Indici
Adesso stai leggendo
Borsa austriaca - Come investire in società austriache? [Guida]
0

Borsa austriaca - Come investire in società austriache? [Guida]

creato Forex ClubAgosto 31 2022

La borsa valori austriaca con sede a Vienna (Wiener Börse) è una delle più antiche sedi di negoziazione di titoli al mondo. Fu fondata nel 1771 durante il regno di Maria Teresa. Come è cambiato negli ultimi 250 anni? Troveremo aziende in cui vale la pena investire lì? Abbiamo deciso di dare un'occhiata. Ma partiamo da uno schema storico.

Wiener borse

La costruzione della Borsa austriaca. Fonte: Wikipedia

L'Austria a cavallo tra il XIX e il XX secolo (ancora conosciuta come Austria-Ungheria) era una delle più grandi economie del mondo. Vienna era anche il centro finanziario di gran parte dell'Europa centrale e orientale e di parti dei Balcani. La sconfitta durante la prima guerra mondiale disintegrò l'Austria-Ungheria e la stessa Austria divenne un piccolo paese dell'Europa centrale. Nonostante l'economia sviluppata, il paese era l'ombra del suo antico potere, sia in termini di popolazione che di superficie. Dopo la seconda guerra mondiale, per decisione delle grandi potenze, il Paese doveva rimanere neutrale, il che significava che non poteva integrarsi nell'Europa del dopoguerra che stava prendendo forma: la Comunità del carbone e dell'acciaio (predecessore dell'Unione Europea ). L'Austria, nonostante la neutralità imposta dai Tre Grandi, riuscì ad aderire al Piano Marshall, ma non aderì alla NATO. Nel 1959, insieme a Danimarca, Norvegia, Portogallo, Svizzera, Svezia e Gran Bretagna, fondano l'organizzazione EFTA (European Free Trade Association). Ufficialmente L'Austria è stata membro dell'EFTA dal 1960 al 1995. Dopo 35 anni, il paese ha deciso di entrare a far parte del blocco economico competitivo: l'Unione Europea.

L'Austria è uno dei paesi più ricchi del mondo con un tenore di vita molto elevato. L'Austria è attualmente in testa in termini di PIL pro capite dopo l'adeguamento per la parità del potere d'acquisto (PPA). Tuttavia, in termini di dimensioni dell'economia, l'Austria è al quarto posto al mondo (33 posto). Il PIL nominale dell'Austria è di circa $ 477 miliardi, rispetto all'economia polacca nel 2021 di $ 674 miliardi. L'Austria è quindi un'economia sviluppata di medie dimensioni. Non sorprende che l'importanza della Borsa di Vienna sia diminuita in modo significativo negli ultimi 100 anni. A cavallo tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo, era il luogo principale per il commercio di titoli nel grande impero, ma ora è una borsa valori regionale che ha azioni in borse valori regionali più piccole (es. Praga).

Essere una piccola borsa valori regionale non significa che non puoi fare soldi in questo mercato. Ci sono molte società quotate alla borsa austriaca che hanno la possibilità di aumentare il proprio valore nei prossimi anni. Nell'articolo di oggi ti mostreremo come investire in società della borsa austriaca. Ti invitiamo a leggere.

Borsa austriaca - informazioni di base

Ludwig van Beethoven

Ludwig van Beethoven

All'inizio si negoziavano in borsa obbligazioni e buoni del tesoro e si teneva il cambio. I servizi finanziari si sono sviluppati con il progresso dell'economia. Di conseguenza, la borsa è stata utilizzata anche come luogo per ottenere capitali aggiuntivi dalle imprese. Nel 1818, la prima azienda a debuttare in borsa fu la Oesterreichische Nationalbank. È interessante notare che nel 1819 le azioni della banca (8 pezzi) furono acquistate da uno dei compositori più famosi della storia - Ludwig van Beethoven.

Il diciannovesimo secolo è stato un periodo di maggiori investimenti nelle infrastrutture di trasporto (canali e ferrovie). Non c'è da stupirsi che siano state le compagnie ferroviarie a cercare capitali per lo sviluppo alla Borsa di Vienna. Tra il 1867 e il 1873, la monarchia austro-ungarica si trovava in un periodo di rapidissima industrializzazione e rapida crescita economica. Di conseguenza, molte aziende del settore bancario, dei trasporti e industriale hanno fatto il loro debutto in borsa in questo periodo. Vale la pena ricordare che le aziende che hanno debuttato un secolo e mezzo fa sono elencate fino ad oggi. Puoi elencare qui POR AG e Wienerberg AG. Il crollo del 1873 provocò il collasso di molte società (quasi la metà delle società quotate scomparve dal mercato), con ripercussioni negative sul livello di risparmio del Paese. Di conseguenza, c'era bisogno di regolamenti legali. Alla fine, nel 1875 fu approvato lo Stock Exchange Act. Fu uno dei primi atti al mondo a regolamentare la borsa in chiave moderna. L'atto (con lievi modifiche) ha regolato il mercato mobiliare austriaco fino al 1989. La borsa ha operato praticamente ininterrottamente dal giorno della sua fondazione. Le pause più lunghe sono state causate dalle due guerre mondiali che hanno colpito l'Europa nella prima metà del XX secolo. Nel 1948, la Borsa di Vienna riprese a negoziare azioni. Tuttavia, lo sviluppo non fu dinamico, poiché in Austria a quel tempo c'era una "moda" per la nazionalizzazione delle imprese nei settori "chiave".

Tempi migliori per la Borsa austriaca arrivarono negli anni '1987, quando ci fu una grande ondata di privatizzazioni che coinvolse società come OMV (1988), Austrian Airlines (1988), Verbund (1989) ed EVN (XNUMX). Alla fine degli anni '80 si verificò anche un altro importante cambiamento: lo sviluppo del trading automobilistico. Dopo 10 anni, nel 1999, tutte le negoziazioni erano automatiche. Vale anche la pena ricordare che il sistema commerciale austriaco è stato utilizzato, tra l'altro, in in Croazia, Ungheria, Slovenia e Repubblica Ceca.

Nel 1991 ne ha debuttato uno nuovo Indice ATX (Austrian Traded Index), che raggruppa le 20 società più grandi e più liquide Borsa di Vienna. Naturalmente, questo non è l'unico indice calcolato dalla Borsa di Vienna. Il più antico è WBI (Wiener Börse Index), che è stato sviluppato nel 1968 ed è stato progettato per mostrare il comportamento del "mercato ampio". Attualmente, è composto da 60 componenti. Dominano le aziende dei settori bancario, energetico e dei combustibili. Questi tre settori rappresentano quasi la metà dell'indice. 

nel 1997 avviene un altro passo importante nello sviluppo della borsa valori viennese, la fusione della Borsa di Vienna con l'Austriaca Futures and Options Exchange (ÖTOB). Di conseguenza, è stata creata un'entità che ha consentito agli investitori di operare sui mercati cash e futures. Un'altra data importante è l'acquisizione della Borsa di Praga nel 2004.

Investire in aziende austriache

Si prega di notare che il mercato azionario austriaco è relativamente piccolo, il che significa che molti broker non offrono opportunità di investimento diretto in questo mercato. Se qualcuno è interessato al trading diretto su questo mercato, dovrebbe cercare una casa di intermediazione che ti permetta di investire a buon mercato alla Borsa di Vienna. Un'altra opzione è negoziare derivati ​​che ti danno esposizione a questo mercato (ad es. CFD sull'indice principale). Un'altra opzione è trovare un ETF che investa una parte significativa del proprio patrimonio in società ceche. Il benchmark più importante per il mercato austriaco è l'indice ATX. In sintesi, puoi investire in società austriache utilizzando:

  • selezione individuale di aziende;
  • investire tramite ETF;
  • utilizzo di derivati ​​che danno esposizione a questo mercato.

Indice ATX - Informazioni di base

L'indice ATX raggruppa le 20 società più grandi e liquide quotate alla Borsa di Vienna. Sulla base dell'indice ATX vengono creati molti strumenti derivati, come future, warrant e certificati. La composizione dell'indice è rivista semestralmente. Vale la pena notare che In contrasto con Indice DAX, ATX non include i dividendi nell'indice. Per questo motivo, viene calcolato come la maggior parte dei principali indici delle borse sviluppate. Per confrontare l'indice austriaco con il DAX tedesco, utilizzare l'ATX Total Return (ATX TR) che include l'effetto del reinvestimento dei dividendi.

00 Indice ATX

Grafico AUT20 (CFD sull'indice ATX), intervallo W1. Fonte: xNUMX XTB.

L'ATX è un indice ponderato per la capitalizzazione che è flottante. Come già accennato, ATX rivede la composizione dell'indice ogni sei mesi. I criteri di modifica sono la capitalizzazione del flottante ponderato e la negoziazione di azioni in borsa. Le revisioni dell'indice si svolgono a marzo e settembre. L'indice stesso è stato lanciato il 2 gennaio 1991 (1000 punti), ma è stato calcolato a partire dal dicembre 1985. Il livello più basso dell'indice è stato registrato l'11 febbraio 1988 (434,26 punti). A sua volta il record storico (intraday) è avvenuto il 9 luglio 2007 (5010,93 punti). Alle quotazioni di chiusura il massimo era fissato lo stesso giorno, ma il valore era di 4 punti.

Componenti dell'indice ATX

In questa parte dell'articolo, introdurremo alcuni componenti selezionati dell'indice ATX. Questa è una parte particolarmente importante dell'articolo per le persone che desiderano acquisire un'esposizione al mercato azionario austriaco. Poiché l'esposizione all'indice è dominata da società del settore finanziario, abbiamo scelto la maggior parte delle società operanti in altri settori (ad eccezione di Erste Group). Vale la pena notare che l'indice ha una rappresentazione molto ridotta di società del settore IT / telecomunicazioni (solo AT&S Austria Tech).

OMV AG

La storia di AMV AG risale al 1956, quando l'azienda iniziò ad operare come società statale. Nel 1960 aprì la sua prima raffineria a Schwechat vicino a Vienna. Nel 1968 l'azienda firma il primo contratto di fornitura gas naturale dall'URSS. Alla fine degli anni '80 l'azienda è stata parzialmente privatizzata. Nel 1987-1989, il 25% delle azioni della società è stata privatizzata. OMV sta per Österreichische Mineralölverwaltung Aktiengesellschaft. È una delle 500 maggiori società quotate. L'attività principale dell'azienda è l'estrazione, la lavorazione e la vendita olio, gas naturale e loro derivati. I membri di OMV includono Borealis AG (8° produttore di polipropilene e polietilene. Il maggiore azionista della società (con oltre il 30%) è Österreichische Beteiligungs AG, entità che si occupa della gestione degli investimenti del governo austriaco. Vale la pena ricordare che è una delle più grandi società petrolchimiche dell'Europa centrale e dell'Europa centrale e orientale.

milioni di € 2018 2019 2020 2021
reddito 22/930 23/460 16/551 35/555
profitto operativo 3/233 3/331 1/255 5/582
margine di operatività 14,10% 14,20% 7,58% 15,70%
profitto netto 1/438 1/678 1/258 2/093

Fonte: studio proprio

Immofinanz AG

L'azienda è stata fondata nel 1990 a Vienna. Sebbene sia quotata sul mercato principale della Borsa di Vienna dal 1996, nel 2013 c'è stata una quotazione parallela alla Borsa di Varsavia. Immofinanz AG è una società immobiliare con un portafoglio di edifici per uffici, appartamenti e altre strutture del valore di oltre 5 miliardi di euro. Fino al 62% del valore del portafoglio viene investito in uffici. Secondo i dati riportati dall'azienda, il livello medio di spazio occupato nel 2021 è stato del 90,6%. D'altra parte, gli immobili destinati all'affitto a privati ​​e negozi al dettaglio hanno un tasso di occupazione medio del 98,7%. Da segnalare i centri commerciali inclusi nel portafoglio di Immofinanz VIVO! e FERMA NEGOZIO. Acquistando azioni Immofinanz, l'investitore accede a portafogli immobiliari in Austria (18%), Germania (12%), Polonia (19%), Romania (15%), Repubblica Ceca (11%) e Ungheria (9% ). Le restanti quote si riferiscono principalmente ad investimenti nei Balcani e in Slovacchia.

milioni di € 2018 2019 2020 2021
reddito 332,75 366,15 377,70 375,05
profitto operativo -138,91% 63,97 165,68 149,36
margine di operatività -41,74% 17,47% 43,87% 39,82%
profitto netto 217,26 358,89 -167,01% 347,05

Fonte: studio proprio

Verbund AG

È la più grande fornitura di elettricità in Austria. L'azienda è stata fondata nel 1947 come Österreichische Elektrizitätswirtschafts-AG. La società è stata fondata a seguito del secondo round di nazionalizzazione delle imprese in Austria. La società è stata parzialmente privatizzata nel 1987, ma la quota di maggioranza (51%) è ancora detenuta dal governo austriaco. Dopo l'adesione dell'Austria all'Unione Europea (1995), il mercato elettrico è stato parzialmente deregolamentato. Di conseguenza, l'azienda è stata costretta a ristrutturare profondamente le sue operazioni. Attualmente, Verbund copre circa il 40% della domanda annuale di elettricità in Austria. Inoltre, l'azienda è il più grande produttore austriaco di energia idroelettrica (90%). Inoltre, la filiale di Verbund AG - Austrian Power Gird - possiede la più grande rete ad alta tensione in Austria. Inoltre, l'azienda dispone anche di una rete di gasdotti in Austria.

milioni di € 2018 2019 2020 2021
reddito 2/846,4 3/894,9 3/234,6 4/776,6
profitto operativo 531,7 787,4 902,9 868,8
margine di operatività 18,68% 20,22% 27,91% 18,19%
profitto netto 433,2 554,8 631,4 873,6

Fonte: studio proprio

Erste Group

È una banca austriaca che concentra le sue attività sul mercato CEE (Europa Centrale e Orientale). Le origini dell'azienda risalgono al 1819, quando a Leopoldstadt (allora sobborgo di Vienna) fu fondata la Erste österreichische Spar-Casse. Alla fine degli anni '90, la banca inizia ad espandersi nel mercato dell'Europa centro-orientale. Il motivo era il grande potenziale di questi mercati perché durante il periodo dei regimi socialisti in questa parte del mondo il livello delle banche era a un livello molto basso. Nel 2000, Erste ha acquisito una quota di maggioranza nella più grande banca ceca - Česká spořitelna. Un anno dopo, la banca ha rilevato la più grande banca in Slovacchia - Slovenská sporiteľňa. Attualmente, Erste Group ha oltre 15,7 milioni di clienti e oltre 2 040 filiali in 7 paesi. La banca impiega quasi 45 persone. Erste Group è quotato in borsa in Austria, Repubblica Ceca e Romania.

milioni di € 2018 2019 2020 2021
reddito 6/909,7 7/256,8 7/158,4 7/599,2
profitto netto 1/716,6 1/378,1 668,5 1/775,6

Fonte: studio proprio

DO & CO AG

L'azienda è stata fondata nel 1981 ed è quotata alla Borsa di Vienna dal 1998. La Do & CO AG inizialmente operava come società di catering. Nel 1987 inizia la collaborazione con la compagnia aerea Lauda Air, dove si impegna a fornire ristorazione durante i voli. Da molti anni l'azienda vince gare per servizi di ristorazione durante eventi sportivi. Dal 1992, Do & CO fornisce catering durante le gare di Formula 1. Inoltre, l'azienda ha fornito catering durante i Campionati Europei di calcio nel 2004, 2012 e 2016. L'azienda opera attualmente in tre segmenti: ristorante (hanno 31 ristoranti nel mondo), evento (ristorazione - eventi sportivi e aziendali), aria (ristorazione durante il viaggio). Nel primo trimestre dell'anno fiscale 2022/2023, i ricavi più elevati sono stati generati dal segmento dell'aviazione, che ha rappresentato il 76,2% delle vendite totali.

milioni di € Esercizio 2019 Esercizio 2020 Esercizio 2021 Esercizio 2022
reddito 847,79 935,37 253,46 705,20
profitto operativo 50,48 3,96 -22,73% 46,88
margine di operatività 5,95% 0,42% -8,97% 6,64%
profitto netto 26,40 -24,87% -35,51% 11,00

Fonte: studio proprio

ETF per il mercato austriaco

Puoi anche investire in società austriache tramite ETF. Tuttavia, va ricordato che la Borsa di Vienna ha poco fatturato e un'importanza marginale per i flussi di capitale globali. Per questo motivo, sono pochi gli ETF che offrono esposizione a società quotate alla Borsa di Vienna. 

Il più grande ETF che offre esposizione al mercato azionario austriaco è iShares MSCI Austria ETF. Il fondo è stato istituito nel 1996 e ad oggi ha accumulato circa 63 milioni di dollari in asset under management (AUM). Alla fine di agosto 2022, l'ETF aveva in portafoglio 28 società. Le componenti maggiori dell'indice erano Erste Group Bank (15,7%), Verbund AG (15,7%) e OMV (12,8%). In termini di costi, è un ETF piuttosto costoso. La commissione di gestione annuale è dello 0,5%.

Broker che offrono azioni ed ETF

Mediatore Marittimo xtb 2 Saxo Bank oltre 500 loghi
Fine Polska Dania Cipro *
Azioni in offerta circa 2300 - azioni
circa 1800 - CFD su azioni
16 scambi
19 - azioni
8 - CFD su azioni
37 scambi
circa 3 - CFD su azioni
23 scambi
Deposito minimo 0 zł
(minimo consigliato 2000 PLN)
2 000 EUR 500 zł
Piattaforma xStation Saxo Trader Pro
Saxo Trader Vai
Piattaforma Plus500

* Offerta PLUS500 CY

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Da 72% a 89% dei conti degli investitori al dettaglio registrano perdite monetarie a seguito del trading di CFD. Pensa a capire se funzionano i CFD e se puoi permetterti l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi.

CFD sull'indice austriaco

La soluzione potrebbe essere quella di investire nel mercato austriaco tramite CFD sull'indice più importante in Austria - ATX. Naturalmente, prima di investire, dovresti considerare attentamente i costi per mantenere la posizione (punti di scambio). L'indice austriaco si trova molto raramente nelle offerte dei broker Forex, ma è offerto, ad esempio, dalla casa di brokeraggio polacca X-Trade Brokers SA. La leva su questo CFD è 1:10.

Mediatore Marittimo xtb 2
Fine Polska
Simbolo dell'indice ATX AUT20
Deposito minimo 0 zł
(minimo consigliato 2000 PLN)
Min. Valore del lotto Prezzo * EUR 10
commissione -
Piattaforma xStation

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Da 72% a 89% dei conti degli investitori al dettaglio registrano perdite monetarie a seguito del trading di CFD. Pensa a capire se funzionano i CFD e se puoi permetterti l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi.

Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è una raccomandazione e non intende incoraggiare nessuno a intraprendere alcuna attività di investimento. Ricorda che ogni investimento è rischioso. Non investire denaro che non puoi permetterti di perdere.
Cosa ne pensi?
Io
33%
interessante
67%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.