Notizie
Adesso stai leggendo
Silenzio prima della tempesta? I mercati stanno aspettando il summit G20
0

Silenzio prima della tempesta? I mercati stanno aspettando il summit G20

creato Natalia BojkoGiugno 28 2019

Gli operatori attivi (specialmente questa settimana) probabilmente lo hanno notato nulla sta accadendo nella maggior parte delle valute. C'è una mancanza di movimenti significativi dei prezzi e la volatilità è diminuita. I giocatori con fondi consistenti nel portafoglio probabilmente non vogliono fare mosse più ambiziose. Gli occhi di grandi istituzioni e investitori con un impatto significativo sul mercato sono diretti al summit G20 di Osaka, in Giappone. L'incontro più atteso è una conversazione tra i presidenti cinesi e statunitensi. Nei media, possiamo trovare un ampio spettro di scenari che possono essere soddisfatti. Sempre più nuove informazioni sui negoziati suscitano un maggiore senso di confusione e confusione sulle ulteriori mosse nei mercati. Cosa ci aspetta nel prossimo futuro e i mercati ci sorprenderanno con l'apertura del lunedì?

Un accordo indolore impossibile

Le ultime tensioni hanno approfondito l'umore delle due parti che l'accordo sulla linea Pechino - Washington funzionerà veloce, efficiente e indolore. La strada per l'accordo finale promette di essere lunga e sconnessa. anche se "Cortesia" Entrambe le parti, gli Stati Uniti sono implacabili, e la Cina dopo l'esperienza del Giappone con gli Stati Uniti (una guerra commerciale di qualche anno fa) ha fatto una lezione. Da rapporti recenti The Wall Street Journal è noto che il presidente Xi Jinping ha una serie di compiti che devono essere affrontati dal presidente Donald Trump per parlare di ulteriori negoziati.

Il mercato americano è allarmante

La dogana e la guerra commerciale da soli non sono disponibili per entrambi i paesi. I dati dell'economia statunitense stanno diventando sempre più allarmanti. Ad occhio nudo, possiamo osservare un rallentamento economico nel mondo. Le corporazioni americane e le principali istituzioni finanziarie sono allarmanti. I margini in calo e l'aumento dei costi di produzione che non possono essere trasferiti ai consumatori possono approfondire questo rallentamento.

Sviluppo invece di un compromesso

Il presidente cinese, in un'intervista per i giornali locali, ha sottolineato che c'era un limite allo sviluppo del suo paese da parte degli Stati Uniti dopo la guerra commerciale. Gli Stati Uniti, a suo parere, vogliono essere un leader permanente nel mondo. Crede che l'unico modo per vincere una guerra commerciale sia lo sviluppo, non il compromesso. La dichiarazione di Xi Jinping mostra che attraverso l'apertura "Porta al mondo" tale sviluppo avrà la ragione d'essere anche con l'omissione (come principale destinatario dei loro servizi) degli Stati Uniti.

Per ora, la maggior parte delle valute che hanno, come parte del dollaro, così come il NASDAQ, non sembrano interessare molto all'incontro imminente. Noteremo anche dei buoni stati d'animo e un aumento del fatturato lunedì?

Cosa ne pensi?
Io
57% DI
interessante
29% DI
Eh ...
0%
Shock!
14% DI
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Natalia Bojko
Natalia Bojko
Laureato alla Facoltà di Economia e Finanza, Università di Białystok. Ha operato attivamente sui mercati valutari e azionari dal 2016. Si basa sul presupposto che le analisi più semplici portino i migliori risultati. Fan del trading swing. Quando seleziona le società per il portafoglio, segue l'idea di investire in valore. Dal 2019 ha il titolo di analista finanziario. Attualmente lavoro come analista valutario presso Trefix e specialista in mercati finanziari presso TeleTrade. Lavora anche con Investing come redattore finanziario e analista. Co-ideatore del progetto Podlaska Stock Exchange Academy (XNUMXa e XNUMXa edizione).

Lascia una risposta