Notizie
Adesso stai leggendo
Le scioccanti previsioni di Saxo Bank per il 2023: economia di guerra
0

Le scioccanti previsioni di Saxo Bank per il 2023: economia di guerra

creato Saxo BankDicembre 6 2022

Saxo Bank pubblicato 10 previsioni scioccanti per il 2023. Si tratta di una serie di eventi improbabili ma spesso sottovalutati, la cui materializzazione potrebbe provocare shock nei mercati finanziari, oltre che nell'area della cultura politica e popolare.

La previsione dovrebbe essere trattata come un esperimento mentale nel considerare tutte le possibilità - anche quelle percepite come irrealistiche - che si materializzano di volta in volta. Saxo Bank ha recentemente pubblicato un elenco auto-formulato Previsioni scioccanti che alla fine si sono avverate, era ad es. previsioni per l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea.

Sebbene questi eventi non siano le previsioni di base di Saxo Bank per il 2023, tutti i principali movimenti di mercato sono solitamente il risultato di qualcosa di scioccante. In un mondo in cui le banche centrali e i governi stanno perdendo la lotta contro l'inflazione, c'è il rischio che i mercati siano più scioccanti che mai nel 2023 e oltre.

“Le previsioni scioccanti di quest'anno presumono che sia impossibile credere in un ritorno alle dinamiche disinflazionistiche pre-pandemia, poiché siamo entrati nell'era di un'economia di guerra globale. Ogni grande potenza mondiale sta ora cercando di rafforzare la propria sicurezza nazionale su tutti i fronti, sia in senso militare letterale che nel contesto di profonda incertezza sulle catene di approvvigionamento, energia e persino finanza, il cui fallimento è stato messo in luce dalla pandemia e dalla Russia invasione dell'Ucraina. - Dice Steen Jakobsen, Chief Investment Officer di Saxo Bank.

Un mondo in guerra

Le Shocking Predictions per il 2023 sono state ispirate dalle somiglianze tra l'Europa di oggi e lo stato del Vecchio Continente all'inizio del XX secolo. Norman Angell nel 1910 pubblicò il libro "The Great Illusion" (La grande illusione), in cui sosteneva che non vi era alcuna possibilità che l'Europa venisse nuovamente coinvolta in una grande guerra. Dopotutto, nei precedenti decenni di pace e prosperità, il commercio vantaggioso per tutti si è sviluppato su vasta scala. In soli dieci anni, l'Europa era in rovina dopo una guerra di logoramento da incubo.

Nel 2022 la situazione si ripete, a L'invasione russa dell'Ucraina sorpreso molte persone. Pochi potevano capire perché il presidente russo Vladimir Putin stesse rischiando perdite di guerra e mettendo il suo paese in difficoltà economiche dopo due decenni di commercio fiorente e altamente redditizio basato principalmente sull'industria mineraria, principalmente verso l'Europa occidentale e il resto del mondo.

L'invasione dell'Ucraina ha ravvivato la mentalità dell'economia di guerra in Europa su una scala che non si vedeva dal 1945. Non si tratta solo della capacità militare tristemente inadeguata dell'Europa occidentale, ma anche di un modello industriale basato sulla Germania che è stato messo a dura prova esistenziale tagliando fuori dal mercato economico , abbondanti forniture di petrolio e gas dalla Russia.

Tre delle scioccanti previsioni per il 2023 preoccupano possibile risposta europea a questa difficile situazione; uno prevede la creazione di una forza armata dell'UE, mentre un altro per l'emergere di una disfunzione politica in Francia che potrebbe far precipitare un'altra crisi esistenziale per l'Unione europea. Infine, il Regno Unito potrebbe inaspettatamente essere troppo piccolo per fingere di poter rimanere un'entità indipendente in un mondo che è improvvisamente diventato molto più grande. In questo contesto, Saxo Bank fa la scioccante previsione che il prossimo anno ci sarà un referendum sulla questione "Inversioni della Brexit".

Saxo Bank prevede che gli iniziatori dell'economia di guerra saranno potenze globali. Gli Stati Uniti e la Cina adotteranno permanentemente una mentalità da economia di guerra mentre la loro rivalità commerciale e tecnologica si intensifica. I paesi satellite potrebbero avere difficoltà a continuare a cercare il non coinvolgimento "guerra fredda commerciale". È chiaro dalla reazione all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia che qualsiasi paese diverso dall'alleato militare di lunga data di Washington troverà inaccettabile rischiare di usare il sistema globale basato sul dollaro come arma. Saxo Bank prevede quindi che questi paesi terranno una conferenza e selezioneranno una nuova valuta di riserva per dissociarsi completamente dal sistema basato sul dollaro.

Se la tesi dell'economia di guerra del 2023 di Saxo Bank si rivela corretta, ci si può aspettare un'inflazione elevata e continua. Se alla fine del prossimo anno l'inflazione supererà anche di poco la metà del picco del 2022, i risultati scioccanti sono quasi garantiti.

Nel 2023, gli investitori potrebbero sopravvalutare l'impatto positivo di una probabile recessione sull'inflazione. Che si verifichi o meno una recessione immobiliare e creditizia, il bisogno quasi inesauribile di investire nelle nuove priorità dell'economia di guerra aumenterà il rischio di inflazione. Dall'approvvigionamento energetico a lungo termine al trasferimento della produzione per creare catene di approvvigionamento locali per i prodotti chiave e l'espansione delle capacità militari, qualsiasi rallentamento della domanda del settore privato sarà più che compensato dalla spesa del settore pubblico.

E mentre le banche centrali affermano che stanno cercando di combattere l'inflazione, in realtà non vogliono avere "un successo eccessivo" in questo senso. Questo perché, nel lungo periodo, uno stato fortemente indebitato sceglie quasi sempre un'inflazione lenta e micidiale rispetto all'austerità o al fallimento totale.

SAXO BANK 2023 PREVISIONI SHOCK

1. Una coalizione di miliardari crea il progetto Manhattan da trilioni di dollari per il settore energetico

01 project manhattan previsioni scioccanti saxo bank

Nel 2023, i proprietari delle più grandi aziende tecnologiche e altri tecnofili miliardari diventeranno impazienti per la mancanza di progressi nello sviluppo dell'infrastruttura energetica necessaria che consentirebbe loro sia di realizzare i propri sogni sia di affrontare la necessaria transizione energetica. Unendo le forze, formeranno un consorzio - chiamiamolo Third Stone - per raccogliere oltre mille miliardi di dollari da investire in soluzioni energetiche.

Sarà il più grande progetto di ricerca e sviluppo dai tempi del Progetto Manhattan, che creò la prima bomba atomica. Oltre alle attività di ricerca e sviluppo volte a sfruttare il potenziale delle tecnologie esistenti e nuove, il fondo si concentrerà anche sull'integrazione, ovvero su come combinare nuove fonti di generazione di energia con le infrastrutture di trasmissione e stoccaggio dell'energia di base load, che è il tallone d'Achille dell'attuale energie alternative.

Impatto sul mercato: I partner del consorzio Third Stone che saranno in grado di aiutare a realizzare la sua visione apprezzeranno fortemente in un ambiente di investimento debole.

2. Il presidente francese Macron si dimette

02 il presidente della francia respinge le scioccanti previsioni di saxo bank

Nelle elezioni parlamentari del giugno 2022, il partito del presidente Emmanuel Macron e dei suoi alleati ha perso una schiacciante maggioranza in parlamento. Di fronte alla forte opposizione dell'alleanza di sinistra NUPES (fr. Nuova Unione Ecologica e Sociale Popolare; Nuova Unione Popolare Ecologica e Sociale) e l'Unione Nazionale di estrema destra (fr. Raduno nazionale) Marine Le Pen, il governo non avrà altra scelta che adottare le leggi più importanti e il bilancio 2023 attraverso un decreto accelerato - facendo scattare l'articolo 49.3 della costituzione. Tuttavia, aggirare la legislatura non può essere un metodo di governo in un sistema democratico. Macron si renderà quindi conto che per i prossimi quattro anni sarà un bersaglio facile e non potrà far approvare dal parlamento la propria riforma delle pensioni. Seguendo l'esempio di Charles de Gaulle nel 1946 e nel 1969, all'inizio del 2023, il presidente francese decide inaspettatamente di dimettersi.

Le dimissioni di Macron apriranno le porte dell'Eliseo al candidato di estrema destra Le Pen, provocando un'ondata di stupore in tutta la Francia e non solo, e generando una nuova sfida esistenziale al progetto di Unione Europea e alle sue traballanti fondamenta istituzionali.

3. L'oro raggiunge i 3 dollari mentre le banche centrali non sono d'accordo sull'inflazione

03 oro 3000 usd saxo bank previsioni scioccanti

Nel 2023 oro troverà finalmente il suo punto di appoggio dopo un 2022 difficile, in cui molti investitori si sono sentiti frustrati dall'incapacità del metallo di rafforzarsi anche se l'inflazione è salita ai massimi degli ultimi 40 anni. Nel 2023, il mercato scoprirà finalmente che l'inflazione rimarrà elevata per il prossimo futuro. L'inasprimento della Fed e l'inasprimento quantitativo porteranno a una nuova impasse nei Treasuries statunitensi. Ciò costringerà a implementare nuove insidiose "misure" per ridurre la volatilità nel mercato dei Treasury, che ammonteranno a de facto alla prossima tornata di allentamento quantitativo. Con l'avvento della primavera, la Cina si sta allontanando in modo più deciso dalla sua politica "zero Covid", implementando cure efficaci e forse anche un nuovo vaccino. Il rilascio della domanda cinese porterà a un nuovo aumento dei prezzi delle materie prime. Il risultato sarà un forte aumento dell'inflazione, soprattutto in un contesto di dollaro sempre più debole, poiché l'orientamento accomodante della Fed infliggerà un duro colpo alla valuta statunitense. Precedentemente trascurato dagli investitori, l'oro inizierà a salire a seguito dei cambiamenti rivoluzionari nelle implicazioni per i tassi di interesse reali a termine derivanti da questo nuovo contesto.

Nel 2023, la risorsa più dura riceverà ulteriore supporto da tre parti. In primo luogo, derivante dal contesto geopolitico della crescente mentalità dell'economia di guerra dell'autosufficienza e della riduzione al minimo delle riserve valutarie a favore dell'oro. In secondo luogo, da massicci investimenti in nuove priorità di sicurezza nazionale, comprese le fonti energetiche, la transizione energetica e le catene di approvvigionamento. In terzo luogo, un aumento della liquidità globale mentre i responsabili politici cercano di evitare una catastrofe nei mercati obbligazionari mentre si consolida una lieve recessione nella crescita economica reale. L'anno prossimo, l'oro raddoppierà intorno a $ 2 come se non ci fosse affatto, raggiungendo almeno il livello di $ 075.

4. Istituzione di una forza militare dell'UE

04 Forze armate dell'UE saxo bank previsioni scioccanti

L'invasione russa dell'Ucraina ha scatenato la più grande "guerra calda" in Europa dal 1945 e le elezioni di medio termine negli Stati Uniti del 2022 hanno visto il partito repubblicano populista di destra saldamente al Congresso, mentre l'ex presidente Trump ha annunciato che intendeva candidarsi alla presidenza nel 2024. Nel 2023, ha diventerà più evidente che mai che l'Europa ha bisogno di rimettere in ordine le sue difese, facendo meno affidamento sul ciclo politico statunitense sempre più capriccioso e affrontando il rischio che gli Stati Uniti si ritirino completamente dai suoi vecchi impegni con l'Europa, magari dopo il cessate il fuoco ucraino-russo. Con una mossa drammatica, tutti gli Stati membri dell'UE accetteranno di istituire una forza militare dell'UE entro il 2028 per creare unità operative terrestri, marittime, aeree e spaziali complete e operative, finanziate con una spesa totale di 10 20 miliardi di EUR, ripartita in XNUMX anni. Per finanziare le nuove forze armate dell'UE, saranno emesse obbligazioni dell'UE basate sul PIL di ciascuno Stato membro. Ciò approfondirà notevolmente il mercato del debito pubblico dell'UE, provocando nel contempo un forte rafforzamento dell'euro a seguito di un enorme impulso agli investimenti.

5. Il primo paese a vietare la produzione di carne entro il 2030

05 divieto di produzione di carne

Secondo un rapporto, per raggiungere l'obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050, il consumo di carne deve essere ridotto a 24 kg per persona all'anno, rispetto all'attuale media OCSE di circa 70 kg. I paesi che più probabilmente prenderanno in considerazione l'aspetto alimentare del cambiamento climatico sono quelli che hanno adottato obiettivi di zero emissioni nette legalmente vincolanti. La Svezia si è impegnata a diventare carbon neutral entro il 2045, mentre altri paesi come Regno Unito, Francia e Danimarca hanno fissato un obiettivo per il 2050. Tuttavia, l'approccio del bastone e della carota raramente funziona, e nel 2023 almeno un paese, volendo restare anticipando gli altri nella corsa alla politica climatica più aggressiva, deciderà di introdurre tasse elevate sulla carne su scala sempre più ampia, a partire dal 2025. Inoltre, inizierà a lavorare per un divieto totale della produzione interna di carne di origine animale entro il 2030. Gli appetiti dei cittadini dovranno soddisfare gli appetiti di carni vegetali migliorate e tecnologie di coltivazione della carne ancora più umane e a minore intensità di carbonio nei laboratori per aiutare a salvare l'ambiente e il clima.

6. Il Regno Unito tiene un referendum sull'inversione della Brexit

06 referendum nel Regno Unito

Nel 2023, Rishi Sunak e Jeremy Hunt vedranno i Tories precipitare ai minimi storici mentre la loro brutale agenda fiscale spinge il Regno Unito in recessione, con un aumento della disoccupazione e, ironia della sorte, anche un aumento dei deficit e un esaurimento delle entrate fiscali. A causa della mancanza di un mandato pubblico, scoppieranno numerose proteste chiedendo a Sunak di indire elezioni anticipate. In un contesto di rovina economica, anche in Inghilterra e Galles, i sondaggi mostreranno diffusi dubbi sulla legittimità della Brexit. Sunak alla fine cederà e indirà nuove elezioni, rassegnando le dimissioni per consentire al nuovo leader Tory di prendere le redini del partito che sta affondando. Notando il diffuso sostegno per un secondo referendum sulla Brexit e l'aumento del numero di sondaggi per i liberaldemocratici che chiedono un nuovo referendum, il leader laburista Keir Starmer non prenderà una posizione ferma sulla Brexit ma sosterrà un secondo referendum sulla readesione all'Unione europea nei termini di L'accordo di David Cameron raggiunto prima del referendum originale del 2016. Il governo laburista prenderà il potere nel terzo trimestre, annunciando un referendum il 1° novembre 2023 sull'inversione della Brexit. Vinceranno i sostenitori della riadesione all'Unione.

Impatto sul mercato: dopo una debole performance all'inizio del 2023, la sterlina si rafforzerà del 10% rispetto all'euro e del 15% rispetto al franco svizzero poiché è prevista una spinta per il settore dei servizi finanziari di Londra.

7. Attuazione di ampi controlli sui prezzi per frenare l'inflazione ufficiale

07 inflazione dei prezzi

L'inflazione rimarrà una sfida da gestire finché la globalizzazione continuerà a invertirsi e il fabbisogno energetico a lungo termine sarà soddisfatto.

Quasi ogni guerra ha portato a controlli sui prezzi e razionamento che sembrano inevitabili quanto le vittime al fronte. Anche nel 2022 ci sono state iniziative premature e caotiche per tenere sotto controllo l'inflazione. Predominano le tasse sugli utili imprevisti delle società energetiche. Allo stesso tempo, i governi non utilizzano il classico strumento del razionamento delle risorse. Invece, sovvenzionano attivamente la domanda in eccesso fissando i prezzi massimi del riscaldamento e dell'elettricità per i consumatori. In Francia, ciò significa semplicemente che le società di servizi pubblici falliscono e devono essere nazionalizzate. Il disegno di legge viene trasferito al governo, quindi alla valuta attraverso l'inflazione, dopodiché è probabile che le autorità occidentali facciano uno sforzo condannato per frenare i prezzi dell'energia russa dal 5 dicembre. L'obiettivo è privare la Russia delle entrate e, si spera, abbassare il prezzo delle esportazioni di petrolio in tutto il mondo, ma è probabile che nessuno dei due accada.

In un'economia di guerra, la mano ferma del governo aumenterà inesorabilmente fintanto che le pressioni sui prezzi minacciano la stabilità. C'è la percezione tra i responsabili politici che l'aumento dei prezzi suggerisca in qualche modo un fallimento del mercato e che sia necessario un intervento più ampio per evitare che l'inflazione destabilizzi l'economia e persino la società. Aspettatevi sempre più controlli sui prezzi e persino sui salari nel 2023, forse anche qualcosa come un nuovo National Price and Income Board nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Ma l'effetto sarà lo stesso di quasi tutte le politiche governative: la legge delle conseguenze impreviste funzionerà. Il controllo dei prezzi senza affrontare il problema di fondo non solo aumenterà l'inflazione, ma minaccerà anche di lacerare il tessuto sociale abbassando gli standard di vita, scoraggiando la produzione e allocando male le risorse e gli investimenti. Solo i prezzi di mercato potranno garantire miglioramenti della produttività e dell'efficienza attraverso gli investimenti.

Impatto sul mercato: vedere una previsione scioccante per l'oro a salire a $ 3.

8. OPEC+ e Chindie escono dal FMI e accettano di commerciare con un nuovo asset di riserva

08 ottobre cinese

Con il governo degli Stati Uniti che continua a usare l'USD come arma, gli alleati non statunitensi si allontaneranno dall'USD e dal FMI. Creeranno l'International Clearing Union (ICU) e una nuova attività di riserva - il banchiere (codice valuta: KEY) - usando l'idea originale di Keynes prima di Bretton Woods per pulire il naso agli americani che abusano del loro potere sul sistema monetario internazionale.

Impatto sul mercato: Le banche centrali degli alleati non Washington ridurranno significativamente le loro riserve in dollari, i rendimenti dei Treasury statunitensi aumenteranno e l'USD scenderà del 25% rispetto al paniere di valute regolato con il nuovo asset KEY.

9. Il Giappone fissa USD/JPY a 200 per mettere ordine nel suo sistema finanziario

09 usdjpy giappone

Con l'avvicinarsi del 2022 al 2023, la pressione sullo JPY e sul sistema finanziario giapponese si intensificherà nuovamente a causa di una crisi di liquidità globale innescata dall'inasprimento della Fed e dall'aumento dei rendimenti dei Treasury statunitensi. Inizialmente, la Banca del Giappone e il Ministero delle Finanze cercheranno di porre rimedio alla situazione rallentando e poi interrompendo gli interventi valutari, vedendo una minaccia esistenziale per le finanze del Paese dopo aver eliminato più della metà delle riserve della banca centrale. Quando la coppia USD/JPY supererà 160 e 170 e le proteste pubbliche contro l'aumento dell'inflazione raggiungeranno il culmine, queste autorità si renderanno conto che la crisi richiederà nuove misure audaci. Una volta che la coppia USD/JPY supererà il livello 180, il governo e la banca centrale entreranno in azione.

In primo luogo, annunceranno un limite inferiore per JPY a 200 USD/JPY, annunciando che questa azione sarà solo temporanea con un orizzonte temporale sconosciuto per consentire il ripristino del sistema finanziario giapponese. Questo reset comporterà la monetizzazione esplicita di tutti i titoli di debito detenuti dalla Banca del Giappone, cancellandone l'esistenza. Il quantitative easing con monetizzazione sarà esteso per ridurre ulteriormente l'onere del debito pubblico giapponese, ma con un piano prestabilito per ridurlo nei prossimi 18 mesi.

Grazie a ciò, al termine delle operazioni della banca centrale, il debito pubblico può scendere al 100% del Pil, cioè di oltre la metà. Il tasso di riferimento della Bank of Japan sarà aumentato all'1,00% e il controllo della curva dei rendimenti sarà completamente rimosso, consentendo al tasso a 2,00 anni di salire al XNUMX%. Le banche saranno ricapitalizzate se necessario per evitare l'insolvenza e gli incentivi fiscali per il rimpatrio degli ingenti risparmi giapponesi detenuti all'estero riporteranno migliaia di miliardi di yen sul suolo giapponese, anche mentre le esportazioni giapponesi continuano a crescere.

Di conseguenza, il PIL reale del Giappone diminuirà dell'8% a causa della riduzione del potere d'acquisto, anche se il PIL nominale aumenterà del 5% a causa dell'aumento del costo della vita, ma questo reset riporterà il Giappone su un percorso stabile e stabilirà un modello di risposta attraente in caso di una crisi simile che colpirà inevitabilmente l'Europa e infine gli Stati Uniti.

Impatto sul mercato: a USD / JPY raggiungerà 200, ma sarà sulla buona strada per diminuire entro la fine dell'anno.

10 Il divieto del paradiso fiscale uccide il private equity

Nel 2016, l'Unione Europea ha istituito una lista nera di paradisi fiscali dell'UE che identifica i paesi o le giurisdizioni ritenute "non collaborative" perché incoraggiano l'elusione e la pianificazione fiscale aggressiva. È stata una reazione alla fuga di notizie Panama Papersmilioni di documenti che rivelano frodi fiscali da parte di persone facoltose, inclusi politici e atleti. Man mano che la mentalità dell'economia di guerra si approfondisce ulteriormente nel 2023, le prospettive di sicurezza nazionale si rivolgeranno sempre più verso la politica industriale e la protezione delle industrie nazionali. Poiché la spesa per la difesa, il trasferimento degli impianti di produzione e gli investimenti nella transizione energetica sono costosi, i governi esploreranno tutte le potenziali fonti disponibili di entrate fiscali e troveranno soluzioni facili sotto forma di evasori fiscali attraverso i paradisi fiscali. Si stima che i paradisi fiscali costino ai governi tra i 500 ei 600 miliardi di dollari l'anno in entrate fiscali societarie perdute.

Nel 2023, l'OCSE introdurrà un divieto totale sui più grandi paradisi fiscali del mondo. Fondi negli Stati Uniti Private Equity (Ang. portato interesse) tassati come plusvalenze saranno anch'essi trasferiti sul reddito ordinario. La messa al bando dei paradisi fiscali da parte dell'UE e il cambiamento delle regole fiscali da parte degli Stati Uniti portato interesse scuotere l'intero settore Private Equity i capitale di rischio, chiudendo gran parte dell'ecosistema e causando la valutazione delle società quotate Private Equity verrà ridotto del 50%.

Impatto sul mercato: Gli OICVM di private equity quotati iShares diminuiranno del 50%.


È disponibile la versione completa delle previsioni scioccanti per il 2023 tutaj.

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Saxo Bank
Saxo Bank è una banca di investimento danese con accesso a oltre 40 strumenti. Il Gruppo Saxo offre diversificazione geografica e protezione dei depositi al 100% fino a EUR 100, fornita dal Fondo di garanzia danese.

Lascia una risposta