aggiustamenti
Adesso stai leggendo
Banca nazionale svizzera - funzioni e missione della BNS
0

Banca nazionale svizzera - funzioni e missione della BNS

creato Forex ClubOttobre 11 2021

La Svizzera è una delle economie più sviluppate al mondo. Il franco svizzero, invece, è da molti decenni un porto sicuro. Nonostante il franco, a differenza dell'euro o del dollaro, non sia una "valuta di primo livello", è una delle valute più importanti del mondo (top ten). Tuttavia, il volume degli scambi di questa valuta è inferiore a quello dello yen, della sterlina britannica o del dollaro australiano. Il valore del franco è un prodotto della forza dell'economia, della politica del governo e della politica della banca centrale. È stato quest'ultimo fattore che ha avuto una grande influenza sul tasso di cambio del franco svizzero nell'ultimo decennio. In questo articolo presenteremo la storia della Banca Centrale Svizzera (con l'inglese Banca nazionale svizzera - BNS).

Banca centrale in Svizzera

Nel XNUMX° secolo in Svizzera non esisteva un emittente di moneta unica. A quel tempo, gli emittenti del paese erano diverse banche cantonali e banche private. Con una sempre maggiore integrazione tra l'economia europea e mondiale, il sistema finanziario svizzero sembrava sempre più datato. Non c'era un prestatore di ultima istanza. Molte delle principali economie europee hanno avuto banche centrali nazionali (Bank of England, Banca di Francia, Banca d'Austria o Reichsbank tedesca). I problemi con un'adeguata disponibilità di denaro nei cantoni svizzeri divennero difficili da risolvere. Erano necessarie riforme. Nel 1906 fu approvato "Legge federale sulla Banca nazionale svizzera". Fu istituita una banca centrale svizzera che iniziò ad operare nel giugno 1907. La BNS ha stabilizzato il mercato finanziario in Svizzera e ha aumentato l'importanza di questo mercato in Europa. Nella prima metà del XX secolo, la Svizzera era il centro di distribuzione dell'oro. Quando quasi tutta l'Europa era in guerra, la Svizzera commerciava con entrambe le parti in conflitto. 

01 5 franchi argento

Argento 5 franchi svizzeri Fonte: en.numista.com

Per molti anni il franco svizzero si è basato sul oroper questo motivo, il ruolo della BNS era quello di regolare la circolazione del denaro e di assicurare che il franco potesse essere scambiato con oro (su richiesta). È interessante notare che fino al 1967, le valute da 0,5 a 5 frac venivano stampate da argento. Tuttavia, nella seconda metà degli anni 'XNUMX, a causa dell'aumento dei prezzi delle materie prime, il loro valore era superiore al valore nominale della moneta. Di conseguenza, ci sono stati casi di franchi portati all'estero allo scopo di fonderli. Per fermare questa pratica, le monete in franchi svizzeri sono state coniate dal cupronichel. 

 

Vale la pena ricordare che la Svizzera ha una delle più grandi riserve auree del mondo. Nel 2020, la BNS possedeva 1040 tonnellate d'oro. Per confronto Banca nazionale polacca ha circa 230 tonnellate d'oro. La banca svizzera possiede anche azioni di società americane, il cui valore nel 2021 ha superato i 150 miliardi di dollari. Alla fine del primo trimestre del 2021, la banca contava meno di 2500 aziende pubbliche. Le riserve in valuta estera della Banca centrale svizzera superano i 900 miliardi di franchi svizzeri.

L'irrigidimento del cambio del franco e la capitolazione della BNS

La Banca centrale svizzera è nota soprattutto per la decisione presa nel 2011. Durante la crisi nella zona euro (i famosi paesi PIIGS, ovvero Portogallo, Grecia, Italia, Irlanda, Spagna) c'è stata una fuga di capitali verso la Svizzera. Ciò ha notevolmente rafforzato il franco svizzero. Ciò ha danneggiato gli esportatori svizzeri. Poi la BNS (Banca nazionale svizzera) è diventata la protagonista principale. La banca centrale ha introdotto una soluzione molto rara: ha creato il cosiddetto pavimento. La decisione del 6 settembre 2011 ha determinato che il tasso di cambio dell'euro rispetto al franco svizzero è stato fissato a 1,20. Non è stata la prima decisione del genere nella storia della BNS. Nel 1978, il tasso del franco svizzero era collegato al tasso del marco della Germania occidentale. L'intervento valutario ha fermato il rafforzamento del franco. Era il "costo" della strategia  un aumento significativo del totale di bilancio della banca centrale. Nonostante la garanzia della BNS, il franco non è stato in grado di indebolirsi. Nemmeno la decisione di introdurre tassi di interesse negativi sui depositi bancari (18.12.2014/XNUMX/XNUMX) ha aiutato. La banca centrale non è riuscita a vincere contro il mercato. 


Un estratto dalla conferenza del 15 gennaio 2015


Il 15 gennaio 2015 il cosidetto Francogeddon. La BNS ha annunciato che non difenderà più il tasso da 1,2 a euro. A causa del panico del mercato, il cancro si è rafforzato del 30%. Alla fine della giornata, il franco si è apprezzato nei confronti dell'euro del 23% a  rispetto al dollaro del 21% Dopo il rafforzamento del franco, i tassi di cambio dei principali esportatori svizzeri, ad esempio The Swatch Group, sono diminuiti del 15%. Il calo delle azioni svizzere è dovuto al mercato che sconta la probabilità di un calo dei ricavi. Il rafforzamento del franco ha anche causato perturbazioni nel mercato forex, poiché molti clienti avevano saldi negativi a causa dell'uso di un'eccessiva leva finanziaria. Il broker FXCM ha riferito che i suoi clienti hanno perso $ 225 milioni quel giorno. Contemporaneamente molti broker hanno riportato perdite significative (incl. Saxo Bank, Global Brokers Nuova Zelanda, Aplari, FXCM). Il rafforzamento del franco ha avuto un impatto anche sui bilanci familiari di molte famiglie in Polonia. Ciò era dovuto al fatto che le rate di molti mutui ipotecari dipendevano dal tasso di cambio del franco svizzero. 


Assicurati di leggere: Potresti trarre profitto dal massacro di Frank?


Azionisti della Banca nazionale svizzera

La Banca centrale svizzera è una società per azioni con cantoni, banche cantonali e azionisti privati ​​come azionisti. Il capitale della BNS è suddiviso in 100 azioni del valore nominale di 000 franchi svizzeri. Le azioni della Schweizerische Nationalbank sono quotate alla borsa svizzera. Secondo il rapporto annuale per il 2020, l'azionariato è dominato da 26 cantoni e 23 banche cantonali, che rappresentano il 76,1% dei voti e il 50% del capitale della Banca nazionale. Nel 2020, gli azionisti dominanti sono riusciti ad acquistare 267 azioni della BNS. Vale anche la pena ricordare che dal 1921 l'importo del dividendo fu fissato a 15 franchi per azione. Per questo motivo le azioni della società non sono nel radar delle istituzioni finanziarie.

I maggiori azionisti del serbatoio centrale del carburante sono:

  • Canton Berna con 6 azioni (quota del 630% del capitale),
  • Cantone di Zurigo con 5200 azioni (5,20%),
  • Theo Siegert, con 5039 azioni (5,04%)
  • Canton Vaud, che detiene 3401 azioni (3,40%).
prof. Dott. Theo Siegert neuer Verwaltungsrat der DKSH Gruppe

Theo Siegert

È un azionista molto interessante Theo Siegert, che è il maggiore azionista privato della società. È interessante notare che non è svizzero, ma tedesco. Nonostante possieda oltre il 5% delle azioni della banca centrale, la sua quota di voto è solo dello 0,14%. Vale la pena ricordare che nel 2009 era il maggiore azionista della BNS. È interessante notare che Siegert non è una persona molto famosa in Germania. Theo Siegert gestisce l'azienda familiare Haen-Carstanjen & Söhne, che ora opera come un family office che si occupa della gestione degli investimenti.

 

Obiettivi della BNS

L'obiettivo principale della Banca nazionale svizzera è garantire la stabilità dei prezzi. La banca centrale cerca di non causare troppa inflazione o deflazione (caduta) nell'economia. L'obiettivo di inflazione della BNS è del 2%. Oltre alla stabilità dei prezzi (obiettivo principale della banca), un altro obiettivo è sostenere la crescita economica in Svizzera.

Tenere d'occhio l'obiettivo di inflazione a volte richiede che la BNS cambi tassi di interesse. Il loro aumento mira a ridurre il tasso di inflazione, che indirettamente sostiene la "forza" del franco. In caso di calo dei tassi, la BNS cerca di "indebolire" il franco e stimolare l'economia svizzera. La Banca nazionale ha anche il compito di assicurare la stabilità del settore finanziario incl. utilizzando operazioni di mercato aperto (es. operazioni repo o reverse repo) e introducendo regole di mercato.

Una funzione secondaria della BNS è anche il coordinamento della politica monetaria con le istituzioni internazionali (in accordo con la Confederazione). Un'altra funzione è l'attività statistica. Attraverso di essa, la Banca nazionale raccoglie, aggrega e pubblica informazioni sul mercato finanziario svizzero.

Autorità bancarie

In qualità di società per azioni, la BNS organizza ogni anno l'Assemblea generale degli azionisti, che di norma si tiene ad aprile. Un organo molto importante della Banca centrale svizzera è il Consiglio di banca, composto da 11 membri. Sei membri (tra cui il presidente e il vicepresidente) sono eletti dal Consiglio federale. A loro volta, i restanti membri sono eletti dall'assemblea generale. Il Consiglio di banca è responsabile del controllo delle attività della Banca nazionale. Nel 2020, il Consiglio di Baku si è riunito 8 volte (a gennaio, febbraio, aprile, giugno, settembre, ottobre e dicembre).

Un altro organo è il Consiglio di amministrazione della Banca, responsabile della definizione della politica monetaria, della strategia di gestione patrimoniale e della stabilità finanziaria del mercato svizzero.. Attualmente, il consiglio di amministrazione della banca è composto da tre persone:

  • Presidente - Thomas Jordan,
  • Vicepresidente - Fritz Zurbrugg,
  • Consigliere - Andrea M. Maecler.
03 BNS Thomas Jordan

Thomas Jordan fonte: snbchf.com

Thomas Jordan È un economista svizzero laureato in Economia all'Università di Berna nel 1989. Quattro anni dopo, ha difeso il suo dottorato. Dopo il dottorato, ha lavorato per diversi anni come ricercatore presso l'Università di Harvard. Nel 1998 è tornato all'Università di Berna come docente. Ha iniziato la sua carriera in BNS nel 1997 come consulente economico. Dal 2004 è membro del consiglio di amministrazione della banca. Nel 2012 ha sostituito Philippe Hildebrand nel ruolo di presidente della BNS.

Somma

Il compito della Banca nazionale è monitorare l'obiettivo di inflazione e occuparsi della crescita dell'economia svizzera. Il franco svizzero è uno dei principali porti sicuri del mercato finanziario. Per questo motivo i capitali affluiscono in Svizzera molto spesso durante le perturbazioni del mercato. Questo rafforza il CHF, danneggiando gli esportatori svizzeri. Per questo motivo, la BNS per molti anni è stata molto attiva nel tentativo di indebolire la valuta, che ha portato al famoso Euro floor, che ha operato tra il 2011 e il 2015. Le crescenti riserve fanno sì che la BNS investa anche in borsa (possiede azioni in oltre 2500 aziende). 

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
vuoto
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.

Lascia una risposta