principiante
Adesso stai leggendo
Investire nel futuro dell'energia: cosa ci aspetta? Peter Garnry [Intervista]
0

Investire nel futuro dell'energia: cosa ci aspetta? Peter Garnry [Intervista]

creato Forex ClubAgosto 27 2021

L'energia verde è diventata estremamente di moda, ma anche indispensabile. Tuttavia, la sua quota di mercato è ancora troppo piccola rispetto ad altri metodi per ottenere energia. Quali tendenze possiamo aspettarci in futuro? Il direttore delle strategie azionarie di Saxo Bank, Peter Garnry, risponde a una serie di domande sul futuro dell'energia e del settore energetico di fronte alla transizione verde.


Circa l'autore

Peter Garry Saxo Bank

Peter Garnry - direttore della strategia dei mercati azionari in Saxo Bank. Sviluppa strategie di investimento e analisi del mercato azionario e delle singole società, utilizzando metodi e modelli statistici. Garnry crea Alpha Picks per Saxo Bank, una rivista mensile in cui vengono selezionate le aziende più interessanti negli Stati Uniti, in Europa e in Asia. Contribuisce inoltre alle previsioni trimestrali e annuali di Saxo Bank "Previsioni scioccanti". Fornisce regolarmente commenti in televisione, tra cui CNBC e Bloomberg TV.


Azioni di società del settore "energia verde"

Si sente parlare di trasformazione verde ovunque ed è un argomento importante anche nei mercati. Tuttavia, come ti dedicheresti, come investitore, al settore dell'energia verde?

Peter Garnry: La risposta è semplicemente una certa diversificazione. Come in qualsiasi altro settore, è piuttosto difficile non solo scegliere la migliore tecnologia, ma anche quella vincente a lungo termine. È fattibile, ma richiede molto lavoro e a volte devi cambiare idea nel tempo man mano che i tuoi stati d'animo cambiano. Fondamentalmente abbiamo due opzioni per costruire un portafoglio diversificato all'interno di questo settore: la prima è scegliere un fondo quotato - ETFche offre un'esposizione alle energie rinnovabili come iShares Global Clean Energy. La seconda opzione è cercare ispirazione altrove, come la nostra cesto di trasformazione verde. Tuttavia, una tale soluzione richiede un po' più di lavoro e vale la pena sottolineare che la nostra definizione di trasformazione verde non si limita all'energia verde in quanto tale.


Check it out: I 5 ETF più redditizi nel settore delle energie rinnovabili


A proposito, come definisci le azioni verdi?

PG: Il criterio chiave è se gli stock hanno un impatto ambientale netto positivo. Viviamo in un mondo in cui ci stiamo muovendo verso emissioni nette di carbonio zero intorno al 2050/2060, a seconda del paese. Affinché una determinata azione possa essere considerata "verde", deve influenzare positivamente il raggiungimento di questo obiettivo. Nel nostro paniere di trasformazione verde, abbiamo anche aziende che operano in un'area che può essere descritta come servizi ambientali. Queste possono essere aziende che aiutano a purificare l'acqua, riciclare determinati materiali, ecc., Che riteniamo sia un bene per il pianeta - e ovviamente abbiamo aziende che producono energia a basse emissioni di carbonio come eolica, solare, ecc.

Perché il settore dell'energia verde ha sottoperformato il settore dei combustibili fossili nel 2021?

PG: Prima di tutto, se si guarda agli ultimi due anni da una prospettiva leggermente più ampia, l'energia verde ottiene risultati molto migliori rispetto alle sue controparti "nere". La discrepanza per cui nel 2021 abbiamo una forte enfasi sull'ecologia da un lato e il settore della transizione verde sta andando peggio dei tradizionali titoli energetici dall'altro, dovrebbe essere vista come una transizione a breve termine piuttosto che una tendenza. L'anno scorso è stata una svolta per il settore dell'energia verde, che si è tradotta in valutazioni più elevate, mentre la crisi del Covid-19 ha avuto un forte impatto negativo principalmente sull'industria petrolifera. Di conseguenza, all'inizio del 2021, l'industria petrolifera e del gas era valutata bassa, mentre l'industria verde era valutata alta. Se a questo aggiungiamo l'aumento dei prezzi delle materie prime nel 2021, che ha influito negativamente sulla produzione di infrastrutture per l'energia verde, come mulini a vento o pannelli solari, che sono caratterizzati da costi di produzione più elevati, otterremo una risposta alla domanda perché l'energia nera ha superato il verde nonostante una forte enfasi sulle soluzioni rispettose dell'ambiente. Questi fattori si riequilibreranno nel tempo e quindi non dovrebbero essere visti come qualcosa di più di un inciampo tecnico a breve termine.

Nel complesso, quali sono i pro ei contro di investire in azioni di energia verde?

PG: Il vantaggio storico del settore dell'energia verde è che ogni grande salto nella storia umana recente è stato avviato dall'innovazione che ha portato ad alcuni dei più grandi settori economici del mondo. Siamo convinti che in futuro le sfide ambientali affrontate dal nostro pianeta saranno risolte dalle più grandi aziende del mondo. Come le più grandi aziende di oggi, hanno svolto un ruolo chiave e implementato importanti innovazioni nei settori della tecnologia dell'informazione, della tecnologia mobile, dell'energia e dei trasporti. Quando l'umanità affronta una sfida, ci sarà sempre qualcuno che trova nuove soluzioni e ci guadagna.

Investire nel settore dell'energia verde diventa difficile quando si vuole orientarsi verso una tecnologia molto specifica o quando si ha un orizzonte temporale breve. Ci sono molte diverse fonti di energia che possono vincere questa gara - vento, sole, energia idroelettrica, persino nucleare o fusione - ma oggi è molto difficile prevedere quali tecnologie prenderanno il comando. Allo stesso tempo, abbiamo assistito allo scoppio di bolle speculative nel settore dell'energia verde, tra cui nel 2007/2008 e questa situazione si ripeterà ancora. Pertanto, è in realtà un settore in cui gli investitori trarranno vantaggio solo dalla diversificazione e da un orizzonte temporale lungo.

Sembra anche che dovremmo stare attenti al fenomeno denominato "eco-coscienza" o greenwashing. Di cosa si tratta?

PG: Per rispondere a questa domanda, vorrei citare il vicepresidente di Berkshire Hathaway, Charlie Munger, che ha detto "mostrami un incentivo e ti mostrerò il risultato". È chiaro che oggigiorno le aziende sono incoraggiate ad essere ecologiche. E questa è una buona cosa, ovviamente. Tuttavia, comporta anche il rischio che le aziende inizino a fingere di essere verdi, anche se non lo sono, e il sistema di gestione generale in questo senso è ancora in una fase relativamente iniziale. Da qui nasce il concetto di eco-saggezza, la menzogna verde, cioè greenwashing. Questa è l'operazione di aziende che affermano di essere verdi senza prove reali. Questo è un fenomeno di cui non solo gli investitori, ma tutte le persone dovrebbero essere consapevoli.

Quali azioni di transizione verde hanno avuto maggior successo nel 2021? 

PG: È stato un anno piuttosto drammatico per il settore verde. L'energia solare ha sofferto relativamente duramente quest'anno, principalmente a causa dell'aumento dei prezzi delle materie prime, che ha influito negativamente su tutti i settori della produzione di energia. Le aree di maggior successo della trasformazione verde nel 2021 sono il settore dei servizi di trasformazione verde e le industrie delle batterie e dello stoccaggio di energia, il che ha senso in quanto è legato allo sviluppo dell'industria dei veicoli elettrici.

Nonostante il forte spostamento verso l'energia pulita, sembra ancora che le aziende nei settori dei combustibili fossili come l'estrazione mineraria, il gas e il petrolio siano considerate tra i migliori investimenti. Perché è così?

PG: Come accennato in precedenza, la correzione che stiamo assistendo nel 2021 tra l'industria dei combustibili fossili e l'energia verde dovrebbe essere vista come un evento tecnico di transizione e non come una tendenza futura. Detto questo, non è realistico presumere che il petrolio e il gas diventeranno obsoleti nel prossimo futuro. Queste materie prime rimarranno un elemento indispensabile della nostra vita quotidiana per molti anni a venire.

Quale pensi sarà la prossima svolta nell'energia verde?

PG: A metà agosto, ho avuto una discussione con il CEO di Vestas Henrik Andersen e con il nostro direttore degli investimenti, Steen Jakobsen. Ci siamo chiesti se i mulini a vento sono già vicini alla loro dimensione massima. Henrik non condivideva questo punto di vista e conosce il settore meglio di chiunque altro, ma a un certo punto il vento raggiungerà i suoi limiti. Lo stesso vale per l'energia idroelettrica: la maggior parte delle migliori centrali elettriche del mondo è già esaurita. Per quanto riguarda l'energia solare, le opportunità da cogliere sono numerose, la strada per lo sviluppo di pannelli solari più efficienti è già tracciata e il potenziale è enorme, anche se attualmente è sotto pressione per l'aumento dei prezzi delle materie prime. Credo che anche l'energia nucleare stia guadagnando terreno e l'UE stia iniziando a convincersi a utilizzarla come fonte di energia verde perché non comporta Emissioni di CO2. A mio parere, tuttavia, sebbene il lavoro sia in corso da molto tempo, l'energia da fusione potrebbe essere un codice che dovremmo infrangere. Decifrare questo codice ci fornirebbe una fonte di energia dalle enormi potenzialità.

Approccio macroeconomico

Da un punto di vista macroeconomico, ridurre l'impronta di carbonio globale è importante, ma può rivelarsi molto costoso. In che modo questo potrebbe influire finanziariamente sui governi e sulla gente comune?

PG: Nel complesso, la transizione verde si basa su due pilastri: la rapida crescita delle rinnovabili e l'elettrificazione della società, che comprende molti sotto-pilastri, ma i veicoli elettrici sono attualmente il principale. Naturalmente, questo può influenzare il nostro modo di vivere, ad esempio utilizzando le auto elettriche. Tuttavia, dal punto di vista finanziario, sono pienamente d'accordo con il CEO di BlackRock Larry Fink, il quale ha affermato che la transizione verso l'energia verde è l'area dello sviluppo economico che esercita la maggiore pressione sull'inflazione. Quindi, in questo senso, la trasformazione può contribuire a un aumento complessivo dei prezzi nella società. Stiamo già assistendo a un aumento dell'inflazione, ma la trasformazione energetica potrebbe spingerla ancora di più. Tuttavia, non credo che il periodo di aumento dei prezzi dovuto al passaggio a soluzioni rispettose dell'ambiente sarà molto lungo. Allo stesso tempo, dobbiamo ricordare che il cambiamento climatico in quanto tale ha un prezzo elevato. Siccità, inondazioni, incendi e altri disastri naturali causati dal riscaldamento globale non sono economici. Pertanto, sebbene questo calcolo sia difficile, dobbiamo ricordare che è la differenza di costo relativa dei due scenari che riflette il costo reale del passaggio all'energia verde.

Gli investitori hanno motivo di temere di investire in soluzioni di energia verde fortemente sovvenzionate dai governi?

PG: Tutto deve essere redditizio a lungo termine, ma come investitore vorrei guardarlo dall'altra parte. I luoghi in cui i governi sovvenzionano tali progetti sono aree a cui vogliono dare la priorità e sono quindi luoghi in cui guadagnare denaro.

La "rivoluzione verde" può contribuire alla crescita dell'occupazione? La Gran Bretagna potrebbe affrontare una rivoluzione nei lavori qualificati, in particolare negli ex distretti industriali?

PG: La storia dell'economia mostra che è in continua evoluzione ed evoluzione, e non c'è dubbio che il cambiamento delle fonti di energia comporterà licenziamenti in alcuni settori e posti vacanti in altri. Credo che la transizione verde avrà un impatto netto positivo sulla creazione di posti di lavoro. Per molti anni a venire ci sarà bisogno di lavoratori nell'industria petrolifera e del gas e le competenze necessarie in questi settori dovrebbero tradursi facilmente in lavoro nel settore dell'energia verde. Ci sono quindi tutte le ragioni per vedere la transizione verde come un'opportunità per creare più posti di lavoro per i lavoratori qualificati.

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
vuoto
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.

Lascia una risposta