Notizie
Adesso stai leggendo
Nuove leggi e regolamenti sulle criptovalute in Polonia. Penalità stimate fino a 100 PLN
3

Nuove leggi e regolamenti sulle criptovalute in Polonia. Penalità stimate fino a 100 PLN

creato Michał SielskiGennaio 14 2021

No, nessuno si è occupato in modo esaustivo del mercato degli asset digitali, perché le autorità polacche - come molti altri paesi - ancora non capiscono tecnologia blockchain e pensano che sia una moda. Ma conosciamo le modifiche al progetto di legge adottate dal Consiglio dei ministri. Il tema delle criptovalute è stato - ovviamente - nella parte riguardante il riciclaggio di denaro e la lotta al terrorismo.

Il Consiglio dei ministri ha adottato il progetto di modifica della legge sulla lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo del 12 gennaio 2021. C'è un frammento in esso che riguarda le entità coinvolte nella vendita, commercio, offerta e conservazione di valute virtuali. 

Regolamenti sulle criptovalute in Polonia

Il regolamento riguarderà principalmente la necessità di inserire nel registro tutte le entità coinvolte nel trading di criptovalute. Ma non è tutto. Dovrai anche dimostrare che le persone fisiche che trattano questo argomento hanno le competenze appropriate.


DAI UN'OCCHIATA: SCAMBI DI CRIPTOVALUTA - SOMMARIO 2021


Nella legge polacca esiste già una definizione di attività sul mercato delle criptovalute. Si applica a tutti gli imprenditori che si occupano dello scambio di valute virtuali in valute legali (non solo in zloty), nonché dello scambio di criptovalute per criptovalute. Ciò vale anche per gli intermediari.

Secondo la nuova normativa, tali obblighi saranno estesi anche ai fornitori di hardware e portafogli virtuali, cui si fa riferimento nell'atto "Tipo di account speciale". Tuttavia, leggendo la definizione di questa frase, possiamo essere sicuri che si tratta di portafogli, perché leggiamo in essa che è "Una raccolta di dati di identificazione conservati in un formato elettronico, che consente alle persone autorizzate di utilizzare unità di valuta virtuale, inclusa l'esecuzione di transazioni del loro scambio".

Imprenditori nel registro, il requisito della fedina penale

Ogni imprenditore che vuole confrontarsi con questo mercato dovrà ottenere un'iscrizione nel registro. In caso contrario, verrà applicata un'elevata sanzione finanziaria fino a 100 PLN. PLN, quindi si può presumere che il legislatore voglia che il mercato sia dominato da grandi attori. 

Oltre all'iscrizione nel registro del ministro delle Finanze, la modifica alla legge prevede anche requisiti aggiuntivi. Sebbene sia consentito operare sul mercato di persone fisiche, nonché persone giuridiche o unità organizzative prive di personalità giuridica, queste dovranno soddisfare il requisito del casellario giudiziario (nessuna condanna per, tra l'altro, reato intenzionale contro il patrimonio, affidabilità di documenti e compravendita di denaro e titoli). 

Tuttavia, questo è solo l'inizio. Dovranno anche dimostrare la loro conoscenza ed esperienza nel mercato delle valute virtuali. Come? In atto si legge, tra l'altro, di formazione o corsi documentati, ma anche di svolgimento di attività relative ad attività nel campo delle valute virtuali per un periodo di almeno un anno.

KNF continua a mettere in guardia contro le criptovalute

Questo è un altro documento del governo apparso nelle ultime settimane e riguarda le criptovalute. All'inizio di dicembre 2020, ancora una volta l'Autorità di vigilanza finanziaria polacca ha emesso il documentoin cui mette in guardia dal mercato delle criptovalute e dai rischi ad esso associati. 

Nel documento si legge, tra gli altri:

"A causa dello status giuridico non regolamentato delle risorse crittografiche, l'emissione, l'acquisto, l'utilizzo e il commercio di esse possono essere associate a vari tipi di rischi, tra cui in particolare l'incapacità di far valere i reclami relativi all'acquisizione di una determinata risorsa crittografica, il rischio di perdere l'accesso ad essa, o un calo significativo del valore dell'asset crittografico, indipendentemente dalla valutazione di questo tipo di attività di vigilanza da parte della Commissione ".

Il KNF ha sottolineato che non c'è standardizzazione e certezza giuridica nell'approccio all'uso delle risorse crittografiche in Polonia. Tuttavia, la posizione della commissione riguarda solo gli asset crittografici ai quali, a causa della sede dell'emittente, dell'ubicazione fisica (inclusi i server), della sede del proprietario della piattaforma di trading, del luogo di residenza o della sede degli acquirenti, o di altre circostanze formali e legali, è giustificato applicare le disposizioni della legge polacca.

Cosa ne pensi?
Io
14%
interessante
12%
Eh ...
7%
Shock!
10%
Non mi piace
47%
ferita
10%
Circa l'autore
vuoto
Michał Sielski
Un giornalista professionista per oltre 20 anni. Ha lavorato, tra gli altri a Gazeta Wyborcza, recentemente associata al più grande portale regionale - Trojmiasto.pl. Sul mercato finanziario, che è presente da 18 da anni, è iniziato sul WSE quando le azioni di PKN Orlen, TP SA hanno colpito il mercato. Di recente gli investimenti si sono concentrati esclusivamente sul mercato Forex. In privato, paracadutista e amante delle montagne polacche.
3Komentarze

Lascia una risposta