Crypto
Adesso stai leggendo
Hong Kong introduce nuove normative relative alle criptovalute
0

Hong Kong introduce nuove normative relative alle criptovalute

creato Michał SielskiNovembre 13 2019

Nuove norme legali per gli scambi di criptovaluta a Hong Kong

Hong Kong continua a supportare lo sviluppo della tecnologia blockchain e introduce nuove normative per il mercato delle criptovalute. Autorità di vigilanza finanziaria a Hong Kong (SFC Commissione titoli e futures) ha rilasciato una dichiarazione sulla necessità di colmare una lacuna legale nel trading di criptovaluta, che mira ad aumentare la sicurezza dell'uso degli scambi di criptovaluta operanti a Hong Kong. Allo stesso tempo, la Commissione ha cambiato il suo approccio e voglio coprire fondi legali e di licenza e piattaforme di scambio di criptovaluta. Le nuove normative si applicano alle piattaforme di trading e alle società che gestiscono i portafogli di criptovaluta dei loro clienti, indipendentemente dal fatto che le monete saranno qualificate da loro come titoli o futures.

Il nuovo approccio e le normative pianificate impongono agli scambi di criptovaluta e ad altre piattaforme che hanno sede a Hong Kong l'obbligo di registrarsi e soddisfare requisiti come quelli imposti dalla Commissione Titoli e Contratti alle borse.

Hong Kong un paradiso per Blockchain?

La necessità di regolamenti chiari per il mercato delle criptovalute a Hong Kong è stata segnalata dall'autorità polacca di vigilanza finanziaria diverse volte all'inizio di quest'anno. La necessità di nuovi regolamenti ha iniziato a essere pressante quando il governo cinese ha introdotto nuove linee guida e regolamenti sfavorevoli per i progetti relativi alle criptovalute. Ricordiamo brevemente, prima a settembre 2017, che il governo cinese ha annunciato il divieto di annunciare pubblicamente progetti ICO (Initial Coin Offering), ovvero campagne di crowdfunding, consistenti nel supportare nuovi progetti crittografici che rilasciano i loro token per gli investitori prima del lancio ufficiale della criptovaluta in borsa. Una descrizione dettagliata dei progetti ICO è disponibile sul sito Web Monfex, nella scheda "Base di conoscenza della criptovaluta". Il passo successivo è stato il divieto di organizzare eventi pubblici relativi a progetti ICO e infine, in aprile 2019, i progetti relativi al mining di criptovaluta sono stati inclusi come attività da "eliminare" annunciate annualmenteCatalogo delle linee guida per l'adattamento della struttura industriale 'pubblicato dalla Commissione nazionale cinese per lo sviluppo e le riforme (NRDC).

Vale la pena aggiungere che 4 con il più grande pool di mining 5 opera in Cina e l'introduzione di normative sfavorevoli per loro potrebbe essere sentita sugli scambi di criptovaluta. Alla fine, il governo cinese, dopo numerosi suggerimenti e relazioni di analisti economici, ha deciso di rimuovere "Bitcoin production" e progetti relativi al mining di criptovaluta dall'elenco delle industrie da "eliminare" in 2020. Nel frattempo, tuttavia, molte borse e società, temendo il totale divieto e forse anche la confisca di alcuni beni, hanno deciso di spostare i loro centri finanziari a Hong Kong.

I rapporti dalla Cina hanno suscitato preoccupazione in tutto il mondo, anche a Hong Kong l'Autorità di vigilanza finanziaria nella sua relazione annuale ha dichiarato che monitorerà chiaramente il settore delle criptovalute. L'attenzione è stata anche prestata ai rischi del trading di criptovalute. Ciò non significa, tuttavia, che il governo di Hong Kong non supporti l'innovazione nella tecnologia blockchain, al contrario: le autorità prendono una serie di iniziative a sostegno della tecnologia blockchain. Già nell'autunno di 2017, l'organismo che fungeva da banca centrale a Hong Kong, ovvero l'Hong Kong Finance Committee (HKMA) ha stabilito una partnership con un'istituzione gemella a Singapore nell'attuazione di nuovi progetti basati sulla tecnologia Blockchain. Il progetto era aperto a tutte le banche di entrambi i paesi. Inoltre, il governo di Hong Kong ha annunciato un piano per finanziare il commercio utilizzando la tecnologia Blockchain e il gigante cinese Ant Financial alla fine di giugno dello scorso anno ha testato i suoi trasferimenti di denaro AliPayHK, che deve essere un sistema globale. Un'altra impresa di Hong Kong a cui prestare attenzione è la firma di un accordo di cooperazione blockchain e fintech da parte di HKMA con la Financial Services Regulation Commission (FSRA) degli Emirati Arabi Uniti.

Hong Kong è destinata a diventare un centro blockchain in tutto il mondo. Ciò è dimostrato dalle parole del direttore di Fintech presso l'agenzia InvestHK, Charles d'Haussy, che ha affermato che Blockchain è "una priorità". E l'obiettivo a Hong Kong è "Costruire infrastrutture per le imprese, sia nuove che esistenti, per garantire che le tecnologie e le innovazioni rimangano un motore chiave per la crescita nel settore finanziario."

In cosa consisteranno i nuovi regolamenti?

L'autorità polacca di vigilanza finanziaria sostiene che di fronte a nuovi progetti e sfide, i regolamenti annunciati mirano ad aumentare la sicurezza degli investitori. Le nuove misure mirano a consentire la regolamentazione della gestione e della distribuzione delle criptovalute, al fine di garantire la tutela degli interessi dei grandi investitori. Tutti gli scambi di criptovaluta sono soggetti a un rigoroso controllo da parte della Commissione, che deciderà quindi se soddisfano i requisiti necessari per ottenere una licenza governativa. Tuttavia, non sono state ancora emesse linee guida precise. Informazioni sulla pianificazione di un rilascio di una serie di regolamenti per il trading di valute virtuali sono state fornite dal direttore dell'SFC Ashley Adler a Reuters 6 nel novembre di quest'anno. Nelle sue parole si riferiva al gentiluomo discusso in precedenza, la creazione di un centro blockchain a Hong Kong:

"Il framework consentirà agli SFC di regolare le piattaforme di trading di asset virtuali, che è un passo importante nello sviluppo basato su un piano che ho delineato nello stesso periodo dell'anno scorso."

Le nuove normative riguardano principalmente le regole Conosci il tuo cliente (KYC) per prevenire il riciclaggio di denaro. Secondo le normative, lo scambio con licenza dovrebbe prendere tutte le azioni possibili per identificare la piena identità dei propri clienti, i loro obiettivi e risorse di investimento e per autenticarli. Pertanto, gli scambi di criptovaluta saranno in grado di offrire i loro servizi solo a società di investimento e operatori "professionali" e dovranno presentare a SFC un rapporto completo sulle loro attività su base mensile. Inoltre, una volta che gli scambi non saranno in grado di gestire scambi superiori al 2% delle attività detenute nel portafoglio caldo dell'investitore, e ciascuna di esse sarà ulteriormente assicurata contro il furto con scasso, il che probabilmente costringerà un aumento delle commissioni. Avere una polizza assicurativa, servire solo i clienti professionali non è tutte le restrizioni necessarie per ottenere una licenza dagli scambi di criptovaluta. Un altro requisito è il mandato di utilizzare meccanismi di controllo del mercato esterno. Questo per salvaguardare gli interessi degli investitori e prevenire la possibilità di riciclaggio di denaro negli scambi di criptovaluta.

Ciò non significa che tutti gli scambi avranno un obbligo di licenza. La licenza SFC sarà concessa solo agli scambi che scambiano strumenti considerati "sicuri", che non includono, ad esempio, Bitcoin. Inoltre, la dichiarazione di Adler afferma che SFC non sarà concesso in licenza per progetti che consentono scambi diretti peer-to-peer che in genere mantengono il controllo sui propri asset, sia in valute virtuali che tradizionali. Alla fine non è noto quante entità saranno in grado di richiedere una licenza.

Nuove informazioni hanno suscitato sentimenti contrastanti tra scambi, trader e analisti. Alcuni scambi sono felici che l'introduzione delle licenze aiuterà a distinguere le entità professionali autorizzate dagli scambi senza licenza e avrà un impatto positivo sull'innalzamento degli standard del settore. Il primo scambio che ha la possibilità di ottenere una licenza è probabilmente Huobi. È una soluzione interessante che può aiutare a combattere le frodi e i progetti crittografici disonesti e prestare maggiore attenzione alla sicurezza dei siti Web. In Monfex utilizziamo le principali misure di sicurezza per garantire la sicurezza del tuo portafoglio. Inoltre, Monfex fornisce un'autenticazione a due fattori, che aumenta ulteriormente la sicurezza di tutte le transazioni effettuate.

Cosa ne pensi?
Io
50%
interessante
50%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Michał Sielski
Michał Sielski
Un giornalista professionista per oltre 20 anni. Ha lavorato, tra gli altri a Gazeta Wyborcza, recentemente associata al più grande portale regionale - Trojmiasto.pl. Sul mercato finanziario, che è presente da 18 da anni, è iniziato sul WSE quando le azioni di PKN Orlen, TP SA hanno colpito il mercato. Di recente gli investimenti si sono concentrati esclusivamente sul mercato Forex. In privato, paracadutista e amante delle montagne polacche.

Lascia una risposta