principiante
Adesso stai leggendo
John Maynard Keynes - uno degli economisti più ricchi della storia
0

John Maynard Keynes - uno degli economisti più ricchi della storia

creato Forex ClubAgosto 20 2021

Studenti di economia John Maynard Keynes è principalmente noto per il suo lavoro di una vita - "Teoria generale dell'occupazione, degli interessi e del denaro", che pose le basi per una nuova corrente in economia denominata keynesismo. La sua visione dell'economia ha rivoluzionato la politica economica dei governi e ha contribuito allo sviluppo della macroeconomia. Tuttavia, Keynes non era solo un economista. Per molti anni ha operato attivamente sia nei mercati azionari, valutari e delle materie prime. Sebbene fosse vicino alla bancarotta per qualche tempo dopo la sua morte ha lasciato una fortuna del valore di oltre £ 400. Al momento, questa sembra una piccola quantità, tuttavia ai prezzi di oggi, il suo patrimonio netto sarebbe di oltre una dozzina di milioni di dollari. In questo articolo imparerai la storia di questo economista e trader e le sue opinioni sul mercato. Ti invitiamo a leggere.

La famiglia di Keynes

John Maynard Keynes nacque nel 1883 (lo stesso anno in cui morì Karl Marx). La sua famiglia apparteneva all'alta borghesia. Padre - John Neville - era un economista e docente all'Università di Cambridge. A sua volta, mata - Florence Ada - era attiva in molte organizzazioni, incl. Società di organizzazioni di beneficenzache ha aiutato le persone anziane che vivono in povertà. John Maynard Keynes aveva anche due fratelli: il fratello Geoffrey, che divenne chirurgo, e la sorella Margaret, che sposò Archibald Hill (premio Nobel per la psicologia).

educazione

john m keynes giovane

John Maynard Keynes in gioventù.

Nel gennaio 1889, all'età di sei anni, il giovane John iniziò a frequentare la Perse School for Girls. Ha mostrato abilità aritmetiche molto rapidamente. Tuttavia, per motivi di salute, iniziò ad avere grandi assenze. Per questo motivo, iniziò a essere istruito a casa dalla madre e dalla governante Beatrice Mackintosh. Nel 1892 si iscrisse al St Faith's. Lì ha mostrato ancora una volta il suo talento per la matematica, diventando il miglior studente della classe. Nel 1896, il suo insegnante, Ralph Goodchild, fu colpito dalla sua abilità e scrisse che Keynes "è un mal di testa a scuola". L'insegnante suggerì a Keynes di trasferirsi a Eton. Nel 1897, John Maynard ricevette una borsa di studio reale all'Eton College, dove dimostrò ancora una volta il suo talento per la matematica e la storia. Quattro anni dopo è stato insignito del Tomline Award for Achievement in Mathematics. Allo stesso tempo, il giovane Keynes era molto socievole e nonostante le sue origini, fu accettato dagli studenti dell'alta classe sociale.

00 gettone college

Eton College

01 Kings College di Cambridge

King's College di Cambridge

Nel 1902, Keynes lasciò Eton e si trasferì al King's College di Camebridge. L'economista britannico Alfred Marshall convinse John a diventare un economista. Tuttavia, il giovane Keynes si è orientato maggiormente verso la filosofia, in particolare il sistema etico di GE Moore. Durante questo periodo, Keynes fu membro dell'University Pitt Club e dei Cambridge Apostels. Prima di lasciare Cambridge, Keynes era presidente Cambridge Union Society e Club liberale dell'Università di Cambridge.

Carriera

Nel 1908, Keynes assunse un incarico governativo. La prima posizione era un impiegato Servizio Civile in India. Dopo la soddisfazione iniziale per il lavoro, è rapidamente entrato nella routine e ha deciso di tornare a Cambridge dove ha iniziato a lavorare sulla teoria della probabilità. Un anno dopo, ha pubblicato il suo primo articolo professionale in The Economic Journal. L'argomento dell'articolo era l'impatto della recente crisi economica sull'India. Nello stesso anno fonda Club di economia politica. Due anni dopo la pubblicazione del primo articolo, John divenne redattore dell'Economic Journal. Un anno prima dello scoppio della prima guerra mondiale, Keynes pubblicò il suo primo libro: "Valuta indiana e finanza". Nel 1913 entrò a far parte della Royal Commission, dove si occupò degli affari indiani. Nel suo lavoro, ha mostrato la capacità di applicare le teorie economiche nella pratica. Durante la prima guerra mondiale, Keynes lavorò al Tesoro. Ha guadagnato una reputazione come un ottimo lavoratore lì.

Durante la conferenza di pace di Versailles optò per una riduzione del contributo imposto alla Germania. Credeva che oneri troppo pesanti imposti a questo paese avrebbero causato un crollo delle importazioni, che avrebbe indebolito l'economia globale. Ha incluso i suoi pensieri in un libro "Le conseguenze economiche della pace"che è stato rilasciato nel 1919 e ha rapidamente guadagnato popolarità.

02 versailles

La Conferenza di pace di Versailles

Negli anni successivi, Keynes postulò la limitazione delle riparazioni tedesche in "Una revisione del trattato" e incoraggiò il governo britannico ad essere più attivo nella politica economica, anche attraverso l'organizzazione di lavori pubblici. Ha anche incoraggiato la sterlina ad abbandonare l'oro per rendere più flessibile la politica monetaria e fiscale. Durante la Grande Depressione, Keynes ha criticato le politiche di austerità del governo britannico, che riteneva fossero destinate a ridurre la "domanda aggregata" che era dannosa per la crescita economica.

La teoria della relatività generale e gli anni del dopoguerra

Keynes ha anche lavorato alla sua più grande opera così com'era "Teoria generale dell'occupazione, degli interessi e del denaro". Il libro è stato pubblicato nel 1936. Il titolo stesso "alludeva" alla "relatività generale" di Einstein. In questo lavoro, Keynes critica il liberalismo economico e sostiene un maggiore intervento statale nell'economia. Fu una delle opere economiche più importanti che determinò la "rivoluzione keynesiana" e pose la macroeconomia al centro dell'economia. Keynes sosteneva nel libro che i governi agissero "contro il ciclico", cioè aumentare la spesa durante una recessione e ridurre la spesa durante un boom economico. Credeva che il ruolo del governo fosse quello di cercare la "piena occupazione" nell'economia. Secondo la teoria contenuta nel libro, il livello di occupazione non dipendeva dal prezzo del lavoro (economia classica) ma dalla domanda aggregata. Allo stesso tempo, riteneva che salari e prezzi tendessero ad essere "appiccicosi", nel senso che reagivano in ritardo ai cambiamenti nelle forze della domanda e dell'offerta.

Durante la seconda guerra mondiale e subito dopo la sua fine, Keynes optò per l'istituzione di un'unità di conto internazionale, che sarebbe stata la banca. Questa soluzione doveva aiutare a condurre una politica finanziaria equilibrata nel mondo. Allo stesso tempo, ha optato per un commercio più aperto e l'istituzione di organizzazioni finanziarie internazionali. Il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale iniziarono la loro più ampia attività dopo la morte dell'economista nel 1946.

John Maynard Keynes come investitore

Tuttavia, i risultati scientifici da soli non sono sufficienti. Keynes era anche un investitore in azioni, obbligazioni, materie prime e valute. Morì come il secondo economista più ricco della storia (il primo posto è indiscutibilmente occupato da David Ricardo).

Keynes iniziò la sua avventura investendo subito dopo la guerra, all'età di 36 anni. Inizialmente stava andando bene e in 5 anni, da £ 16 è riuscito ad aumentare la sua fortuna a £ 300. Dopo i successi iniziali, però, è arrivata una doccia fredda. Durante il Grande Crollo, Keynes divenne tecnicamente in bancarotta. Mio padre e i miei amici migliorarono la situazione finanziaria. Lo hanno sostenuto finanziariamente, il che ha contribuito a porre fine al peggior periodo di JM Keynes. Forse queste esperienze lo hanno portato a credere in "istinti animali" che avrebbero avuto un'influenza decisiva sulle valutazioni di borsa. Non sorprende inoltre che sia l'autore del detto:

"Il mercato può rimanere irrazionale più a lungo di quanto tu possa essere solvibile".

Nel corso dei decenni, il suo portafoglio di investimenti e il metodo di ricerca degli investimenti sono cambiati. All'inizio Keynes si concentrò sull'analisi marko. Tuttavia, la strategia non ha avuto molto successo. In primo luogo, il boom del 1926-1928 fu sospeso, ma allo stesso tempo la strategia non salvò Keynes dalla Grande Depressione. All'inizio degli anni '30 cambia strategia e inizia ad investire in società scontate con solide basi. Keynes ha preferito concentrare il suo portafoglio di investimenti. La posizione di portafoglio più grande era dell'11%, mentre le prime 5 posizioni in portafoglio rappresentavano tra il 33% e il 49%.

Nel corso degli anni ha ridotto le variazioni di portafoglio. Grazie a questo, ha risparmiato su commissione e ha dato alle aziende il tempo di mostrare il loro valore. Il fatturato del portafoglio nel 1921-1929 è stato del 55%. Tuttavia, negli anni successivi è diminuito costantemente. Tra il 1940 e il 1946 "Turnover" era solo del 14%. Negli anni 1933-1936, acquistò aziende come:

  • Energia Elettrica e Luce - centrale elettrica;
  • United Gas Preferred - fornitore di gas;
  • Torbanite sudafricana - miniera;
  • Austin Motors - produttore di automobili;
  • Leyland Motors - casa automobilistica;
  • Mutuo Banca del Cile - banca.
03 Camion Leyland

Camion Leyland, periodo tra le due guerre.

Vale anche la pena aggiungere che anche Keynes non aveva paura leva finanziaria. Ha usato il capitale straniero per aumentare il tasso di rendimento del capitale. Di conseguenza, entro 4 anni, ha moltiplicato i suoi beni 20 volte, il che gli ha permesso di estinguere tutti i debiti. 

Va notato che Keynes ha gestito il King's College Trust Fund (noto come Chest Fund) dal 1924 al 1946. In oltre 20 anni di gestione di fondi raggiunto un tasso di rendimento medio annuo del 13,2%, risultato nettamente migliore rispetto all'ampio mercato britannico (-0,5% annuo). 

Keynes ha investito non solo in azioni ma anche in obbligazioni, merce o valuta. Quest'ultimo tipo di attività non ha portato molto ritorno. È stato perché cattivo tempismo e gestione della posizione. Di norma, la direzione stessa delle fluttuazioni valutarie era ben prevista. Non c'era il senso del mercato e la pazienza. Nonostante tutto, Keynes è stato in grado di ottenere un tasso di rendimento soddisfacente sul denaro investito. Al momento della sua morte, lasciò una fortuna del valore di £ 400 e una ricca collezione d'arte e altri beni preziosi (incluso il manoscritto di Newton).

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
vuoto
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.

Lascia una risposta