principiante
Adesso stai leggendo
"Devi fidarti di te stesso" - un'intervista a Dorota Sierakowska sul lavoro di un analista, sul mercato delle materie prime e sugli investimenti
0

"Devi fidarti di te stesso" - un'intervista a Dorota Sierakowska sul lavoro di un analista, sul mercato delle materie prime e sugli investimenti

creato Natalia BojkoAgosto 28 2019

Chi è lui Dorothy Sierakowska? Attualmente è analista del mercato delle materie prime presso DM BOŚ. In 2017 ha vinto la statuetta Analyst of the Year al gala Investi i polsini. Redattore capo ed editore della rivista "Trend", ha pubblicato un libro "Il mondo delle materie prime", che non lascia il podio dei bestseller nella letteratura finanziaria.

Chi è davvero un analista? Che aspetto ha il suo lavoro? Perché i mercati delle materie prime sono ancora trattati piuttosto di nicchia e quali sono le prospettive per il loro sviluppo? Imparerai questo e molti altri preziosi consigli su una carriera nella finanza e investendo nella seguente intervista.

Vorrei ringraziare la signora Dorota per il suo tempo. Leggendo un'intervista piena di energia positiva con Dorota Sierakowska, scoprirai che il suo lavoro è un compito impegnativo e che richiede tempo, quindi il mio tributo alla mia attenzione. Ti consigliamo vivamente di leggere.


Hai iniziato la tua avventura investendo già al college. Dove hai trovato la tua passione per i mercati delle materie prime?

Sono sempre stato interessato al tema degli affari e dell'imprenditorialità, nonché alla conoscenza delle possibilità di guadagnare e moltiplicare il denaro. Durante i miei studi ho avuto l'opportunità non solo di ampliare le mie conoscenze, ma anche di incontrare alcune persone interessanti e stimolanti che mi hanno infettato con passione per gli investimenti.

Come studente, ero attivo nel club di ricerca SKN "Investor's Club" alla Warsaw School of Economics. È stato durante i miei studi che ho creato una rivista di investimento con diversi amici "Trend", che negli anni successivi andò ben oltre le mura dell'università. Abbiamo toccato argomenti legati ai mercati azionari, valutari, immobiliari, ecc. La mia specializzazione è diventata rapidamente scrivere articoli principalmente sull'investimento in materie prime, un argomento che non era spesso discusso nei media polacchi in quel momento.

Nelle materie prime ho sentito che è un mercato vicino a noi (rifornimento di carburante, vestiti di cotone, tazza di caffè mattutina, ecc.), E allo stesso tempo è un mercato di enormi soldi e grande influenza politica. Acquisendo conoscenze sui mercati delle materie prime, impariamo davvero molto sulla realtà che ci circonda.

Potresti dire com'è la tua giornata di lavoro? Come ti prepari per i tuoi doveri quotidiani?

Sono fortunato: sono una di quelle persone che fanno ciò che piace davvero. Ho sempre letto molto e amato scrivere, e il lavoro di un analista consiste in gran parte nell'apprendimento costante e nella presentazione delle mie conclusioni. In breve: è necessario acquisire conoscenze, rivedere le informazioni e i dati disponibili, suddividerli in fattori primi - o al contrario, sintetizzarli e separare i grani dalla paglia - e infine spiegare questi fenomeni ai destinatari in un linguaggio semplice in modo comprensibile.

Ovviamente, diverse posizioni analitiche richiedono una diversa organizzazione del lavoro, ma nel mio caso un sacco di lavoro comporta il raggiungimento di fonti di conoscenza (principalmente rapporti e studi stranieri), la scrittura di commenti e rapporti e la presenza dei media, ovvero la creazione di articoli di stampa e la partecipazione a conferenze in televisione o alla radio.

Una caratteristica del mio lavoro analitico è la mancanza di orari di lavoro regolari. I mercati delle materie prime operano 24 ore su 24, esclusi i fine settimana, quindi vale la pena seguire gli sviluppi. Anche se mi piace lavorare di più la mattina, a volte devi comparire nelle registrazioni a tarda sera, ma durante il giorno hai tempo per una cena più lunga o qualche sport.

Investi da solo? Da quale approccio (analisi) vieni?

Sì, ho iniziato a investire sul mio conto all'inizio dei miei studi e l'ho fatto finora. E piuttosto, lo avrò per tutta la vita.

Investo in mercati azionari, valutari e ovviamente in materie prime. Grazie alla mia specializzazione, mi permetto di sperimentare vari tipi di strumenti finanziari - a volte collaudo anche quelli meno liquidi. Ho anche una quota relativamente elevata di beni nel portafoglio, ma ciò è dovuto al fatto che seguo questo mercato su base giornaliera e ho deciso che avrei potuto permettermi un aumento del rischio ad esso associato.

Certo, ho visto nel modo più duro la maturità emotiva negli investimenti e alcune abilità derivano dall'esperienza. A volte associando fatti analoghi a il passato o l'osservazione di una formazione di prezzo simile a quella precedente consente di decidere in modo quasi intuitivo di entrare o uscire dalla posizione.

Leggendo il tuo libro "Il mondo delle materie prime" hai (a mio avviso) presentato una visione molto ampia del mercato delle materie prime. Ha una dose davvero solida di informazioni rivolte ai principianti e agli investitori più esperti. Quale fattore ti ha fatto scrivere? Investire nei mercati delle materie prime per tutti o per gli appassionati?

mondo delle materie prime Dorota Sierakowska

"Mondo delle materie prime" - Dorota Sierakowska

Dopo diversi anni passati a scrivere analisi delle materie prime, avevo un bisogno interno di scrivere un libro sugli investimenti nelle materie prime. Allo stesso tempo, sapevo che un tale libro è necessario sul mercato polacco, perché gli investitori nel nostro paese non avevano in precedenza alcuna fonte polacca di complicate conoscenze sulle basi dei mercati delle materie prime e degli strumenti finanziari disponibili. Così ho rapidamente deciso di iniziare a lavorare sul libro. Per diversi mesi, tutti i giorni fino a tarda sera, ho creato capitoli successivi. Fin dall'inizio ho avuto una visione iniziale del libro nella mia testa, mentre ovviamente si è evoluto.

Scrivere il libro si è rivelato un lavoro arduo, ma molto gratificante. Mi ha fatto piacere "Il mondo delle materie prime" ha riscosso riscontri positivi da molti investitori e, poco dopo la sua uscita, è approdato nella lista dei bestseller finanziari e - cosa ancora più importante - lo è ancora oggi!

Investire nei mercati delle materie prime per tutti? Sì, ma in misura diversa. Mentre l'acquisto di lingotti d'oro per molti anni presenta un approccio piuttosto cauto agli investimenti, le transazioni in derivati ​​basati sull'oro (o molte altre materie prime / materie prime) sono già riservate alle persone con maggiore propensione al rischio. La passione non ha molto a che fare con essa: la storia di un particolare investitore è più importante. È meglio entrare in questo mercato con esperienza nei mercati azionari o valutari.

Quale elemento del processo di investimento considera più importante e perché? (strategia, approccio al rischio, psicologia)

Avere la giusta strategia, approccio al rischio, psicologia degli investimenti: questi elementi sono correlati.

Avere la giusta strategia, adattata alla propria tolleranza al rischio, è sicuramente molto importante. Tuttavia, se saremo in grado di applicare questa strategia e modificarla in modo appropriato alla fine spesso dipende dalla nostra psiche.

Secondo me, il successo è spesso più nella nostra testa che negli strumenti che usiamo. Anche quando siamo effettivamente preparati e abbiamo fatto un'analisi approfondita della situazione del mercato, dobbiamo ancora essere in grado di attenerci alla strategia - o al contrario, sapere quando abbandonarla - di fronte a grandi emozioni. Tuttavia, personalizzare la strategia in base al proprio approccio al rischio consente anche di tenere sotto controllo quelle emozioni.

Quando parli di mercati delle materie prime, ti senti sempre affascinato da loro. Siamo un po 'peggio come paese in termini di investimento di capitale in essi. Pensi che il potenziale per raccogliere fondi sul mercato delle materie prime migliorerà nel prossimo futuro?

Mercati delle materie prime - ad eccezione di oro czy olio - sono sempre stati considerati da molti investitori una nicchia. Ciò è dovuto in parte all'elevata volatilità dei prezzi delle materie prime, che ha dissuaso

le persone con avversione ad alto rischio - e ciò è stato in parte dovuto al fatto che per molti anni i singoli investitori non hanno avuto un comodo accesso ad esse. In pratica, solo negli ultimi anni 10-15 il numero di strumenti finanziari disponibili basati su materie prime è aumentato in modo significativo.

Negli ultimi anni, i polacchi si sono alienati dal mercato dei capitali, quindi l'interesse limitato per gli investimenti può essere visto non solo nei mercati delle materie prime e delle materie prime - ma siamo pallidi sullo sfondo di alcune nazioni anche in termini di coinvolgimento del capitale nei mercati azionari.

Sfortunatamente, mentre il numero di strumenti di materie prime disponibili è in crescita, alcuni di essi non sono attualmente disponibili per l'investitore polacco. Mi riferisco qui principalmente ai regolamenti UE recentemente introdotti, che praticamente interrompono l'accesso degli investitori polacchi a molti interessanti ETF sulle materie prime elencati negli Stati Uniti.

Sono ancora ottimista. Penso che nel tempo, sempre più investitori in Polonia vedranno varie possibilità di investire capitali nei mercati delle materie prime. Per quanto riguarda l'industria degli investimenti in Polonia, ovviamente sogno sogni meno stancanti, ma anche la diffusione tra gli investitori di un approccio realistico agli investimenti e al trading - invece di aspettare un milione in tre ore, concentrandomi sulla creazione di un sistema e della regolarità.

In quale forma è meglio investire in materie prime? ETF? Posizionamento fisico, come nel caso dei metalli preziosi? CFD è?

Non esiste una risposta unica a questa domanda perché ogni investitore è diverso. Lo strumento dovrebbe essere selezionato in base al grado di avversione al rischio (e alla struttura del portafoglio di investimento associato), alla quantità di capitale impiegato, all'orizzonte di investimento, ecc. L'acquisto di metalli preziosi in forma fisica non è generalmente destinato a generare grandi tassi di rendimento a breve termine o meglio protezione del capitale per molti anni. A loro volta, i CFD e i futures ti consentono di sfruttare le tendenze a breve termine: offrono la possibilità di alti tassi di rendimento, ma comportano anche un rischio relativamente elevato.

Infine, vorrei chiederti quale consiglio daresti alle persone che vogliono crescere nella loro carriera di analista?

Prima di tutto: per essere bravi, è meglio apprezzare ciò che fai. Quindi vale la pena pensare a quali argomenti o mercati siamo interessati e sviluppare in questa direzione. Vale anche la pena partecipare ai media su argomenti che ci interessano, perché la felicità favorisce i preparati. Ho iniziato a lavorare come analista principalmente perché ho scritto articoli su materie prime prima.

In secondo luogo: devi fidarti di te stesso e allo stesso tempo mantenere una certa distanza dalla tua occupazione. Il lavoro di un analista spesso comporta non solo il conteggio, ma anche (e forse anche soprattutto) l'espressione di opinioni. Quindi devi farlo coraggiosamente, tenendo conto del fatto che a volte ti sbagli ed è quando sei il più criticato.

Terzo: devi essere consapevole che i mercati dei capitali sono in continua evoluzione. Alcuni mercati e strumenti finanziari si stanno evolvendo, altri stanno diventando sempre meno popolari. Un approccio flessibile al lavoro e un costante ampliamento delle conoscenze diventano quindi un elemento indispensabile della vita quotidiana nella professione di analista.

Grazie ancora, e da parte mia, ti incoraggio a leggere "Il mondo delle materie prime".

Il libro è disponibile presso la libreria Maklerska.pl. I lettori di Forex Club hanno diritto -5% di sconto su tutte le posizioni - Controlla i dettagli.
Cosa ne pensi?
Io
44%
interessante
67%
Eh ...
0%
Cosa?
0%
Non mi piace
0%
Tragedia
0%
Circa l'autore
Natalia Bojko
Natalia Bojko
Sta speculando attivamente sul mercato Forex da 2016, assumendo che le analisi più semplici portino i migliori risultati. Ha maturato la sua prima esperienza sul WSE e sul mercato delle materie prime. Attualmente è studentessa della Facoltà di Economia e Management di Białystok, dove sviluppa e co-crea attivamente l'Accademia della Borsa di Podlasie. In privato, un sostenitore del tempo libero attivo.

Lascia una risposta