Crypto
Adesso stai leggendo
73% di cittadini britannici non sa quali siano le criptovalute
0

73% di cittadini britannici non sa quali siano le criptovalute

creato Paweł MosionekMarzo 12 2019

L'Autorità britannica per il mercato finanziario, FCA, ha presentato una relazione con una ricerca sul livello di conoscenza degli inglesi criptovaluta. Sono stati controllati anche i loro atteggiamenti e la consapevolezza del loro uso.

"Le criptovalute sono un profitto facile e veloce"

L'obiettivo principale dello studio era diagnosticare le principali minacce poste dai token digitali per i consumatori britannici. Il loro rapido sviluppo e la continua moda guidata da influencer online, uomini d'affari e programmi di affiliazione spesso creano false illusioni. Si scopre che la stragrande maggioranza dei britannici crede che le criptovalute siano un modo per ottenere un reddito veloce, senza dover fare maggiori sforzi e rischi.

Ogni quarto consumatore non sa cosa siano le criptovalute

I risultati della ricerca hanno mostrato chiaramente che la maggioranza, pari al 73% degli intervistati, non sa quali sono le risorse crittografiche e per quale scopo sono state create. La parte rimanente, che parla fluentemente l'argomento, è per lo più uomini da 20 a 44 anni. Il rapporto dice anche che solo il 3% di tutti gli intervistati ha effettuato una transazione relativa alle criptovalute, di cui 50% di esse sono transazioni con un valore non superiore a 200 GBP.

Nonostante le transazioni relativamente piccole, la ricerca ha dimostrato che pochi trader hanno effettuato ricerche precedenti prima di prendere una decisione per acquistare monete virtuali. Ciò che è interessante,

Christopher Woolard, direttore esecutivo di Strategia e concorrenza di FCA, ha dichiarato:

"Questi studi ci forniscono prove che non avevamo mai avuto in precedenza sull'interazione dei consumatori con crittografi. Questo ci aiuterà a garantire che agiamo su prove, cercando di proteggere i consumatori e l'integrità del mercato. I risultati suggeriscono che sebbene la crittografia possa non essere ben compresa da molti consumatori, la maggior parte di essi non li compra o non li utilizza oggi. Mentre la ricerca suggerisce alcuni danni ai singoli utenti crittografici, essi non implicano un grande impatto sulla società in generale. Tuttavia, le crittografie sono prodotti complessi e volatili: i consumatori che investono in essi dovrebbero essere pronti a perdere tutti i loro soldi ".

Secondo l'intervistato, la criptovaluta più popolare è Bitcoin (50% dei voti delle persone che acquistano o acquistano token). Al secondo posto con il risultato 34% Ethereum.

BITCOIN BROKERS UFFICIALE - SOMMARIO

Il prossimo passo della FCA, in collaborazione con la National Bank of England e HM Treasury, è condurre ricerche sul divieto di vendita di determinati tipi di beni crittografici investitori individuali in Gran Bretagna. Questa idea è stato inizialmente presentato nell'ottobre dell'anno scorso.

L'intero contenuto del rapporto FCA

Cosa ne pensi?
Io
0%
interessante
100%
Eh ...
0%
Cosa?
0%
Non mi piace
0%
Tragedia
0%
Circa l'autore
Avatar
Paweł Mosionek
Un trader attivo nel mercato Forex dall'anno 2006. Redattore del portale Forex Nawigator e redattore capo e co-creatore di ForexClub.pl. Relatore alla conferenza "Focus on Forex" presso la Warsaw School of Economics, "NetVision" presso l'Università di tecnologia di Gdańsk e "Intelligence finanziaria" presso l'Università di Danzica. Vincitore di due volte di "Junior Trader" - un gioco di investimento per studenti organizzato da DM XTB. Dipendente da viaggi, motocicli e paracadutismo.

Lascia una risposta