principiante
Adesso stai leggendo
Gruppo OPEC - il cartello dei produttori di petrolio e la sua storia
0

Gruppo OPEC - il cartello dei produttori di petrolio e la sua storia

creato Forex ClubLuglio 23 2021

L'OPEC è una delle organizzazioni internazionali più famose. È associato a un'organizzazione dei paesi produttori di petrolio. Tuttavia, questa è solo una parte della verità. Non tutti i produttori di petrolio sono membri dell'OPEC. È vero, tuttavia, che un'organizzazione funziona come un cartello. Per la cronaca, un cartello è un accordo o una pratica concordata da due o più concorrenti. Un accordo di cartello ha lo scopo di coordinare le attività in modo tale che si traducano nella formazione dell'offerta o della domanda di un determinato bene. Nel caso dell'OPEC, il cartello coordina la produzione di petrolio greggio.

Cos'è l'OPEC

opec 1960OPEC sta per stands Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolioche in traduzione significa Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio. L'OPEC ha più di 60 anni. Le sue origini risalgono al 1960, quando cinque paesi fondarono questa organizzazione a Baghdad, in Iraq. All'inizio c'erano quattro paesi dell'Asia Minore e un paese del Sud America. Li avevamo: Iran, Iraq, Kuwait, Arabia Saudita e Venezuela. È interessante notare che 4 dei 5 paesi fondatori in seguito entrarono in guerra tra loro. Negli anni 1980 - 1988 era in corso la guerra tra Iraq e Iran, e poco dopo l'Iraq invase il Kuwait (1990), provocando una reazione internazionale del cosiddetto Prima guerra del Golfo (anche l'Arabia Saudita faceva parte della grande coalizione). Come puoi vedere, l'organizzazione dell'OPEC non era un blocco politico unitario, ma solo un cartello che teneva d'occhio i prezzi del petrolio.

Non sorprende che l'obiettivo principale dell'organizzazione sia coordinare il livello di produzione di petrolio da parte dei membri del cartello per garantire la redditività della sua produzione. Tuttavia, va ricordato che ogni paese ha un diverso interesse politico e una diversa struttura delle entrate e delle spese di bilancio. Per questo motivo, le decisioni dell'OPEC sono sempre più o meno un compromesso tra i membri del cartello. Per questo motivo gli incontri dei membri dell'OPEC sono molto importanti per chi investe o specula sul mercato petrolifero. Una riduzione della produzione di petrolio maggiore del previsto potrebbe causare un aumento dei prezzi. A sua volta, il mancato accordo sui limiti di produzione può portare a una forte svendita di questa risorsa energetica.

Membri del gruppo OPEC

Dal 1965 la sede dell'organizzazione è a Vienna. È interessante notare che l'Austria non è membro dell'OPEC. Questo paese è stato scelto, tra gli altri per la sua neutralità politica.

L'OPEC non era un club chiuso di membri fondatori. Più membri si sono uniti all'organizzazione nel corso degli anni. Durante i primi due anni di attività dell'organizzazione (1960-1962), il cartello fu allargato da altri tre paesi: Qatar, Indonesia e Libia. Il periodo 1967 - 1975 fu la successiva ondata di crescita dell'organizzazione. A quel tempo, paesi come Emirati Arabi Uniti (1967), Algeria (1969), Nigeria (1971), Ecuador (1973) e Gabon (1975) aderirono all'OPEC. Più paesi si sono uniti all'organizzazione nel 2007° secolo. Erano Angola (2017), Guinea Equatoriale (2018) e Congo (XNUMX).

Tuttavia, molti membri non erano sempre nell'organizzazione dell'OPEC. Vale la pena citare alcuni esempi. Uno dei più titubanti fu l'Ecuador, che sospese la sua adesione nel dicembre 1992. Tuttavia, con l'aumento dei prezzi del petrolio, il paese ha riattivato l'adesione nell'ottobre 2007. Dopo meno di 13 anni, l'Ecuador si è ritirato dall'appartenenza all'organizzazione il 1 gennaio 2020. Anche l'Indonesia ha cambiato molte volte il suo status nell'organizzazione. I bassi prezzi del petrolio nel 2009 hanno spinto l'Indonesia a sospendere l'adesione, ma è rientrata nell'OPEC dopo 7 anni. Il tempo all'interno dell'organizzazione non durò a lungo perché dopo 10 mesi l'Indonesia decise di sospendere nuovamente la sua appartenenza all'OPEC. Nel 1995-2016, non ha partecipato alle riunioni del cartello nelle riunioni dell'organizzazione. A sua volta, il Qatar ha cessato l'adesione il 1° gennaio 2019.

Mohammad Barkindo op

Mohammad Barkindo, segretario generale dell'OPEC.

Attualmente, l'organizzazione dell'OPEC è composta da tredici membri, che sono:

  • Algeria
  • Angola
  • Arabia Saudita (leader de facto dell'organizzazione)
  • Gabon
  • Guinea Equatoriale
  • Iran
  • Iraq
  • Kuwait
  • Libia
  • Nigeria
  • Repubblica del Congo
  • Venezuela
  • Emirati Arabi Uniti.

L'organizzazione dell'OPEC divide i suoi partecipanti in "Membri fondatori" e "Membri a pieno titolo". Secondo lo status dell'OPEC, qualsiasi paese esportatore netto di petrolio greggio può essere membro dell'organizzazione. La condizione è l'accettazione da parte ¾ dei "membri a pieno titolo" e da tutti i "membri fondatori". Lo status consente anche ai paesi di aderire come "Membri dell'Associazione"tuttavia, i poteri di tali membri sono molto più limitati.

L'organizzazione elegge anche il suo Segretario Generale. Ricopre questo ruolo dal 2016 Mohammad Barkindo (eletto nel 2019 per un altro triennio). Mohammad ha rappresentato la Nigeria nell'OPEC tra il 3 e il 1993.

Fondo OPEC

OPEC_Fondo_LogoQuesto è un altro "ramo" dell'organizzazione dell'OPEC. È stata fondata nel 1976. Il Fondo OPEC è attualmente composto da 12 paesi membri, tra cui: Algeria, Ecuador, Gabon, Indonesia, Iraq, Iran, Kuwait, Libia, Nigeria, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Venezuela. Lo scopo del fondo è migliorare la qualità della vita e garantire uno sviluppo economico e sociale sostenibile. I progetti finanziati dal Fondo OPEC riguardano sia le infrastrutture sia il miglioramento della qualità del capitale umano. Il Fondo OPEC cerca di sostenere la solidarietà dei "paesi del sud", in particolare dei paesi meno sviluppati del mondo. Il fondo raccoglie capitali principalmente a seguito dei contributi volontari dei "membri a pieno titolo" e degli investimenti del fondo (prestiti, partecipazioni). Entro la fine di marzo 2020, il Fondo OPEC ha stanziato un totale di 25 miliardi di dollari per lo sviluppo dei paesi meno sviluppati. Finanziato oltre 4000 progetti. Il valore dei progetti cofinanziati dal fondo ha superato i 190 miliardi di dollari.

Influenza dell'OPEC sul prezzo del greggio

Le azioni del cartello possono avere un impatto sui prezzi del petrolio. Se i paesi dell'OPEC decidono di ridurre la produzione di greggio, allora in condizioni normali (domanda relativamente stabile), il prezzo del greggio dovrebbe salire. Questo perché, a un prezzo inferiore, c'è un eccesso di domanda sull'offerta, che fa aumentare il prezzo. Gli investitori petroliferi dovrebbero prestare molta attenzione agli annunci dell'OPEC. Se un'organizzazione segnala un aumento della produzione superiore alle aspettative del mercato, ciò può tradursi in un calo dei prezzi, poiché l'aumento dell'offerta metterà sotto pressione i prezzi. Un altro problema è la domanda della materia prima. Se la domanda di domanda diminuisce, l'OPEC cerca di limitare la produzione per mantenere il prezzo allo stesso livello.


GUIDA: COME INVESTIRE NEL PETROLIO?


Va ricordato che l'integrità dei membri del cartello e la volontà di raggiungere un compromesso sono fondamentali. Tuttavia, l'OPEC influisce solo sul livello dell'offerta, non sulla dimensione della domanda. Vale la pena ricordare che i paesi dell'OPEC non controllano l'intera fornitura di questa materia prima. Secondo i dati forniti dall'organizzazione. Nel 2018, i paesi associati a questa organizzazione controllavano il 44% della produzione mondiale e disponevano di circa l'82% delle riserve globali confermate di questa materia prima. Per questo motivo, per avere una maggiore influenza sull'andamento del prezzo del petrolio, l'OPEC a volte ha bisogno di "andare d'accordo" con altri paesi esportatori di petrolio. Per questo motivo i produttori di petrolio dialogano spesso con la formula OPEC+, che associa anche altri produttori di petrolio (es. Russia, Kazakistan o Norvegia). Questo per consentire un migliore coordinamento della produzione petrolifera, che aumenta le possibilità di successo delle operazioni di mantenimento del prezzo del petrolio. Un esempio è il comunicato OPEC+ di aprile 2020, quando l'annuncio di una riduzione del 10% della produzione si è tradotto in un rapido aumento del prezzo del greggio Brent del 2,5%.

Paesi OAPEC

Esiste anche Organizzazione dell'OAPECche è l'abbreviazione di Organizzazione dei paesi arabi esportatori di petrolio. Così è l'Organizzazione dei Paesi Arabi Esportatori di Petrolio. L'organizzazione è stata istituita per proteggere gli interessi degli stati arabi. L'OAPEC è stata fondata nel 1968 e la sua sede è in Kuwait. È comunemente noto come l'OPEC "arabo".

L'Organizzazione dei paesi arabi esportatori di petrolio è stata istituita un po' più tardi dell'OPEC, nel 1968. Fin dall'inizio, la sua sede è in Kuwait. Alcuni paesi appartengono sia all'OPEC che all'OPAC. Loro sono: Algeria, Arabia Saudita, Iraq, Kuwait, Libia i Emirati Arabi Uniti. Altri paesi dell'OAPEC includono: Bahrain, Egitto, catarro i Siria.

Il più grande successo dell'organizzazione fu nel provocare la prima crisi petrolifera. Nel 1973, i membri arabi dell'OPEC (che erano ancora membri dell'OAPEC) decisero di interrompere l'esportazione di petrolio nei paesi che sostenevano Israele nella guerra dello Yom Kippur. Ha colpito paesi come gli Stati Uniti, l'Europa occidentale e il Giappone. Il vincolo di offerta ha portato a un forte aumento dei prezzi del petrolio. L'era dell'accesso a basso costo a questa materia prima è finita.

Somma

Al giorno d'oggi, un'economia moderna non può funzionare senza petrolio. Per questo motivo il prezzo del greggio può tradursi in costi di produzione in molti settori. Questo non vale solo per l'industria petrolifera (a monte, a valle), ma anche i risultati del settore dell'aviazione e della logistica. Allo stesso tempo, un aumento dei prezzi del petrolio può essere uno dei fattori che accelerano l'inflazione (l'aumento dei costi di produzione e di trasporto può tradursi in un aumento dei prezzi di prodotti o servizi). È vero che il mondo sta attualmente cercando di allontanarsi dal consumo di petrolio, ma è un processo lento. Quindi non sorprende che molte persone stiano osservando da vicino le decisioni prese dall'OPEC. È questa organizzazione che è uno dei cartelli più famosi nella storia economica del mondo. Attualmente, associa 13 paesi situati in Asia, Africa e Sud America. All'interno di questa organizzazione c'è anche il Fondo OPEC, che cerca di sostenere i paesi meno sviluppati del mondo.

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
vuoto
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.

Lascia una risposta