Notizie
Adesso stai leggendo
La Fed si sta ancora chiedendo: aumentare o non aumentare?
0

La Fed si sta ancora chiedendo: aumentare o non aumentare?

creato Saxo BankMarzo 16 2023

La lettura dell'IPC negli Stati Uniti si è rivelata ancora elevata e in linea con le attese, fatta eccezione per l'inflazione core m/m. L'indice headline CPI è salito dello 0,4% su base mensile a febbraio, tuttavia l'indice core (esclusi alimentari ed energia) è salito dello 0,5% rispetto allo 0,4% di gennaio. Il tasso annuo di inflazione headline è sceso dal 6,4% al 6,0%, mentre il tasso di inflazione core è sceso dal 5,6% al 5,5% su base annua.

La narrazione della disinflazione relativa all'inflazione dei prezzi delle materie prime ha ricevuto solo un supporto modesto, con i prezzi delle materie prime core rimasti invariati rispetto al precedente aumento dello 0,1% su base mensile. L'inflazione dei prezzi dei servizi rimane stabile: i prezzi dei servizi di base sono aumentati dello 0,6% su base mensile rispetto al precedente 0,5% su base mensile, mentre il costo degli alloggi è aumentato di un ulteriore 0,8% su base mensile. Il tasso di inflazione "superbase" preferito da Powell (supercoreesclusi alloggio e affitto) è passato dallo 0,36% allo 0,5%, il livello più alto da settembre.

A causa dei persistenti problemi con l'abbassamento dell'inflazione, potrebbe essere troppo presto per farlo Federal Reserve ha tolto il piede dall'acceleratore, nonostante i crescenti rischi finanziari ei timori di un rallentamento della crescita economica. I mercati scontano nuovamente che la probabilità di un aumento del tasso di 25 punti base superi l'80% dopo essere scesa sotto il 50% all'inizio della settimana. La condizione è, però, che non vi siano ulteriori perturbazioni del mercato nel periodo precedente l'annuncio della decisione sui tassi del 22 marzo.

Usare gli strumenti giusti per la giusta causa

Non c'è dubbio che il rischio di una crisi finanziaria abbia ulteriormente complicato la capacità di risposta della politica monetaria statunitense. Tuttavia, data la risposta del governo ai rischi finanziari, vi sono motivi per ritenere che abbia mantenuto un margine di manovra sufficiente per combattere ulteriormente l'inflazione. Rifiutare rialzi o addirittura tagliare i tassi alla riunione di marzo, nonostante l'attuale calma del mercato, provocherebbe il panico tra gli investitori, che lo considererebbero un segnale che la Fed è potenzialmente ancora cauta sul rischio sistemico. La lettura dell'inflazione non è ancora un sollievo e la Federal Reserve dovrà mantenere la sua credibilità nella lotta all'inflazione.

Sarà quindi importante per la Fed svincolare la politica monetaria dal rischio finanziario, rimanendo pronta a rispondere a qualsiasi perturbazione del mercato per non provocare ulteriore panico. Nel mese di settembre Bank of England analogamente ha dovuto reagire alle perturbazioni del mercato aumentando la liquidità a breve termine, tuttavia la politica monetaria è rimasta focalizzata sulla pressione sui prezzi e da allora i rialzi dei tassi sono stati pari a 175 pb.

andamento

Rischio di credito sotto controllo

Il monitoraggio del mercato del credito rimane fondamentale per valutare ulteriori tensioni nel sistema. Peter Garnry, responsabile delle strategie di capitale Sassofonoin questo articolo elenca le metriche chiave da tenere d'occhio. Diffusione FRA/OIS, ovvero lo spread tra il contratto forward su tasso d'interesse statunitense a tre mesi (FRA) e il contratto swap indicizzato a tre mesi per una notte (OIS), è un indicatore chiave dello stress finanziario. Questo divario è aumentato al livello più alto da marzo 2020, anche se ora si è leggermente ridotto. Tuttavia, rimangono molte incognite e il monitoraggio di questo indicatore rimane essenziale. Se questo spread aumenta di nuovo o rimane elevato, sarà un segnale che il sistema rimane vulnerabile e vulnerabile a ulteriori shock.

noi fra ois sparsi

Un ulteriore motivo di preoccupazione sono gli eventi di massa di ieri declassamenti del rating creditizio nel settore bancario statunitense. Moody's ha declassato l'outlook per il sistema bancario statunitense da stabile a negativo e ha deciso di esaminare sei istituti di credito statunitensi per un possibile declassamento del rating. L'agenzia S&P ha anche cambiato lo status della banca della Prima Repubblica in Creditwatch negativo, ovvero con possibilità di downgrade del rating nel breve termine.

Un altro indicatore chiave che vale la pena guardare sono condizioni finanziarie negli Stati Uniti, che ha registrato la maggiore contrazione nel ciclo in corso, principalmente a causa dell'aumento degli spread creditizi. Ciò potrebbe avere un impatto molto maggiore sulle previsioni di crescita economica o sulle prospettive dei mercati azionari rispetto a un forte aumento dei tassi di interesse, che richiede tempo per tradursi nell'economia.

Implicazioni

Anche se la Federal Reserve rimane concentrata sull'inflazione a breve termine, il percorso a lungo termine è attualmente piuttosto incerto. I timori per la crescita sono aumentati ed è probabile che le banche inaspriscano le condizioni di prestito, il che potrebbe avere un impatto maggiore e più rapido sull'economia reale rispetto a un aumento dei tassi. Tuttavia, con l'inflazione ancora scomodamente elevata, che potrebbe essere ulteriormente esacerbata dalla riapertura dell'economia cinese e dall'aumento della liquidità della Fed, significa che potremmo andare verso la stagflazione.

Un'altra questione chiave da considerare è che i margini societari potrebbero ridursi ulteriormente e l'impatto potrebbe essere incomparabilmente più significativo per le imprese più piccole (come si riflette meglio nel RUSSELLA 2000), in quanto i fallimenti bancari si traducono in un deterioramento del sentiment. Anche il sondaggio NFIB (American Association of Small Businesses) pubblicato ieri indica che l'inflazione è stato il problema più grande per le piccole imprese negli Stati Uniti a febbraio.

Pertanto, in un certo senso, il crescente rischio di un rallentamento della crescita economica può causare un calo dei rendimenti, ma è probabile che il premio per il rischio aumenti. A breve termine, i rendimenti possono essere molto volatili in base all'interpretazione delle dinamiche di crescita, dell'inflazione e del rischio di mercato. Tuttavia, è probabile che prevalga la fuga verso asset di alta qualità mentre entriamo in un contesto economico più difficile.


Circa l'autore

Charu Chanana banca di sassofoniCharu Chanana, market strategist della filiale di Singapore Saxo Bank. Ha oltre 10 anni di esperienza nei mercati finanziari, da ultimo come Lead Asia Economist in Continuum Economics, dove si è occupata di analisi macroeconomica dei paesi emergenti asiatici, con particolare attenzione all'India e al sud-est asiatico. È abile nell'analisi e nel monitoraggio dell'impatto degli shock macroeconomici interni ed esterni sulla regione. Viene citata spesso in articoli di giornale e appare regolarmente su CNBC, Bloomberg TV e Channel News Asia e sui canali radiofonici aziendali di Singapore.

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Saxo Bank
Saxo Bank è una banca di investimento danese con accesso a oltre 40 strumenti. Il Gruppo Saxo offre diversificazione geografica e protezione dei depositi al 100% fino a EUR 100, fornita dal Fondo di garanzia danese.

Lascia una risposta