Stock
Adesso stai leggendo
Gazprom - natgas, petrolio e politica [Guida]
0

Gazprom - natgas, petrolio e politica [Guida]

creato Forex ClubOttobre 8 2021

In aumento prezzi della benzina sul mercato europeo ancora una volta ha attirato l'attenzione sul più grande attore sul mercato del gas in Europa - Gazprom. Per molti anni, la società ha avuto i diritti esclusivi per l'esportazione di gas al di fuori della Russia. Gazprom è la più grande compagnia energetica in Russia. Vale la pena ricordare che questa non è una preoccupazione privata. L'azionista più importante della società è il governo russo, che, attraverso i suoi organi di governo, controlla oltre il 50% della partecipazione della società (attraverso il Tesoro di Stato russo e Rosneftgaz). Secondo la rivista Forbes, Gazprom è la 32a più grande azienda al mondo in termini di ricavi (tra le aziende pubbliche). È anche la più grande azienda in Russia in termini di ricavi. Da dove viene il nome Gazprom? È l'abbreviazione di а́зOIC Indы́шленность (pl. industria del gas).


Assicurati di leggere: Natgas: come investire nel gas naturale? [Guida]


Gazprom è un'azienda verticalmente integrata che esplora, estrae, lavora, trasporta e vende gas naturale. Nel 2018, l'azienda era responsabile di circa il 12% dell'estrazione globale di questa materia prima. Nel 2020, questa quota è scesa al 10,9%. Vale anche la pena ricordare che l'azienda possiede attualmente il 15,6% delle riserve mondiali di questa materia prima. Gazprom ha anche un segmento di produzione di petrolio. Neft gas è il terzo produttore di petrolio in Russia (dopo Rosneft e Lukoil). L'azienda produce circa 41 milioni di tonnellate di greggio e dispone di riserve di questa materia prima stimate in 2 miliardi di tonnellate.

Gazprom vende gas naturale al mercato russo ed esporta sui mercati esteri. Decenni di cooperazione tra la Russia ei consumatori di gas, che sono i paesi dell'Europa orientale, meridionale, centrale e occidentale, hanno portato la maggior parte delle infrastrutture del gas russe ad essere orientate "verso ovest". La materia prima viene esportata, tra le altre tramite gasdotti: Yamal, Nord Stream, Turecki e Soyuz. Di recente è iniziata la creazione di un nuovo sbocco, ovvero il gasdotto "Power of Siberia", che apre un mercato cinese assorbente per Gazprom.

00 Gazprom Potenza della Siberia

fonte: wikipedia.org

Nel corso della sua storia, Gazprom ha ceduto alle pressioni dei politici russi più di una volta ed è stata coinvolta in controversie politiche. Un esempio è la sospensione delle forniture di gas all'Ucraina nel 2006 e nel 2008.

La storia di Gazprom

Gli inizi dell'industria del gas in Russia risalgono alla seconda guerra mondiale. Nel 1943, il governo dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche iniziò a sviluppare l'estrazione di gas naturale e il suo utilizzo come risorsa energetica nell'URSS. Nel 1965, l'esplorazione, produzione e distribuzione di gas naturale è stata concentrata nelle mani del Ministero dell'Industria del Gas.

Negli anni Settanta e Ottanta furono scoperti enormi giacimenti di gas in Siberia, nella regione degli UraliQueste scoperte hanno contribuito alla crescita esplosiva del settore del gas in Unione Sovietica, che è diventata uno dei principali attori nel mercato globale del gas naturale.

Le origini di Gazprom risalgono al 1989, quando emerse dalle strutture del Ministero Sovietico dell'Industria del Gas. È stata la prima società statale in Unione Sovietica. Dopo il crollo dell'URSS, l'impresa fu divisa. Di conseguenza, sono state create società "nazionali" regionali, come Ukrgazprom o Turkmengazprom. Gazprom è diventata l'erede delle attività di produzione, distribuzione ed esplorazione russe. Di conseguenza, è diventato un monopolio sul mercato del gas russo.

Nel 1993, la società è stata privatizzata. È stato scelto un modello in cui i cittadini russi hanno ricevuto buoni che potrebbero essere convertiti in azioni della società. Circa un terzo delle azioni è stato assegnato a circa 750 cittadini russi. Il governo russo ha mantenuto il 000% delle azioni della società. Il resto è stato allocato tra dipendenti di Gazprom e investitori privati. Tuttavia, nessuno degli investitori stranieri potrebbe possedere più del 38% delle azioni di Gazprom. Nel 9, l'1996% delle azioni di Gazprom è stato inoltre emesso a investitori stranieri utilizzando GDR (Global Depository Receipts). Un anno dopo, la fiducia che gli investitori stranieri avevano in Russia e in Gazprom ha permesso la chiusura dell'emissione obbligazionaria del valore di 1 miliardi di dollari.

01 Putin

Vladimir Putin, fonte: DW

Dopo la crisi del 1998, negli ambienti governativi è apparso il concetto di rinazionalizzazione dell'azienda. Dopo che Vladimir Putin ha preso il potere presidenziale, c'è stato un maggiore controllo sulle azioni degli oligarchi russi e una maggiore attenzione è stata prestata al controllo delle attività operative delle aziende statali. All'inizio del XNUMX° secolo, il governo russo ha continuato ad aumentare la sua partecipazione nella società.

Ci sono stati cambiamenti anche nel consiglio di amministrazione di Gazprom. L'amministratore delegato di lunga data dell'azienda ha detto addio al lavoro - Rem Wachyirew, che ha ricoperto questa posizione negli anni 1992 - 2001. Anche Viktor Chernomyrdin, che era stato associato all'industria del gas dal 1985 (come ministro dell'industria del gas dell'URSS), ha lasciato il suo lavoro a Gazprom. È stato anche primo ministro della Russia nel 1992-1998. Il loro posto è stato preso dal successivo primo ministro e presidente della Russia, Dmitry Medvedev e Alexei Miller. L'obiettivo principale di questo duo era ridurre la corruzione nell'azienda e recuperare i beni dell'azienda che erano illegalmente nelle mani di altre società. Alcune di queste attività hanno avuto un effetto. Ad esempio, Gazprom è riuscita a recuperare gratuitamente i suoi asset di gas da Itera.

02 Alexei Miller

Alexei Miller, fonte: wikipedia.org

Nel 2001, Gazprom ha acquistato NTV, che era la più grande televisione privata in Russia, dal magnate dei media russi Vladimir Gusinski, che era caduto in conflitto con il nuovo governo pochi mesi prima. Ad oggi, NTV appartiene a una delle filiali di Gazprom.

Nel 2005 ha avuto luogo un altro importante evento nella storia dell'azienda. Le controllate di Gazprom (Gazprombank, Gazpromivest Holding, Gazfond e Gazprom Finance B.V) hanno venduto una quota del 7% di Gazprom per 10,74 miliardi di dollari. L'acquirente era la società governativa Rosneftgaz. Di conseguenza, il governo ha ripreso il controllo di maggioranza della società. Allo stesso tempo, è stata abolita la legge che vietava agli investitori stranieri di possedere più del 20% delle azioni della società. Nel settembre 2005, Gazprom ha acquisito il 72,6% delle azioni di Sibneft. È costato alla società $ 13 miliardi, di cui $ 12 miliardi finanziati da prestiti.

Nel 2006 è entrata in vigore la legge "On Gas Export", che ha conferito a Gazprom il diritto esclusivo di esportare gas dalla Russia. Un altro passo avanti nella storia dell'azienda è stato il 2014. Nel 2021 Gazprom ha firmato un contratto con China National Petroleum Corporation del valore di 400 miliardi di dollari, che dovrebbe durare 30 anni. In base all'accordo, Gazprom doveva fornire 38 miliardi di metri cubi di gas all'anno a partire dal 2018. Le consegne dovevano essere effettuate tramite il gasdotto "Strength of Siberia".

Vale anche la pena ricordare che, a causa di eventi storici, Gazprom controllava in gran parte la distribuzione del gas naturale dall'Asia centrale. Ad esempio, nel 2008, Gazprom ha acquistato il 75% del gas venduto dal Turkmenistan. Questo gas è stato poi riesportato in Ucraina a un prezzo più elevato.

Gazprom è quotata alle borse di Mosca, Londra, Karachi, Berlino, Francoforte sul Meno e Singapore. Vale anche la pena notare che, in quanto una delle più importanti società russe, Gazprom è una componente di indici come MICEX i RTS.


Check it out: Come negoziare l'indice della Borsa di Mosca (MOEX)? [Guida]


Gazprom sta anche investendo molti soldi in pubblicità. Spende gran parte dei suoi fondi nel calcio. È uno dei principali sponsor della Champions League, sostiene finanziariamente lo Zenit San Pietroburgo ed è sponsor di club come Crvena zvezda e FC Schalke. È stato anche uno degli sponsor della Coppa del Mondo FIFA in Russia (2018). Gazprom è anche il title sponsor dello stadio Gazprom Arena di San Pietroburgo, che può ospitare oltre 68 spettatori.

Cosa c'è con i prezzi alti del gas?

Attualmente, il gas svolge un ruolo molto importante nel mix energetico dell'Unione europea. In Germania, per tutto il 2020, le centrali elettriche a gas sono state responsabili del 12% della produzione di elettricità (secondo il Fraunhofer Institute for Solar Energy Systems ISE). In Italia, circa il 45% della produzione di energia elettrica proviene da centrali a gas.

03 Gas Italia

fonte: eea.europa.eu (Agenzia europea dell'ambiente)

Nel caso della Spagna, è superiore al 20%. La Francia è in una situazione molto buona, poiché basa la sua energia principalmente sul nucleare.

Il gas viene utilizzato anche per riscaldare molti appartamenti ed edifici industriali in inverno. Pertanto, esiste un "ciclo" annuale. In tarda primavera e in estate, gli impianti di stoccaggio del gas (UGS - punti di stoccaggio del gas) vengono riforniti, per poi esaurire parte delle riserve durante i periodi invernali. Ciò è necessario perché la trasmissione del gas in inverno non sempre soddisfa la domanda attuale.

Attualmente, l'Europa ha un problema con le riserve di gas. La carenza è dovuta a un inverno relativamente freddo e lungo. Ciò ha contribuito all'aumento del consumo di gas per il riscaldamento degli edifici. Anche la stagione di riscaldamento è iniziata più velocemente - 12 ottobre. Negli anni precedenti, la stagione di riscaldamento era dal 20 al 26 ottobre. Di conseguenza, dalle riserve europee sono stati pompati circa 66 miliardi di metri cubi di gas naturale. Vale la pena ricordare che le riserve di gas nel 2020 sono state pari a circa 82 miliardi di metri cubi.

Il livello delle scorte era molto basso, ma si presumeva che la carenza di scorte potesse essere ricostituita nel periodo primaverile ed estivo. Comunque, questo non è successo. In estate è aumentata la domanda di unità di condizionamento e raffreddamento, che hanno consumato molta elettricità. Come accennato in precedenza, il gas viene utilizzato anche per produrre energia elettrica. Allo stesso tempo, quest'anno i parchi eolici hanno prodotto meno energia del previsto. Ad esempio, in Germania, nella prima metà del 2021, i parchi eolici offshore hanno generato 11,5 TWh di elettricità, il 16,3% in meno rispetto all'anno precedente. Il problema riguardava entrambi i parchi eolici situati nel Mare del Nord e nel Mar Baltico. Il problema ha riguardato anche i parchi eolici onshore, che hanno prodotto 47 TWh (il 22% in meno rispetto all'anno precedente).

Un altro problema era come prenotare le forniture di gas. Molti paesi non hanno firmato contratti a lungo termine per la fornitura di gas naturale liquefatto (GNL) per diversificare le forniture. Questi paesi hanno preferito acquistare il gas in un modello di asta. Tuttavia, i fornitori di questo tipo di gas hanno scelto i mercati asiatici, che offrivano prezzi più elevati. Queste consegne non risolverebbero il problema, ma lascerebbero un po' più di tempo per trovare una soluzione.

Di conseguenza, gli impianti di stoccaggio del gas hanno accumulato a luglio circa 63 miliardi di metri cubi di questa materia prima. 30 miliardi in meno di un anno fa. Secondo Gazprom, su 66 miliardi di metri cubi di gas, solo 27,6 miliardi sono stati riforniti.

04 Gazprom

fonte: Gazprom

All'inizio di settembre, gli UGS europei erano pieni solo al 66%. Per fare un confronto, l'anno prima i magazzini erano pieni al 91,4%. Gazprom ha anche una rete di UGS con sede in Germania, Austria e molti altri paesi europei. In Germania, Gazprom Germania controlla circa il 30% della capacità di stoccaggio. A seguito della riduzione delle forniture di gas attraverso la rete del gas (anche attraverso il gasdotto Yamal), Gazprom ha iniziato ad adempiere ai propri obblighi contrattuali fornendo gas dai propri impianti di stoccaggio europei. Attualmente, Gazprom ha livelli di scorte inferiori al 20% nei suoi magazzini (il livello più basso in 8 anni). I bassi livelli di scorte mettono molti paesi europei in una posizione difficile in quanto non vi è alcuna garanzia che i magazzini vengano riforniti entro la fine di ottobre.

La scarsità del mercato del gas ha fatto sì che i prezzi spot sul mercato del gas iniziassero a salire. Non era così costoso in Europa, nemmeno al culmine della bolla delle risorse nel 2007-2008, o nell'incidente nucleare di Fukushima nel 2011. A giugno, i contratti del gas a settembre erano intorno a $ 316 (TTF). Già il 30 agosto il prezzo del gas è salito a oltre 600 dollari per 1000 metri cubi. Già il 14 settembre il prezzo su TTF è aumentato a $ 800.

Per comprendere più facilmente le suddette dipendenze, vedere il sommario preparato da Gazprom. Le informazioni sono state pubblicate nella presentazione dell'investitore per la prima metà del 2021:

05 Gazprom

fonte: Gazprom

Come puoi vedere, la domanda di gas naturale è aumentata del 24,5% in Europa. Allo stesso tempo, la produzione interna è diminuita di oltre l'11% e le importazioni di GNL del 6%. Di conseguenza, alla fine del secondo trimestre 2021, le scorte di gas sono diminuite del 40% a/a al livello di soli 52,3 miliardi di metri cubi (di 35 miliardi in meno rispetto all'anno precedente).

Vale la pena notare, tuttavia, che la carenza di gas sul mercato europeo non è dovuta a problemi con l'estrazione di questa materia prima in Russia. Gazprom ha confermato che la produzione di petrolio aumenterà del 2021% a/a per tutto il 12 a 510 miliardi di metri cubi. Tuttavia, non intende aumentare le esportazioni verso i paesi europei. Gazprom ipotizza che le esportazioni verso l'Europa ammonteranno a 183 miliardi di metri cubi (16,5% in meno rispetto all'anno precedente).

Gazprom è il più grande fornitore di gas naturale in Europa. La sua quota è diminuita negli ultimi anni. Nel 2018 la compagnia russa aveva una quota del 36% nel mercato del gas europeo, attualmente è del 32%. Informazioni più dettagliate sono fornite nella tabella seguente:

07 Gazprom

fonte: Gazprom


Grafico - Natgas



Lo sfondo dell'intera situazione sono i negoziati tra l'Unione europea e la Russia sulle relazioni commerciali reciproche. Il problema riguarda il 2° pacchetto energia e la controversia sul Nord Stream XNUMX (la seconda linea del gasdotto che scorre sul fondo del Mar Baltico).

È un'enfasi specifica di Gazprom, che "incoraggia" i regolatori europei a certificare più rapidamente il gasdotto Nord Stream (II), firmando contratti a lungo termine che garantiranno l'utilizzo al 100% del Nord Stream 2 da parte della compagnia russa. 50° pacchetto energia, il XNUMX% della capacità del gasdotto sarà riservato a soggetti indipendenti.

Gli alti prezzi del gas hanno contribuito a una serie di fallimenti di società che acquistano gas a prezzi di mercato (spot) e lo rivendono ai clienti a prezzi fissati in contratti annuali. L'improvviso balzo del prezzo ha fatto sì che le società vendessero gas con perdite considerevoli. Alla fine di settembre, 9 di queste società nel Regno Unito erano fallite ei clienti erano stati trasferiti ad altri fornitori. Un esempio simile è stato in Germania, dove Deutsche Energiepool ha rotto i contratti.

L'aumento dei prezzi del gas provoca anche un aumento dei prezzi dell'energia elettrica. In Italia i prezzi sono aumentati del 40% e il gas del 30%. Il governo ha annunciato che sovvenzionerà le bollette per i più poveri, che costeranno loro 3 miliardi di euro. L'aumento dei prezzi dei vettori energetici contribuisce anche all'aumento della pressione inflazionistica, che può comportare la necessità di aumentare i tassi di interesse o ridurre gli strumenti non standard che forniscono liquidità al settore finanziario.

Oltre all'aumento dei costi per le famiglie, l'aumento dei costi di produzione è un altro problema. Causano un calo della competitività delle imprese europee sui mercati mondiali. I produttori di fertilizzanti come CF Industries e Yatra stanno limitando la produzione.

Gazprom - dati operativi

Come accennato in precedenza, Gazprom è una delle aziende più importanti sulla mappa energetica russa. Sebbene la maggior parte dei ricavi sia generata dalla vendita di idrocarburi, la società ha una serie di filiali che operano in vari settori (tra cui il ramo dei media, Gazprombank, o la quota di maggioranza del club Zenit).

Produzione di gas naturale

Gazprom è il più grande attore sul mercato del gas naturale e una società energetica chiave nel mondo. Prima del coronavirus, la produzione di gas naturale era di circa 500 miliardi di metri cubi. Nel 2020 la produzione è diminuita di circa il 10% a/a. L'azienda concentra la sua produzione nel Distretto Federale degli Urali. Nel 2020 la produzione in questa regione è stata di circa 417 miliardi di metri cubi.

08 estrazione mineraria

fonte: Gazprom

Gazprom diversifica geograficamente la sua produzione. L'azienda opera anche in paesi come Gran Bretagna, Paesi Bassi, Algeria, Libia e Iraq. Di seguito è riportata una mappa dettagliata che mostra le attività di produzione offshore.

09 scatole

fonte: Gazprom

Altre informazioni

Nel 2020 i maggiori clienti sono la Germania (41,6 miliardi di metri cubi). Altri importanti destinatari sono l'Italia (20,8 miliardi), la Turchia (16,4 miliardi) e l'Austria (10,6 miliardi). Quest'anno la Polonia ha acquistato 9,7 miliardi di metri cubi di gas.

Sebbene Gazprom abbia di fatto il monopolio delle esportazioni di gas verso l'Europa, non ha una posizione così forte sul mercato russo locale. Va inoltre notato che Gazprom non è l'unico fornitore di gas naturale in Russia. Negli anni 2016 - 2020 è stato responsabile del 65% - 68% della produzione nazionale. Altri player sul mercato domestico sono Novatek, Rosneft e Lukoil.

Vale anche la pena ricordare che Gazprom è anche un importante produttore di elettricità in Russia. Nel 2020, la quota della società sul mercato energetico russo è stata del 12,5%. Gazprom è anche la terza più grande azienda produttrice di petrolio in Russia (dopo Rosneft e Lukoil). La sua quota nell'estrazione domestica nel 2020 è stata del 12,4%

Gazprom è anche alla ricerca di nuovi giacimenti per poter mantenere l'attuale livello di produzione. Nel 2016-2020 la società è riuscita a localizzare 6 nuovi giacimenti di gas naturale e 10 giacimenti olio.

10 natgas

fonte: Gazprom

La società dispone inoltre di 35 impianti di stoccaggio del gas, di cui 9 all'estero (Paesi Bassi, Austria, Niemcy, Repubblica Ceca, Serbia, Armenia). Allo stesso tempo, l'azienda sta costruendo altri 5 magazzini in Russia.

Prospettive di mercato

Nei prossimi due decenni, l'importanza del mercato europeo del gas per Gazprom dovrebbe diminuire. La Cina avrà un potenziale di vendita molto maggiore. Secondo le previsioni dell'azienda, intorno al 2030-2031 il consumo di gas naturale in Cina sarà superiore a quello in Europa. Questo può essere visto nei grafici seguenti:

11 Entrate di Gazprom

fonte: Gazprom

Per questo motivo, ci si dovrebbe aspettare che l'interesse di Gazprom per il mercato europeo diminuisca ogni anno. Aumenteranno invece i legami energetici tra Russia e Cina. Pertanto, gli investimenti di Gazprom nel gasdotto "Power of Siberia" sono sorprendenti.

Risultati operativi annuali

Nel 2020, la società ha generato 6 miliardi di rubli di entrate nette. Compresi 321 miliardi di rubli erano ricavi dalla vendita di gas naturale e circa 3 miliardi di rubli erano ricavi dalla vendita di prodotti raffinati. Vale anche la pena menzionare i ricavi dalla vendita di elettricità e riscaldamento, pari a 050 miliardi di rubli. I servizi di trasporto del gas ammontavano a circa 1 miliardi di rubli. I ricavi totali della società sono diminuiti di circa il 800% a/a. È stato il secondo anno consecutivo di calo dei ricavi.

La società non è riuscita a tagliare i costi nel 2020 con la stessa rapidità con cui sono diminuiti i ricavi. I costi operativi sono diminuiti dell'11,3%. Di conseguenza, l'utile operativo è diminuito del 45% durante l'anno, raggiungendo il livello di 615 miliardi di rubli.

Gazprom ha cercato di ridurre le spese in conto capitale in segmenti come il trasporto del gas (-46% a/a) e la distribuzione del gas (-31% a/a). In lieve calo, invece, la spesa nel comparto produzione gas (-2% a/a). Il CAPEX complessivo è stato pari a 2020 miliardi di rubli nel 1, che ha rappresentato un calo a/a di circa il 494%. Il flusso di cassa libero (FCF) è stato pari a circa 18 miliardi di rubli nel 2020.

Nel 2020, l'indebitamento netto della società è aumentato del 22%, raggiungendo il livello di 3 miliardi di rubli. Di conseguenza, il debito netto rispetto all'EBITD rettificato è aumentato da 872 a 1,7 durante l'anno. La situazione di liquidità a fine 2,6 è risultata stabile, in quanto la maggior parte del debito aveva scadenza superiore a due anni (2020% del debito totale).

Risultati primo semestre 2021

La prima metà dell'anno è stata molto buona per Gazprom, i ricavi sono aumentati del 78% al livello di 2 miliardi di rubli. La maggior parte dei ricavi è stata ancora generata dal settore del gas.

12 affari del gas

fonte: Gazprom

Le vendite di gas in Europa e nei paesi al di fuori dell'ex Unione Sovietica (FSU) sono aumentate del 146% a/a. Ciò è dovuto principalmente all'aumento dei prezzi, che è stato più che coperto da minori esportazioni in termini di volume.

13 debito

fonte: Gazprom

La società è anche riuscita ad aumentare il proprio utile netto al livello di 521 miliardi di rubli, ovvero di oltre il 350% a/a. La società è anche riuscita a generare 132 miliardi di FCF (FCF era sotto lo zero un anno fa), nonostante abbia aumentato i livelli di spesa in conto capitale di $ 117 miliardi.

Allo stesso tempo, Gazprom è riuscita a ridurre il livello del debito netto del 10%, a 3 miliardi di rubli. La situazione finanziaria di Gazprom è stabile, come si può vedere nel grafico sottostante.

Grafico - Gazprom

Dove acquistare azioni Gazprom (GAZP)

Un numero crescente di broker forex ha un'ampia offerta di azioni, ETF e CFD su questi strumenti. Ad esempio, nell'offerta XTB ad oggi, troviamo oltre 4000 aziende, e in Saxo Bank quasi 20.

Mediatore Marittimo xtb 2 Saxo Bank oltre 500 loghi
Fine Polska Dania Cipro *
Numero di scambi in offerta 16 scambi 37 scambi 24 scambi
Numero di azioni nell'offerta circa 2300 - azioni
circa 1800 - CFD su azioni
19 - azioni
8 - CFD su azioni
circa 3 - CFD su azioni
L'importo dell'ETF offerto 194 - ETF
112 - CFD ETF
3000 - ETF
675 - CFD ETF
circa 100 - CFD su ETF
Deposito minimo 0 zł
(minimo consigliato 2000 PLN)
10 000 USD 500 zł
Piattaforma xStation SaxoTrader Pro
Saxo Trader Go
Piattaforma Plus 500

* Plus500 CY offerta, acquisto e vendita di CFD su azioni Gazprom disponibili su Plus500

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Da 72% a 89% dei conti degli investitori al dettaglio registrano perdite monetarie a seguito del trading di CFD. Pensa a capire se funzionano i CFD e se puoi permetterti l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi.

Somma

Gazprom è un produttore verticalmente integrato di gas, petrolio greggio e prodotti raffinati. È anche un importante produttore di elettricità in Russia. L'anno in corso è molto positivo per l'azienda russa. L'aumento dei prezzi del gas naturale ha contribuito a un significativo aumento dei ricavi e dei profitti della società. È importante sottolineare che l'azienda diversifica le proprie vendite. Nei prossimi anni dovrebbe essere previsto un aumento della quota di vendita di gas naturale alla Cina. Nei prossimi due decenni, sarà un mercato molto più ampio dell'Europa. Di conseguenza, l'interesse di Gazprom per il mercato energetico europeo diminuirà lentamente. La società è stata scambiata con bassi rapporti prezzo-utili per molti anni. Ciò è in parte dovuto al fatto che lo sconto degli investitori è legato al rischio di investire in Russia e alla potenziale influenza del governo sulle decisioni aziendali dell'azienda (Gazprom è stata mostrata molte volte come esempio di utilizzo delle società energetiche come elemento di pressione politica ). L'attuale capitalizzazione della società è di 121 miliardi di dollari.

Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è una raccomandazione e non intende incoraggiare nessuno a intraprendere alcuna attività di investimento. Ricorda che ogni investimento è rischioso. Non investire denaro che non puoi permetterti di perdere.
Cosa ne pensi?
Io
40%
interessante
60%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.

Lascia una risposta