Notizie
Adesso stai leggendo
BlockFi dichiara bancarotta. L'effetto domino dopo il fallimento di FTX continua
0

BlockFi dichiara bancarotta. L'effetto domino dopo il fallimento di FTX continua

creato Michał SielskiNovembre 29 2022

Se qualcuno non ci credeva crollo dello scambio di criptovaluta FTX può provocare un effetto domino sul mercato, deve scusarsi con la realtà. Il primo blocco del domino sta per cadere. BlockFi attualmente ha $ 256 milioni in contanti e almeno $ 1 miliardo di debiti. In totale, le passività possono raggiungere fino a 10 miliardi di dollari.

Tutto, ovviamente, ha coinciso con il crollo dell'exchange di criptovalute FTX. La sua insolvenza ha impedito ai proprietari di BlockFi di recuperare i fondi ivi depositati, di cui hanno appena informato i propri investitori e creditori. Le passività sono così grandi che la società ha deciso di avviare una procedura fallimentare.

Naturalmente, ci sono molte parole rotonde, assicurazioni e frasi vuote in relazione alla caduta, giudica tu stesso:

"La conformità al Capitolo 11 contribuirà a stabilizzare il business e garantire la massima protezione per i clienti dell'azienda", ha affermato Mark Renzi, consulente finanziario di BlockFi. – Fin dall'inizio, BlockFi ha lavorato per plasmare positivamente l'industria delle criptovalute e sviluppare il settore. BlockFi si aspetta un processo trasparente che assicuri i migliori risultati per tutti i clienti e le altre parti interessate – sottolinea Marco Renzi.

40 volte più debiti che contanti

Tuttavia, i fatti sono che i clienti non hanno alcuna speranza di riavere indietro i loro soldi. Forse ne otterranno alcuni, ma anche se lo fanno, certamente non tutti.

Bitcoin Magazine ha calcolato che BlockFi ha circa 256 milioni di dollari in contanti. Molti? Solo se non sai che il debito è - se conti bene - 1 miliardo di dollari. Tuttavia, alcune fonti stimano la responsabilità fino a 10 miliardi di dollari.

Risparmi alla BlockFi, ma stipendi puntuali?

È interessante notare che i rappresentanti dell'azienda apparentemente vogliono fare una bella faccia per un brutto gioco fino alla fine. Hanno appena informato i loro dipendenti che non devono preoccuparsi dei loro stipendi perché li riceveranno in tempo.

Vogliono anche tagliare "in modo significativo" le spese dell'azienda, che dovrebbero essere inferiori in futuro. Allo stesso tempo, però, chiedono ai dipendenti chiave di non cercare nuovi posti di lavoro, perché ci sarà molto spazio per loro.

Ma ci si può fidare di queste assicurazioni? Solo pochi giorni fa, i rappresentanti di BlocFi hanno ufficialmente sottolineato di non aver archiviato la maggior parte dei propri asset sull'exchange FTX. Tuttavia, quando è stato necessario affrontare numeri specifici, si è scoperto che si trattava di beni "significativi", e se i numeri forniti dagli esperti sono veri, potrebbe risultare che praticamente tutti i fondi sono stati investiti in una borsa che praticamente non ha più esiste.

L'indagine BlockFi è in arrivo

Ciò mette indubbiamente in discussione tutte le precedenti assicurazioni, che, per usare un eufemismo, erano lontane dalla verità. Certamente il crollo non sarà spettacolare e la società non scomparirà dall'oggi al domani, ma i suoi rappresentanti possono aspettarsi non solo il fallimento, ma anche un'indagine. E non sarà certo facile per il management dell'azienda.

Quel che è peggio, questo è il primo grande crollo legato all'insolvenza dell'exchange di criptovalute FTX, ma è molto probabile che non sarà l'ultimo. Gli eventi delle ultime settimane indicano chiaramente che molte entità nel settore blockchain sono legate dal capitale.

Investire nei tuoi token era una buona strategia quando i prezzi di quasi tutti stavano aumentando. Tuttavia, quando i loro prezzi hanno iniziato a scendere, e alcuni di oltre il 90 percento, si è scoperto che la sicurezza finanziaria quasi esclusivamente nelle criptovalute, di fatto non costituisce alcuna sicurezza.

Cosa ne pensi?
Io
33%
interessante
67%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Michał Sielski
Un giornalista professionista per oltre 20 anni. Ha lavorato, tra gli altri a Gazeta Wyborcza, recentemente associata al più grande portale regionale - Trojmiasto.pl. Sul mercato finanziario, che è presente da 18 da anni, è iniziato sul WSE quando le azioni di PKN Orlen, TP SA hanno colpito il mercato. Di recente gli investimenti si sono concentrati esclusivamente sul mercato Forex. In privato, paracadutista e amante delle montagne polacche.