosiddetto gold standard). Quest'anno, il gold standard è stato adottato dall'Impero tedesco, gli Stati Uniti. Negli anni successivi il gold standard fu introdotto dai paesi dell'Unione monetaria scandinava, dai Paesi Bassi e da diversi paesi dell'Unione monetaria latina (la convertibilità dell'argento in monete fu sospesa). Alcune delle ultime grandi economie europee ad adottare il gold standard furono l'Austria-Ungheria (1892) e l'Impero russo (1897). L'introduzione del gold standard ha facilitato il commercio internazionale ei flussi di capitali tra le maggiori economie mondiali. Il gold standard ha consentito la stabilizzazione dei tassi di interesse. Il moderato aumento dell'offerta di moneta, insieme all'aumento della produttività, ha determinato una pressione al ribasso sui prezzi. Vale la pena ricordare, tuttavia, che la maggior parte dei paesi sottosviluppati non ha introdotto un gold standard. Il gold standard era al suo meglio fino allo scoppio della prima guerra mondiale. Poi le spese belliche costrinsero i paesi partecipanti alla guerra a sospendere il gold standard.

Una delle conseguenze della crisi del 1873 fu un notevole rallentamento della produzione industriale. In Gran Bretagna, tra il 1873 e il 1890, l'incremento medio della produzione industriale è stato dell'1,7%. Tuttavia, negli anni precedenti la crisi (1850  - 1873), la produzione industriale crebbe ad un tasso medio del 3% annuo. Il rallentamento dello sviluppo economico ha interessato anche l'Impero tedesco, gli Stati Uniti e la Francia. 

La crisi del 1873 fu uno dei catalizzatori della lotta europea per le colonie. La pressione deflazionistica ha costretto le imprese ad aumentare la produttività e l'accesso a materie prime a basso costo. Il luogo dello scontro è stato principalmente l'Africa, dove si è svolta una vera e propria corsa delle principali potenze europee per la maggior parte del continente. I protagonisti dell'epoca erano: Gran Bretagna, Francia, Germania, Belgio, Italia, Paesi Bassi e Portogallo. È stato un grande risultato della diplomazia europea e una tragedia per i popoli colonizzati Conferenza di Berlinoche "divise" l'Africa in sfere di influenza. C'è stata una corsa alle colonie, dove la velocità e la brutalità dei coloni hanno deciso. Un tragico esempio è il Congo, inizialmente di proprietà privata del re Leopoldo II del Belgio. Molto probabilmente, diversi milioni di abitanti del Congo sono morti a causa della politica di rapina coloniale.

Scramble-for-Africa-1880-1913

Fonte: wikipedia.org

Cosa ne pensi?
Io
25%
interessante
50%
Eh ...
25%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.