avanzato
Adesso stai leggendo
Il ciclo di Kondratiev: cosa ci aspetta nei prossimi anni?
0

Il ciclo di Kondratiev: cosa ci aspetta nei prossimi anni?

creato Jim PoniatNovembre 25 2019

L'economia si muove in ondate, cicli o formazioni prevedibili? Ci sono molti economisti che credono che l'economia sia prevedibile e che il tempo entro la fine di questo decennio sarà un inferno sulla terra per l'economia americana, e quindi per l'economia globale. Non dimentichiamo che molti economisti hanno ripetutamente previsto periodi di crisi, recessione o collasso delle borse.

Ovviamente, nessuna delle teorie descritte di seguito è perfetta, ma la cosa interessante è che l'economia americana sta di nuovo entrando in una fase molto brusca.


Assicurati di leggere: La teoria delle onde di Goodman in alternativa alla teoria delle onde di Elliot


Il ciclo di Kondratiev annuncia l'inferno sulla terra?

Una delle teorie più note sui cicli economici è la cosiddetta "Kondratieff wave". È stato creato dall'economista russo Nikolayev Kondratiev. Come puoi leggere Wikipedia questa teoria economica ha portato alla tragedia personale di Kontratiev. La teoria del ciclo capitalista e autocorrettivo a quel tempo era pericolosamente inaccettabile per i superiori comunisti, il che alla fine portò alla tragedia di Kondratiev.

L'economista sovietico Nikolai Kondratiev è stato il primo a pubblicare le sue osservazioni https://pl.wikipedia.org/wiki/Kykl_Kondratiewa su questo argomento nel libro "Cicli importanti in economia" (1925). Due economisti olandesi - Jacob van Gelderen e Samuel de Wolff - hanno già litigato per lo stesso ciclo in 1913. L'idea di Kondratieff non fu riconosciuta dal governo sovietico. Kondratiew è stato inviato al Gulag e girato in 1938.

In 1939, Joseph Schumpeter ha suggerito che questo ciclo si chiamasse "Kondratiewa Wave" in riconoscimento dei suoi meriti. Negli ultimi anni, l'interesse per il ciclo di Kondratiev è aumentato.

Qual è il ciclo di Kondratiev

Ecco un'abbreviazione di un articolo di Christopher Quigley che spiega come funziona questa teoria.

Il ciclo di Kondratiev

Le analisi di Kondratiev spiegano come il capitalismo internazionale attraversi molto "Grande depressione" che costituiscono una normale parte correttiva del sistema internazionale di crediti commerciali. Il lungo ciclo economico è stato meticolosamente definito e nominato "Ciclo di Kondratieff" lub "Onda K".

Wave K ha il ciclo estivo 60 (+/- diversi anni) con fasi interne che a volte sono definite come le stagioni: primavera, estate, autunno e inverno:

  • Fase primaverile: aumento dei coefficienti di produzione, tempo economico positivo, inflazione in aumento
  • Lato: l'arrogante picco della guerra, il seguente debito della società, l'inflazione a due cifre
  • autunno: la riparazione finanziaria dell'inflazione porta a un'esplosione del credito, che si traduce in una falsa base di prosperità che termina in una bolla speculativa.
  • Inverno: avanzi finanziari generati dal rifiuto del debito di massa, deflazione dei prezzi delle materie prime e depressione economica. Panico e quadro dello sterminio economico.

Sempre più spesso gli economisti accettano l'eccellente lavoro di Nikolai Kondratiev. Ci sono sempre più rapporti, articoli, articoli scientifici o libri che descrivono il fenomeno ciclico.

Un saggio molto influente scritto dal professor W. Thompson dell'Università dell'Indiana, indica che l'onda K ha influenzato le scoperte tecnologiche globali dall'anno 900. Nella sua tesi di laurea, afferma che lo sviluppo economico "moderno" è iniziato a 930AD nella provincia di Sung, in Cina. Propone l'ipotesi che da allora era 18 Fal K con la durata media di 60 anni.

Cosa può aspettarci?

Secondo una ricerca del professor W. Thompson dell'Università dell'Indiana, siamo solo all'inizio della strada della depressione, che durerà fino a circa l'anno 2025. Basato sull'analisi del professor Thompson, il lungo ciclo K ha prove di circa 1000 anni fa.

Se accettiamo il fatto che la maggior parte della fase invernale nell'erba ciclabile K attorno agli anni 20, ne abbiamo appena superata la metà, che è iniziata intorno all'anno 2000. C'è un'alta probabilità che siamo appena emersi dalla fase di recessione ed siamo entrati nella fase di depressione nell'anno 2013 e ci saremo fino all'anno 2020.

Ma, naturalmente, l'ondata di Kondratieff è tutt'altro che l'unica teoria del ciclo economico che indica che stiamo andando verso una crisi economica. Le teorie sul ciclo economico dell'autore Harry Dent prevedono anche che siamo sull'orlo di enormi problemi economici. Si concentra principalmente sui dati demografici e il fatto che la nostra popolazione stia invecchiando rapidamente è una delle maggiori preoccupazioni per lui.

La seguente abbreviazione è la somma dei punti principali che Dent sottolinea nel suo nuovo libro:

  • "I giovani sono la ragione dell'inflazione: costano molto e non producono nulla. Naturalmente, di conseguenza, i giovani si uniranno alle masse della forza lavoro e inizieranno a spendere i soldi che guadagnano ".. Sfortunatamente, gli Stati Uniti hanno raggiunto un picco demografico tra 2003 e 2007 e si stanno avvicinando a una forte scogliera. Germania, Gran Bretagna La Svizzera segue la stessa strada. La Cina sarà la prima economia emergente che cadrà dalla scogliera nei prossimi decenni. La comunità mondiale sta invecchiando.
  • "Le borse statunitensi falliranno". Le nostre previsioni a lungo termine suggeriscono un altro rallentamento dell'economia e il crollo delle borse tra 2014 e 2015, al più tardi in 2016. La peggiore tendenza economica colpirà tra 2014 e 2025 anno. Al più tardi da 2025.
  • "Il consumatore quotidiano non è mai uscito dall'ultima recessione". I ricchi si sentono ancora bene e spendono denaro perché i prezzi delle attività sono supportati dalla stimolazione monetaria dell'economia.
  • "Stati Uniti ed Europa stanno andando nella stessa direzione del Giappone, che è ancora in coma (per oltre 20 anni) perché non ha ridotto la bolla finanziaria " - Dent sostiene. "L'unica via d'uscita da questa situazione sarebbe quella di smettere di stampare denaro dalla Banca Centrale."
  • "La realtà è irremovibile, quando c'è una predominanza di morire di acquirenti, il mercato sta cambiando. Tutto dipende da una comunità che invecchia ". - scrive Dent.
  • Gli Stati Uniti hanno un debito enorme, a "Gli economisti e i politici si comportano come se avessero una bacchetta magica senza i limiti delle iniezioni monetarie e aiutassero le aziende in fallimento e la visione di una crisi a breve termine". Ma secondo Dent, il problema è a lungo termine e strutturale (demografico).
  • Le quattro maggiori sfide per i prossimi anni sono: 1) debiti pubblici e privati; 2) assistenza sanitaria e misure pensionistiche; 3) governi autorevoli in tutto il mondo; e 4) inquinamento ambientale che minaccia l'economia globale.

Secondo Dent: "Dovresti prepararti alla crisi in cui siamo già e che durerà fino a 2025."

Come l'ondata di Kondratieff, il lavoro di Dent indica che vivremo una grave crisi economica entro la fine di questo decennio.

La storia dovrebbe ripetersi?

Gli ultimi anni indicano che la grande crisi economica è dietro l'angolo. Problemi delle economie globali e chiave, Brexit, deterioramento del sentimento del mercato ... Speriamo che questa volta le teorie sui cicli economici siano sbagliate, ma d'altra parte sarebbe frivolo ignorare i loro avvertimenti.Tutto indica che la grande tempesta economica si sta avvicinando rapidamente. E se credi nel ciclo di Kondratieff, ora dovremmo usare un tempo relativamente tranquillo per prepararci al suo arrivo.

Cosa ne pensi?
Io
58% DI
interessante
33% DI
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
8%
Circa l'autore
Jim Poniat
Jim Poniat
Analista e operatore di mercato finanziario canadese con 14 anni di esperienza. Autore di due libri specializzati nel trading Forex. Da 2006 a 2008, ha formato e acquisito conoscenze da trader come Bill Williams, Steve Nison, Martin Pring, Michael Duane Archer e molti altri. Da 2008 a 2015, ha gestito un fondo di investimento con diversi milioni di dollari. Durante questo periodo ha collaborato con una delle banche canadesi.

Lascia una risposta