Notizie
Adesso stai leggendo
Le dieci priorità politiche di Joe Biden
0

Le dieci priorità politiche di Joe Biden

creato Forex ClubGennaio 21 2021

Il 20 gennaio 2021, Joseph Robinette Biden ha prestato giuramento come 46 ° presidente degli Stati Uniti. In termini di direzione politica, questo cambiamento potrebbe essere un po 'meno drammatico che dopo la presidenza Obama, ma come Trump, l'amministrazione Biden agirà altrettanto rapidamente per annullare la decisione del suo predecessore. Nel contesto di un'America eccezionalmente divisa, ciò significa che quando una parte ottiene il potere, mira a contrastare gli effetti delle politiche dell'altra parte. Biden ha detto che emanerà senza indugio una serie di regolamenti di attuazione, ma questo articolo discute dieci principali aree politiche per la nuova amministrazione: cinque per gli affari interni, cinque per gli affari esteri.


Report preparato da un team di analisti Saxo Bank - controlla di più.


La politica nazionale di Biden

# 1. Combattere Covid: il compito dal primo giorno

Il compito più importante di Biden da quello che chiama "giorno uno" è affrontare la crisi del Covid-19; ha chiesto da tempo 100 giorni di restrizioni sulla maschera facciale per consentire il tempo di vaccinare per prevenire nuovi ceppi pericolosi del virus, abbassare la mortalità e ridurre il carico complessivo per gli ospedali statunitensi. È probabile che Biden eserciti pressioni a livello federale per istituire una rete nazionale di centri di vaccinazione in accordo con le autorità statali. Fornire ai cittadini un accesso equo e rapido al vaccino sarà fondamentale per ottenere il sostegno popolare dopo i primi sei mesi dell'anno. Se queste misure avranno successo, potrebbe significare un primo trimestre debole e l'inizio del secondo, mentre ci sarebbe una ripresa nella seconda metà dell'anno. Consideriamo anche la possibilità di un "boom catastrofico" destabilizzante perché sia ​​la riduzione della domanda dovuta ai blocchi che i risparmi come risultato del massiccio afflusso pandemico di fondi fiscali nell'economia hanno portato a un picco di attività e inflazione. Ciò indicherebbe un possibile errore politico da parte Federale e il governo a causa dell'attuazione di uno stimolo fiscale eccessivo, che potrebbe portare a un aumento della volatilità in quanto è probabile che vengano ritirati troppo presto.

Un tale scenario potrebbe portare a risultati drasticamente diversi per i nostri panieri azionari tematici, in quanto i titoli legati al nostro "indice di sfortuna", inclusi i settori dell'energia, del turismo e dell'intrattenimento, ne trarranno inizialmente vantaggio, così come i titoli legati all'inflazione più elevati, mentre allo stesso tempo rischiano in grande diminuire se l'inflazione aumenterà troppo nel corso dell'anno.

# 2. La stabilizzazione sociale prende il comando

I cicli di salvataggio odierni tendono a concentrarsi sui mercati finanziari dove il dolore si fa sentire più rapidamente e la stabilizzazione del sistema finanziario è vista come un prerequisito. sine qua non stabilizzare l'economia. Tuttavia, la recessione correlata a Covid è diversa poiché la disuguaglianza è più grande che mai e la tradizionale risposta politica incentrata sul mantenimento del funzionamento dei mercati finanziari ha solo peggiorato la situazione, innescando un'ondata di fallimenti delle piccole imprese e la perdita di decine di milioni di posti di lavoro peggio pagati, mentre lo stimolo fiscale hanno rafforzato i successi dei colossi di Internet, e forse hanno sostenuto l'economia cinese alla pari di quella statunitense, vista la domanda di merci importate. Questa volta stabilizzare l'economia significherà stabilizzare la società per prevenire quella che ora è conosciuta come una rivolta armata - come potrebbe sembrare che abbiamo visto sia nel 2020 che durante le rivolte del Campidoglio di due settimane fa.

In questo contesto, l'amministrazione Biden si concentrerà principalmente sulla fornitura di una rete di sicurezza per i più a rischio, prevenendo gli sfratti, aumentando il salario minimo, aumentando la copertura e riducendo i costi. Un rapido aumento del salario minimo porterà inevitabilmente alla scomparsa di alcune occupazioni a basso salario, che richiederà un maggiore sostegno per i disoccupati, quindi potenzialmente potrebbe esserci una continuazione di ciò che è de facto l'introduzione di un reddito di base incondizionato attraverso il controllo degli aiuti. Dopo che la pandemia sarà finita, la continuazione della politica dell'UCI potrebbe essere ostacolata dalla resistenza repubblicana, ma non c'è più alcun partito di "responsabilità fiscale" e non ci sarà una svolta verso l'austerità, come è stato il caso dopo la crisi del 2008-2009. Cosa significa? I deficit fiscali causati da una politica simile alla Modern Monetary Theory (MMT) rimarranno al loro livello attuale fino a quando non saranno ridotti dall'inflazione. Salari più alti, soprattutto per coloro che spendono tutti i soldi che guadagnano, mettono pressione sull'inflazione e sui margini per le aziende incapaci di aumentare i prezzi all'aumentare dei costi. L'amministrazione Biden può trovare sostegno popolare per i grandi progetti infrastrutturali, che sono probabilmente il modo più produttivo per utilizzare gli stimoli fiscali, in particolare se gli investimenti migliorassero le condizioni delle comunità più svantaggiate nelle città americane grandi e piccole. In questo contesto, occorre prestare attenzione alla portata dei seri sforzi per ricollocare la produzione nel territorio degli Stati Uniti.

Social media ed elezioni - Dopo le elezioni del 2020, è più chiaro che mai che gli Stati Uniti hanno bisogno di migliorare la propria infrastruttura elettorale, coprendo di tutto, dai diversi metodi di voto al conteggio dei voti. Gli americani non possono permettersi una ripetizione del disastro elettorale del 2020, che è stato notato troppo tardi dato il margine di vittoria di Biden, quindi devono assicurarsi che nella notte delle elezioni 2022 il risultato sia annunciato in modo rapido e trasparente. Si spera che gli Stati Uniti possano raggiungere questo obiettivo per le prossime elezioni e nel 2024, forse attraverso l'uso della tecnologia blockchain e altre soluzioni per garantire un tasso di conteggio dei voti più veloce ed evitare il diluvio di teorie del complotto sui social media.

# 3. L'agenda per il clima: piccoli passi

Anche se il clima era in cima all'agenda durante la campagna elettorale, in particolare per accontentare l'ala più progressista del Partito Democratico, almeno il 2021 sarà caratterizzato da parole grosse piuttosto che da spese sostanziose. Il concetto di un'infrastruttura tecnologica verde da 7 trilioni di dollari delineato nella campagna non sarà adottato da un Congresso fortemente diviso. Tuttavia, la spesa per l'ecologia sarà inclusa nel programma, sarà attuata dal bilancio dello Stato, contribuendo solo ad aumentare il rischio di inflazione, sia limitando gli investimenti in energia più economica da combustibili fossili sia a causa degli alti costi di costruzione di infrastrutture energetiche verdi. Tuttavia, c'è da aspettarsi una diffusa opposizione all'attuazione dell'Agenda Verde nel 2022 se - molto probabilmente - un investimento insufficiente in energia nera (combustibili fossili) si tradurrà in un forte aumento dei prezzi per i consumatori, che continueranno a utilizzare auto a benzina nella stragrande maggioranza dei casi. L'impatto psicologico dei prezzi della benzina al dettaglio non dovrebbe mai essere ignorato.

A più lungo termine, ci auguriamo che parte della spesa energetica venga reindirizzata all'energia nucleare di prossima generazione, sia per i nuovi reattori sia per la ricerca di base ei progetti per dimostrare l'energia da fusione nucleare. In sintesi, le fonti energetiche alternative non sono in grado di sostituire l'energia da combustibili fossili in termini di sistema, perché la produzione di energia è troppo dispersa e solo l'energia nucleare può essere un sostituto affidabile se vogliamo mantenere un tenore di vita simile a quello attuale e la relativa intensità energetica dell'economia moderna.

# 4. Giganti monopoli di Internet: un quadro normativo per FAANG?

Monopoli IT, da Facebook i Google po Amazon, erano sul radar delle autorità di regolamentazione anche prima della pandemia Covid-19. E poi è arrivata la risposta alla pandemia, che non solo non ha frenato la loro attività, ma di fatto ha fornito una spinta turbo ai prezzi delle loro azioni a causa dell'aumento dei moltiplicatori di valutazione a seguito dei tagli dei tassi di interesse e del fatto che i blocchi hanno innescato un boom nel business e negli acquisti online. chiudere e limitare le attività di negozi fisici, ristoranti e luoghi di intrattenimento. 

I monopoli ricavano troppi profitti extra dall'economia, superando di gran lunga la possibile produttività offerta in cambio. Nel 2021 abbiamo già a che fare con giganti globali mostruosi. Entrambi i partiti politici americani stanno diventando sempre più consapevoli di questo fatto e sono pronti a prendere provvedimenti per rimediare. Nel 2020, una commissione bilaterale al Congresso ha fatto risultati significativi gettando luce negativa sulle principali società IT, mentre la Commissione federale per il commercio degli Stati Uniti e molti procuratori generali avevano già aperto un caso contro Facebook. Nel 2021, i regolatori statunitensi scopriranno finalmente che questi monopolisti stanno minacciando l'economia, altre imprese e persino la stabilizzazione sociale. La regolamentazione del contenuto, della divisione e dell'esclusione dell'intermediazione in relazione all'uso dei dati degli utenti potrebbe essere rafforzata. Poiché negli ultimi anni una manciata di società di primo piano ha rappresentato la maggior parte della crescita della capitalizzazione nel mercato azionario statunitense, le implicazioni per gli investimenti statunitensi saranno enormi.

# 5. Tassazione: un cambiamento nel tempo

A causa della necessità di rispondere alla pandemia e al coronavirus, la questione della politica fiscale prenderà ulteriore posizione almeno fino alla fine del 2021, nonostante il fatto che durante il periodo della campagna, Biden abbia annunciato il ritiro di alcuni tagli fiscali di Trump per gli imprenditori americani e altre riforme fiscali, stabilendo che solo la parte superiore 1% dei lavoratori. Uno degli aspetti sottovalutati della riforma fiscale di Trump è il fatto che ha aumentato drasticamente la tassazione dei più alti guadagni nelle regioni - per lo più Stati con diritto di voto democratico su entrambe le coste - con le tasse statali e locali più elevate perché le soglie per gli ammortamenti sono state abbassate drasticamente. Era un gioco di società brutale. Se Biden non è in grado di invertire queste norme fiscali e quindi aggiungere ulteriori tasse federali alle tasse statali e locali, le città e gli stati costieri potrebbero trasformarsi in città fantasma per l'élite, abbassando ulteriormente le basi fiscali locali e guidando locali sottoinvestiti. il settore pubblico in una spirale del debito.


La politica estera di Biden

Mentre i presidenti spesso perseguono una politica fortemente incentrata sugli affari interni, la natura del potere esecutivo del presidente significa che non ha molto spazio di manovra nell'attuazione delle politiche interne senza un forte controllo da parte del Congresso, che esercita "il potere sulla borsa". Ad esempio, sei degli otto anni della presidenza Obama sono passati senza alcuna azione sul fronte interno e Biden ha solo un piccolo margine di controllo sul Congresso. Tuttavia, nel contesto della politica estera, i presidenti degli Stati Uniti hanno ampia libertà di azione e Biden darà alle relazioni estere degli Stati Uniti un nuovo stile distinto, anche se vengono mantenute alcune tendenze della presidenza Trump, in particolare per quanto riguarda la Cina. Queste sono le cinque aree principali della politica estera.

# 6. Relazioni con la Cina: cambiare lo stile invece dell'essenza della relazione

Entrambi i partiti politici americani sono sempre più ostili alla Cina, e Biden potrebbe ritirarsi dalle poche (se nessuna) azioni avviate da Trump contro il Regno di Mezzo - dal vietare la vendita di tecnologia negli Stati Uniti al produttore cinese di apparecchiature per le telecomunicazioni Huawei e chiamare alleati ad adottare misure simili, ad azioni volte a limitare il finanziamento delle società cinesi quotate negli Stati Uniti a causa di standard di revisione e presunti legami con l'industria militare. 

Naturalmente, Biden adotterà uno stile di comunicazione completamente diverso con la Cina: non aspettatevi tweet taglienti che minacciano di imporre tariffe inaspettate o espressioni della simpatia speciale di Biden per Xi Jinping. Ci sarà un inasprimento piuttosto lento di azioni simili a quelle già intraprese, che approfondiranno ulteriormente le divisioni tra questi paesi e invieranno un chiaro segnale alle aziende americane che dovranno cercare fonti alternative di produzione al di fuori del Medio Regno. Ciò porterà inevitabilmente alla competizione per l'influenza tra i partner commerciali a livello mondiale, nel peggiore dei casi causando un lento tuffo in una sorta di guerra fredda finanziaria e commerciale globale, ovviamente - si spera - priva di brutali guerre per procura nello stile della precedente Guerra Fredda, ma puntando a la frammentazione del sistema monetario mondiale e dell'economia globale in quanto tale. Se e in che misura gli Stati Uniti saranno in grado di persuadere i suoi principali partner commerciali e alleati tradizionali in Asia ed Europa ad adottare una posizione aggressiva contro la Cina sarà cruciale durante i primi due anni di presidenza di Biden.

# 7. Taiwan: il pilastro della tecnologia mondiale

Taiwan è un centro di gravità economico globale perché, secondo le stime di alcune industrie, è l'unico paese in grado di produrre in serie i microprocessori più avanzati, ed è responsabile della metà della produzione mondiale di semiconduttori e del 90% dei microprocessori più avanzati. È anche una gravità geopolitica nel contesto della continua lotta per il dominio tecnologico tra Washington e Pechino, dopo che gli Stati Uniti hanno preso provvedimenti per impedire ad alcune aziende cinesi, in particolare Huawei, di fornire microprocessori contenenti tecnologia americana, anche se fabbricati per Taiwan o qualsiasi altro paese.

Come farà la Cina ad affrontare questa sfida quando finora non è riuscita a costruire le proprie fabbriche e le sue aziende chiave dipenderanno dalla produzione taiwanese, indipendentemente dall'accesso alla tecnologia americana, almeno per i prossimi due anni? Qualsiasi interruzione dell'approvvigionamento a Taiwan, per qualsiasi motivo, sarà particolarmente problematica per l'industria tecnologica e quasi ogni aspetto dell'economia se a quell'oca d'oro viene impedito di deporre uova d'oro. Sia geopoliticamente che economicamente, Taiwan è cruciale.

# 8. Russia: chiudere un occhio? 

Nonostante le numerose citazioni di flirt tra Trump e Putin negli ultimi anni, l'amministrazione Trump ha assunto una posizione relativamente dura su Mosca, in particolare per quanto riguarda l'imposizione di sanzioni, e ha persino preso provvedimenti contro il progetto del gasdotto russo-tedesco Nordstream 2 per la fornitura di gas russo direttamente in Germania, bypassando l'Ucraina. Tuttavia, la Russia potrebbe trovarsi sotto una nuova pressione da parte dell'amministrazione Biden, in parte perché i democratici continuano a credere che Mosca sia stata pesantemente coinvolta in sconvolgimenti e disinformazione durante le elezioni del 2016, e forse anche nell'ultimo attacco informatico imputato alla Russia. servizio. Il raffreddamento delle relazioni potrebbe approfondirsi e rendere ancora più difficile per la Russia accedere al sistema finanziario basato sul dollaro e attrarre investimenti esteri. Ciò potrebbe influire negativamente sul tasso di cambio del rublo e sulle attività russe. Ancora più importante, tuttavia, data la dipendenza della Russia dalle esportazioni verso l'Europa, la questione russa potrebbe rivelarsi la prova principale della forza delle tradizionali alleanze USA-Europa, così come le conseguenze della stessa UE nella creazione di un sistema finanziario basato sull'euro che è abbastanza robusto per farlo. essere in grado di funzionare in modo indipendente.

# 9. Medio Oriente: nessuna buona scelta

Non siamo in grado (né vogliamo) di prevedere risultati specifici, ma il Medio Oriente è stato tradizionalmente un calderone di problemi pericolosi, e questo pericolo è aggravato dall'incerta disponibilità di cibo in alcune parti della regione in un momento di prezzi impennati. Molte persone incolpano la Primavera araba e persino la guerra civile in Siria per aver destabilizzato l'accesso al cibo; nel caso della Siria c'è anche la siccità. La pressione per abbandonare i combustibili fossili nei paesi sviluppati può aumentare i rischi poiché le esportazioni di gas e petrolio sono la spina dorsale economica della regione. L'adozione da parte di Biden di una posizione meno aggressiva nei confronti dell'Iran potrebbe anche creare tensione nella regione, e la crescente dipendenza della Cina dal petrolio importato dal Medio Oriente rispetto agli Stati Uniti significa che il coinvolgimento della Cina nella regione aumenterà inevitabilmente, dato che Le importazioni cinesi di petrolio sono più che raddoppiate negli ultimi 10 anni. La Cina è attualmente il più grande importatore di petrolio greggio.

Un altro attore regionale chiave è la Turchia, che sta giocando su più fronti, ed è improbabile che il presidente Biden si riveli un alleato del presidente Erdogan tanto quanto Trump dopo che Ankara ha acquistato un sistema di difesa missilistica dalla Russia. La Turchia sarà in grado di mantenere l'adesione nominale alla NATO e l'amministrazione Biden cercherà di esercitare ulteriori pressioni su di essa sotto forma di sanzioni?

# 10. Europa e istituzioni multilaterali: al massimo parole grosse 

La presidenza Trump ha posto un grande problema all'UE perché segnata dal più grande indebolimento delle relazioni diplomatiche tra gli Stati Uniti ei suoi maggiori alleati dalla Seconda Guerra Mondiale. Durante i quattro anni in carica di Trump, l'Europa si è sentita isolata e ha persino temuto per la sua sicurezza sulle minacce di Trump di ritirare la protezione militare e allentare gli impegni della NATO, per non parlare delle potenziali ripercussioni finanziarie della politica commerciale protezionistica di Washington. Quali cambiamenti avverranno durante il mandato di Biden? All'inizio, molto probabilmente l'amministrazione si prenderà del tempo per attuare la nuova politica commerciale protezionistica e dirà molto sulle relazioni tradizionalmente amichevoli, che forniranno sollievo a breve termine. Ci sono, tuttavia, molte aree in cui gli Stati Uniti e l'Unione europea possono schierarsi contro schieramenti, dalla suddetta politica nei confronti della Russia alla volontà dell'UE di prendere posizione sulla sempre più profonda rivalità Washington-Pechino. Inoltre, l'elettore americano medio, sempre più autodiretto, non si preoccupa dell'Europa.

Biden sarà anche disposto a normalizzare il coinvolgimento degli Stati Uniti in istituzioni multilaterali come le Nazioni Unite e l'OMS, e le iniziative legate alla lotta internazionale al cambiamento climatico. Queste istituzioni, tuttavia, non sono molto popolari - in particolare l'OMS e il suo disastro di immagine legato al ritardo nell'annuncio della pandemia Covid - e anche le attività in questo settore potrebbero rivelarsi sorprendentemente limitate. Ci si aspetta che il populismo economico aumenti, il che potrebbe rappresentare una minaccia per qualsiasi iniziativa politica non nazionalista, "globalista". La presidenza di Biden può dimostrare che l'agenda populista di sinistra può essere tanto un'agenda protezionistica americana quanto un populismo di destra. Ad esempio, l'agenda sul clima potrebbe essere utilizzata per sanzionare il Brasile per aver distrutto le foreste equatoriali. Il populismo di sinistra potrebbe anche aumentare il divario tra Pechino e Washington a causa delle critiche della sinistra nei confronti della Cina per quanto riguarda i diritti umani e lo status del paese come il più grande emettitore di CO2 del mondo a causa di un'intensa economia del carbone.

Cosa ne pensi?
Io
20%
interessante
80%
Eh ...
0%
Shock!
0%
Non mi piace
0%
ferita
0%
Circa l'autore
vuoto
Forex Club
Forex Club è uno dei più grandi e antichi portali di investimento polacchi - forex e strumenti di trading. È un progetto originale lanciato nel 2008 e un marchio riconoscibile focalizzato sul mercato valutario.

Lascia una risposta