Notizie
Adesso stai leggendo
Bank of England - la banca più interessante nei mercati sviluppati
0

Bank of England - la banca più interessante nei mercati sviluppati

creato Natalia BojkoOttobre 19 2021

In queste parole, il capo stratega del credito Banca tedesca - Jim Reid ha descritto nel suo commento Bank of England. Non senza ragione, in quanto è una delle poche banche centrali che non ha paura di parlare di problemi di inflazione. Tenendo conto dell'estremità corta della curva dei rendimenti (obbligazioni a 2 anni) e dei loro rendimenti, lo scenario per le coppie GBP sembra davvero buono. Prendendoli in considerazione, la prospettiva di una forte stretta monetaria nel Regno Unito è davvero reale.

Ben quattro aumenti nel 2022?

Partiamo dalla cosa elementare, ovvero la valutazione degli incrementi stessi. Quando parliamo del loro numero potenziale, guardiamo a due cose: minuti dalle riunioni della banca centrale o rendimenti obbligazionari. 

redditività

I rendimenti a due anni sono aumentati di più dal 2010, mentre il libor GPB 3M è aumentato di più dal crollo di Lehman. Abbiamo una situazione estremamente interessante sul mercato del debito nel Regno Unito. Vale la pena dire che una mossa così netta nelle obbligazioni è arrivata dopo i recenti commenti settimanali del CEO della BOE Bailey (la Banca d'Inghilterra sembra utilizzare gli ultimi fine settimana per preparare i mercati a imminenti aumenti dei tassi di interesse, come notato da Jim Reid di DB). Non è un segreto che il Regno Unito sia uno dei preferiti in termini di potenziali aumenti dei tassi. Si stima (attraverso il prisma della redditività basata sulle letture dell'inflazione) che il mercato nel 2022 sta scontando un aumento di quanto 80 punti base, che ci dà circa quattro potenziali rialzi dei tassi, mentre entro la fine di quest'anno si stima che si restringerà del 35 bps. Pertanto, le previsioni per il Regno Unito sono fortemente aggressive.

Futuro poco chiaro 

Dal punto di vista degli investitori e degli analisti, ovviamente, un grande cenno alla Banca d'Inghilterra, che non ha paura di parlare di problemi inflazionistici, cosa che di recente è stata estremamente frustrante nella retorica della FED. Tuttavia, c'è una certa ambiguità nell'atteggiamento da falco del Regno Unito, temuto da altre banche centrali, che si stanno avvicinando in modo accomodante a una serie di rialzi. L'ambiguità si basa principalmente su questo l'inflazione è effettivamente in aumento, ma le prospettive di crescita economica sono limitate e poco chiare. Il problema è che le banche spesso costruiscono proiezioni positive di crescita economica, mentre molti fattori precedentemente sconosciuti influenzano i mercati. Le ultime previsioni del Fondo Monetario Internazionale hanno mostrato un calo al ribasso del PIL per Cina e Stati Uniti, tra gli altri. Le ultime letture del PIL per il terzo trimestre in Cina hanno mostrato un significativo rallentamento dell'economia. Il governo contava sul fatto che la forte domanda di beni cinesi e la mancata reazione della banca centrale alla situazione attuale avrebbero mantenuto una buona crescita economica. Tuttavia, ciò non è accaduto e le letture erano lontane dalle nostre più rosee aspettative. Tuttavia, tenendo conto dei mercati in apertura oggi, quasi nessuno si preoccupa di un potenziale rallentamento. 

dbanquette

Le "incertezze economiche" di cui ho scritto sopra sono illustrate da un sondaggio condotto da Deutsche Bank, in cui gli intervistati valutano le attività delle banche centrali. Il sondaggio è di natura mensile ed è abbastanza sorprendente a questo punto. Agli intervistati è stato chiesto del rischio maggiore di fare politica (letteralmente, pensi che il rischio maggiore ora sia che le banche centrali si tuffano ... ecc.). Guardando attraverso il prisma delle risposte, ben il 45% degli intervistati ritiene che la politica da falco della BOE comporti il ​​rischio maggiore al momento. 

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
vuoto
Natalia Bojko
Laureato presso la Facoltà di Economia e Finanza, Università di Białystok. Dal 2016 opera attivamente sui mercati valutari e azionari. Si basa sul presupposto che le analisi più semplici portino i migliori risultati. Sostenitore dello swing trading. Quando seleziona le aziende per il portafoglio, segue l'idea di investire in valore. Dal 2019 ha il titolo di analista finanziario. Attualmente lavoro come analista valutario presso Trefix e responsabile del dipartimento di analisi di Finmex. Lavora anche con Investing come redattore finanziario e analista. Co-ideatore del progetto Podlaska Stock Exchange Academy (XNUMXa e XNUMXa edizione).

Lascia una risposta